Magazine Cucina

Cavolfiore viola in padella con zenzero, olive, capperi e pomodori secchi

Da Rombobombo

Avete mai visto il cavolfiore viola? io ammetto che mi era sfuggito, l'ho scoperto per caso tra le delizie dell'inverno nel banco del mio contadino di ficucia. Non lo avevo mai visto, è bellissimo quasi quasi dispiace pensare di metterlo in padella.... Il suo sapore è più delicato del cavolfiore bianco e le sue cimette sono meno compatte tra di loro. Io ve lo propongo in padella con un sughetto mediterraneo di olive capperi e pomodori secchi. Un piatto veloce e colorato oltre che particolarmente gustoso.

Cavolfiore viola in padella con zenzero, olive, capperi  e pomodori secchi

2 cavolfiori viola circa 700gr

un pezzetto di radice di zenzero fresca (circa un cm)

1 cucchiai di olive taggiasche

1 cucchiaino di capperi sotto sale

mezzo bicchiere di brodo vegetale (o acqua)

Pulite il cavolfiore e riducetelo a cimette. Tritate molto finemente la radice di zenzero, mettetela in una larga padella insieme allo spicchio di aglio e 2 cucchiai di olio evo, fate soffriggere. Aggiungete le cimette di cavolfiore e cuocete a fuoco vivo per circa cinque minuti, girando spesso, in modo che il cavolfiore si rosoli un pò e si insaporisca bene. Salate leggermente (poco perchè olive, capperi, e pomodori secchi daranno molta sapidità al piatto) unite capperi, olive, e i pomodori secchi ridotti a piccola dadolata. Lasciate insaporire ancora circa 2 minuti girando sovente. Aggiungete il mezzo bicciere di brodo vegetale, abbassare il fuoco, coprire la padella con un coperchio. Cuocere il cavolfiore ancora circa 10-15 minuti, girando di tanto in tanto perchè si cuoccia in modo uniforme. Il cavolfiore deve risultare tenero ma non disfarsi.

Servite come controno, come piatto unico accompagnato da riso pilaf o usate come condimento per la pasta.

Cavolfiore viola in padella con zenzero, olive, capperi  e pomodori secchi

Cavolfiore viola in padella con zenzero, olive, capperi  e pomodori secchi


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :