Magazine Attualità

Ciao Stefano

Creato il 17 marzo 2014 da Vpostulato @luballets
Questa è una storia come tante altre che si sono già sentite e come altre ancora che certamente – purtroppo – si sentiranno. La storia di un bravissimo ragazzo, senza colpe, ucciso dall’ennesimo bandito di strada.
La differenza con le tante altre storie, storie vere, che si ripetono, si ripetono, si ripetono è che il ragazzo in questione questa volta lo conoscevo bene. Eravamo amici. E il meno che posso fare è scrivere poche righe per descrivere la smaccata assurdità e crudeltà della vicenda della sua morte: perché davvero alcune volte, al di là della sfortuna, dell’errore umano o dell’imprudenza, alcune volte il senso di ingiustizia e di impunità che circonda queste tragedie ti lasciano sgomento.
Nessuno merita di morire a 31 anni e sono sempre i migliori quelli che se ne vanno ma nel caso di Stefano, nessuno più di lui meritava di non fare la fine che ha fatto. Stefano era un ragazzo semplice, umile e dai saldi valori: prima gli amici del quartiere, una laurea in geologia e il sogno dell’avventura imprenditoriale alla gestione delle miniere di Gambatesa. Poi la fidanzata, l’impegno forse meno affascinante ma più remunerativo di vigile urbano nei comuni di Chiavari e Portofino e le nozze programmate l’anno prossimo.
Tutto filava sulla corsia giusta per Stefano domenica 9 marzo 2014, e pure lui a ben vedere filava sulla corsia giusta col suo scooter. Da Portofino a Chiavari, alla fine del suo turno di lavoro come vigile stagionale. Peccato che sulla sua stessa corsia – ma nella direzione sbagliata – ci fosse pure l’Audi dell’altro protagonista della storia, Andrea, intenta in uno sconsiderato sorpasso di due auto. Pochi attimi, frontale. Stefano sbalzato dieci metri più in là e più nulla da fare. 
Questa storia è tutta una questione di corsie: chi sta dalla parte giusta e chi da quella sbagliata, della vita, della strada; chi ci rimette le penne e chi – forse - non ci rimetterà nulla o quasi. Andrea guida senza patente quella domenica. Non ce l’ha, ritiratagli poche settimane prima perché scaduta e mai rinnovata: forse – con il sert che impone controlli e analisi pulite – è troppo complicato anche solo fare domanda di rinnovo. Personalmente non ho elementi per dirlo. Fatto sta che comunque, nelle analisi di Andrea dell’immediato post incidente, vi sono tracce di cannabis, eroina e cocaina.
Andrea è di Portofino, come suo padre, gestore di un noto ristorante del borgo con frequentazioni e conoscenze altolocate. Ci si può immaginare che la vita di Andrea sia stata di ben altro standard rispetto a quella di Stefano. Andrea comunque dà una mano al padre e proprio quel giorno è in ritardo e ha fretta di arrivare per cominciare il proprio turno e per questo si butta nello sciagurato sorpasso, come probabilmente avrà fatto tante altre volte prima, con migliori risultati. La fretta, l’errore di valutazione ma – per me – anche una totale noncuranza nei confronti della vita del prossimo, vista la gratuità di una manovra già molto pericolosa, effettuata da una persona inabile a guidare. Ha tanti amici Andrea, i giornali ne hanno parlato: alcuni di questi gli esprimono solidarietà tirando di mezzo il calcio. “Forza Inter”, scrivono, come se questa tragedia fosse solo una brutta parentesi e le frivole abitudini settimanali dovessero riprendere come se niente fosse. Evidentemente, neppure una morte come questa basta a rendere umani.
Stefano è morto ma a guardarla bene questa storia è pure peggio di così: dopo pochi giorni di servizio a Portofino, investito da una persona che doveva essere fermata mesi e mesi prima dallo stesso corpo di polizia di cui egli faceva parte. Il tutto avvenuto in una cittadina talmente piccola per cui – volente o nolente – chi vive e lavora lì da anni, magari con incarichi istituzionali o di polizia, è perfettamente al corrente delle situazioni delicate riguardanti i membri della comunità. Ma certe volte non si vede perché non si vuole vedere, perché le amicizie contano più delle vite delle persone, fino a che non succede la tragedia.
Andrea è ora ai domiciliari. Nella sua casa di Portofino. Staremo a vedere quello che soldi, conoscenze  e buoni avvocati saranno in grado di fare. Stefano – invece - è stato salutato dalla città commossa giovedì. Lutto cittadino a Portofino, sindaco e rappresentanze delle forze di polizia presenti al funerale, Virtus Entella (principale squadra di calcio chiavarese, di cui Stefano era tifoso) che depone una corona di fiori in sua memoria nella partita del centenario.
Tante parole sono state spese in questi giorni per ricordarlo e, sebbene sia una magra consolazione, sono contento del fatto che l’addio da parte della città nei suoi confronti sia stato all'altezza della persona che Stefano è stato. Ciao Stefano. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ciao, mi presento!

    Ciao, presento!

    Il gioco che vi propongo oggi, è un gioco che mira a far conoscere, l’un l’altro, le persone che scrivono su “Le Note”. Forse è un obiettivo ambizioso, ma a me... Leggere il seguito

    Da  Perla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ciao mi presento! 3

    Ciao presento!

    Il gioco che voleva indurre le persone interessate a cercare di conoscere di più del mondo blog che lo circonda si è concluso, grazie al vostro apporto... Leggere il seguito

    Da  Perla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ciao, Luigi

    Ciao, Luigi

    ___________________________________________________________________________________ IL NOSTRO AMICO BLOGGER Luigi Zoppoli (Elle Zeta, Gobettiano) ci ha lasciati. Leggere il seguito

    Da  Dragor
    SOCIETÀ
  • Anche Lou Reed... Ciao

    Possa tu essere nella Pace, Lou Reed. Leggere il seguito

    Da  Matteo
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Ciao mi chiamo “3.490,50€”!

    C’è un errore bello grosso che ho fatto, mi torna in mente sempre, ovvero quello di scegliere il mio futuro in base a quello che mi proponevano e non a come io... Leggere il seguito

    Da  Annakarenina
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ciao Sandro

    Quando si parla di una persona poco dopo che ci abbia lasciati si rischia sempre di cadere nel retorico e nello scontato ed è una cosa che detesto. Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Tema: Ciao, amore ciao!

    Tema: Ciao, amore ciao!

    Sez. In viaggioSvolgimento Quattordici anni passati insieme, quasi ogni giorno ricorrevo a te, ai tuoi servigi, non mancava occasione per portarti con me... Leggere il seguito

    Da  Svolgimento
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI, DA CLASSIFICARE