Magazine Informatica

Cellulari e tablet driver di crescita per il 10% delle PMI italiane

Creato il 16 ottobre 2014 da Alessandro Nuvoloni @GestProcessi

Cellulari e tablet driver di crescita per  il 10% delle PMI italianealenuvoloni:

Cellulari e tablet sono percepiti come “driver strategici” per raggiungere una clientela ampia e connessa (e per questo più facilmente raggiungibile): sono infatti oltre 29 milioni i clienti finali in Italia che accedono a internet da mobile, e in generale il mondo del web viene visto come una grande opportunità per sviluppare nuovi canali di business (13%) e intrattenere rapporti commerciali con l’estero o avere un rapporto più “di prossimità” con i propri clienti fidelizzati.
Complimenti a MARCOMM NEWS per questo interessante articolo che ribloggo per consentirne una maggiore diffusione. :)

Cellulari e tablet driver di crescita per  il 10% delle PMI italianeOriginally posted on MARCOMM NEWS:

Raddoppiano rispetto al 2013 le piccole e medie imprese che individuano nelle nuove tecnologie un’opportunità per affrontare la crisi economica

crescita-Le aziende italiane che identificano le nuove tecnologie come un’importante opportunità di sviluppo per il proprio business sono raddoppiate rispetto all’edizione 2013 del sondaggio internazionale Zurich sulle PMI, passando dal 5% al 10%. Cellulari e tablet sono percepiti come driver strategici per raggiungere una clientela sempre più numerosa: sono infatti oltre 29 milioni i clienti finali in Italia che accedono a internet da mobile, e in generale il mondo del web viene visto come una grande opportunità per sviluppare nuovi canali di business (13%) e intrattenere rapporti commerciali con l’estero.

Trovare nuovi segmenti di clientela è infatti una delle più importanti opportunità identificate dalle PMI italiane (23%) per uscire dalla crisi e risultano in crescita anche le aziende che avvertono nell‘espansioneverso mercati esteri (11%) un’occasione per sviluppare nuove…

View original 412 altre parole


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :