Magazine Astronomia

Cicatrici marziane

Creato il 30 marzo 2015 da Aliveuniverseimages @aliveuniverseim

La sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter ( MRO) aveva ben documentato la discesa di Curiosity su Marte nell'agosto 2012 e la zona di atterraggio con diverse osservazioni successive. In ogni scena ripresa, le componenti del Mars Science Laboratory (MSL) mostrano una zona scura intorno al punto d'impatto, dove la polvere superficiale è stata scalzata via. Queste caratteristiche sono state monitorate dagli scienziati.

Cicatrici marziane

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

La fotocamera High Resolution Imaging Science Experiment ( HiRISE) ha osservato il luogo di atterraggio per oltre due anni, documentando il tasso di dissolvenza di queste aree scure. La maggior parte non sembra aver seguito un ritmo omogeneo ed alcune, dopo un progressivo indebolimento, sono diventate scure di nuovo.

Le immagini hanno monitorato le variazioni delle zone in cui quattro componenti di MSL hanno toccato il suolo, dal 6 agosto 2012 fino ad un mese fa.

La prima sequenza, qui sotto, mostra il punto di impatto dello Sky Crane, che era stato utilizzato per un "atterraggio morbido" del rover sulla superficie. Fino ad un certo punto, la macchia scura sembra svanire coerentemente ma nell'ultima immagine, ripresa a febbraio 2015, riemerge di nuovo, indicando che i processi responsabili del movimento della polvere sulla superficie di Marte non sono ancora ben compresi.

La seconda animazione, riprende la back shell e il paracadute, il cui movimento sotto l'azione dei venti marziani era già stato documentato; la successiva mostra il punto di contatto del rover; l'ultima documenta l'impatto dello scudo termico.

Cicatrici marziane

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona / Elisabetta Bonora

Cicatrici marziane
Cicatrici marziane
Cicatrici marziane

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona / Elisabetta Bonora

"I veicoli spaziali come Curiosity creano questi pattern scuri dove la polvere più chiara viene spazzata via durante lo sbarco", ha detto Ingrid Daubar, scienziato del team HiRISE al Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, California.
"Ci aspettavamo di vederli svanire man mano che il vento spostava la polvere intorno nei mesi ed anni dopo l'atterraggio, ma siamo stati sorpresi di vedere che il tasso di cambiamento non sembra essere coerente".

Lo scopo di queste osservazioni ripetute era modellare la dissolvenza per determinare in quanto tempo queste cicatrici sulla superficie del pianeta, che vengono utilizzate anche per rilevare e studiare i recenti impatti meteorici, avessero impiegato per scomparire. Inoltre, poiché la superficie scura reagisce diversamente da quella chiara (scalda di più quando è illuminata dal Sole), comprendere tali comportamenti è di fondamentale importanza per la prossima missione InSight, il cui lancio è previsto a marzo 2016. InSight implementerà una sonda di calore che penetrerà in profondità nel terreno per monitorare il calore proveniente da l'interno del pianeta.

Nel 1915 Einstein completò le leggi della relatività generale, segnando una svolta nella concezione dello spazio e del tempo. Si apriva così la nuova frontiera degli studi sul misterioso fenomeno astronomico dei buchi neri. In questo volume, Kip Thorne racconta le scoperte e le false piste della ricerca sull'argomento, esamina le conseguenze della teoria dello spazio curvo e le possibilità offerte dalla fisica dei quanti.. Leggi tutto: " Buchi neri e salti temporali. L'eredità di Einstein

"


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :