Magazine Opinioni

Ciao, Brutto

Da Loredana V. @lorysmart

 

Concentrata sui Mondiali di calcio, mi era sfuggita la notizia della morte di Eli Wallach.

Era davvero molto anziano, 98 anni, ma aveva iniziato a recitare solo nel 1956, quindi all’età di 41 anni, in Baby Doll diretto da Elia Kazan, cui erano seguite altre pellicole sotto la regia di altri grandi del cinema come Don Siegel (Crimine silenzioso), John Sturges (I magnifici sette), Henry Ford (La conquista del West).

Ci fu poi l’incontro con Sergio Leone, con il quale girò “Il buono, il brutto, il cattivo”. Non fu l’unico film girato sotto la guida di registi italiani: Giuseppe Coluzzi lo diresse ne “I quattro dell’Ave Maria”, dove si affermò anche la coppia Terence Hill-Bud Spencer, e Sergio Corbucci ne “Il bianco il giallo, il nero”, oltre a moti altri.

Ho una vasta scelta delle pellicole da lui girate, tra le quali anche una delle ultime, del 2006, “L’amore non va in vacanza”, (con Cameron Diaz e Kate Winslet), dove interpreta la parte di un anziano sceneggiatore che non vuole presenziare ad una festa in suo onore perché si vergogna di farsi vedere debilitato e dipendente dal deambulatore per potersi spostare.

L’ultimo suo film però è del 2010, Wall Street – il denaro non dorme mai, però questo purtroppo non ce l’ho.

Comunque, per tutti noi italiani credo che rimanga “Il Brutto”, ed è con questo nome che lo saluto…. e qui di seguito, metto la sua apparizione per la consegna dell’Oscar alla carriera.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ciao Bob

    Ciao

    Bob Hoskins ci lascia all’età di 71 anni. Attore britannico, candidato all’Oscar nel 1986, lo ricordo soprattutto per due pellicole a cui mi legano... Leggere il seguito

    Da  Russell81
    ATTUALITÀ, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ciao proletariato!

    Ciao proletariato!

    La differenza fra la critica del capitalismo moderno fatta da Debord e quella di Moishe Postone, ovvero: i limiti della critica di Guy Debord di Michel Prigent... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Ciao, Maria

    Ciao, Maria

    . Ho pensato tanto se scriverne o meno, e come scriverne, qui, a tutti coloro che vorranno leggerne: per me il dolore è privato, intimo e personale. Parlarne è... Leggere il seguito

    Da  Melagranata
    CUCINA
  • Per dirti ciao - 2013

    dirti ciao 2013

    Un anno che volge al termine con la tristezza nel cuore. Un anno scivolato via dalle mani in un battito di ciglia.Un anno impegnato, che mi ha dato... Leggere il seguito

    Da  Rougeandchocolate
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Ciao Ciao Mamma

    Ciao Mamma

    Ciao amiche del web...ho pensato a lungo se scrivere questo post o meno, ma alla fine questo non è più solo un "contenitore" di lavori, ma è diventato un... Leggere il seguito

    Da  Sadilla
    DECORAZIONE, HOBBY, LIFESTYLE
  • Ciao 2013..

    Sta per finire.. tra poche ore diremo “addio” per sempre ad un altro anno, il 2013, un anno lungo sotto alcuni punti di vista ma al tempo stesso volato via in u... Leggere il seguito

    Da  Manuela Boldi
    CUCINA, RICETTE
  • Ciao Gennaio

    Ciao Gennaio

    Beh, allora ciao Gennaio. In quanto primo mese dell’anno, oltre agli impegni e agli obiettivi presi mensilmente, c’è anche da smistare e smaltire tutto il caric... Leggere il seguito

    Da  Betuli
    CUCINA, RICETTE

Magazines