Magazine Cultura

Cinema in 5 tracce Ravenna2019

Creato il 29 luglio 2012 da Almacattleya

Cinema in 5 tracce Ravenna2019
Qualche settimana fa trovo su Youtube questo video

E così vengo a conoscenza di questa iniziativa.In pratica si tratta di associare le 5 tracce di Ravenna2019 a 5 film occupando Piazza del Popolo, la piazza principale.
Per me è un'occasione di vedere film (tranne Avatar) che non avevo mai visto.In più la visione è completamente gratuita e gli effetti collaterali sono iniziative legate a quel film.
Lunedì 23 luglio 2012:
Incontri ravvicinati del terzo tipo (Steven Spielberg, 1977) per Di soglia in soglia


Cinema in 5 tracce Ravenna2019

Questa traccia rappresenta l'altro come un altro se stesso e allora è stato scelto questo film poiché gli alieni non vengono rappresentati come invasori.
La scena dell'apprendimento, della comunicazione attraverso la musica credo che più o meno tutti la conoscano:

Però prima c'è tutto un processo per arrivare a questa scena che precede di poco la fine. Devo dire che alcune scene, prese da sé, per esempio la scena che precede il rapimento del bambino, potrebbero essere adatte per un film dell'orrore. Sentivo dei bambini piangere e uno si chiede davvero "Chi sono questi? Da dove vengono? Che cosa vogliono da noi?", le domande che spesso gli antichi si ponevano riguardo a loro.La parola "alieno" significa estraneo, appartenente ad altri, avverso e anche noi, in un certo senso, siamo degli alieni e sentiamo alieni gli altri.La musica rappresenta poi un linguaggio universale e anche nel senso letterale visto che esiste una musica proveniente dal cosmo. Attraverso la musica, possiamo decodificare le nostre intenzioni. La musica accompagna la nostra vita e noi medesimi.

Martedì 24 luglio 2012:
Il grande dittatore (Chaplin, 1940) per La danza dei contrari


Cinema in 5 tracce Ravenna2019

Film che non ho visto per via di un impegno. Film che prima o poi lo vedrò. Film che si fa ricordare:

Di solito i contrari vengono pensati come forze in combattimento perenne, forze che non possono vivere assieme eppure possono creare una danza, un girare vorticoso insieme. Se poi queste forze si uniscono o rimangono autonome non si sa, ma intanto godiamoci la danza.
E' la danza della vita.

 Universal Dance, musica di Roberto Cacciapaglia
Mercoledì 25 luglio 2012:
Moby Dick (John Houston, 1956) per Verso il mare aperto


Cinema in 5 tracce Ravenna2019

Colui che parla prima del film riprende un discorso iniziale del ragazzo che si arruola "Prendete un sentiero che vi piace e questo nove volte su dieci vi condurrà all'acqua."Ravenna non dimentica di essere stata una città di porto, una delle più importanti nell'antichità. Anzi, forse è l'ora di riscoprire questo legame ancestrale con l'acqua. Inoltre era attraverso l'acqua che si trovava la via per Bisanzio. Ora, chissà con quante "Bisanzio" potremmo avere contatti.

Cavolo, che film! Un film davvero epico che in alcune sequenze mi ricorda il western e verso la fine mi fa venire in mente un'opera teatrale. Quei discorsi recitati in maniera non pomposa, quei monologhi, quei soliloqui, la lotta di un uomo che "sputa" su Dio circondato da uomini (tranne uno) che lo ammirano per il suo coraggio, la figura di Achab così dignitosa, ma nello stesso tempo cupa... Ebbene, mi ricordano un dramma di Shakespeare.Finisco, con questo film, lasciandovi con una canzone delle mie preferite di quel cd che è Marinai, profeti e balene di Vinicio Capossela ovvero I fuochi fatui. Ascoltatela a volume alto e vi sembrerà di essere in quel mare aperto completamente aperto da essere quasi infinito.

Giovedì 26 luglio 2012:
Up (Pete Docter/Bob Peterson, 2009) per Immaginare l'immaginario


Cinema in 5 tracce Ravenna2019

La piazza era bellissima. Attaccati ai lampioni c'erano palloncini, tanti palloncini di ogni colore. Poi in fondo alla piazza, dalla parte opposta dello schermo c'erano iniziative per i bambini che però attiravano bambini di tutte le età.Io, come (quasi) sempre, ero in prima fila e i bambini circondavano la piazza: seduti sulle seggiole e per terra.Quel signore che parlava all'inizio del film (perdonatemi, ma non mi ricordo come si chiama) stavolta si rivolge ai bambini ricordando la necessità di immaginare, importante sia per i bambini piccoli sia per quelli che ormai hanno superato una certa età, in pratica dai 0-100 anni e oltre, guidati dalla curiosità e dallo spirito di avventura

Quanto ho pianto con questo film, dal ridere e dalla commozione. Inoltre devo dire che la Pixar, quando si tratta di scene senza parole, supera se stessa e molti film parlati. Ha una capacità di sintesi senza tralasciare le cose più importanti e senza dilungarsi troppo che molti film (anche quelli in carne e ossa) dovrebbero imparare. Per esempio, i primi minuti di WALL-E, quelli prima dell'arrivo di Eve, valgono da soli il film.
E  visto che qui parliamo di bambini (e anche del bambino interiore) e dell'immaginario desidero chiudere questo film con questa canzone dell'immenso Gaber:

(Le immagini che accompagnano la canzone provengono dal film I 400 colpi di François Truffaut, 1959)E ricordate una cosa molto importante... Scoiattolo!

Venerdì 27 luglio 2012:Avatar (James Cameron, 2009) per Trasformo, dunque siamo
Cinema in 5 tracce Ravenna2019

Questo film l'ho già visto, mi è piaciuto ed ecco qui cosa ne penso. Visto che è venerdì e che a Ravenna i negozi sono aperti fino a tardi e ci sono i mercatini, ho voluto fare un giro con alcuni miei amici e sono passata anche per Piazza del Popolo. Nonostante sia un film che più o meno l'hanno visto quasi tutti, che non aveva il 3D e che venerdì c'era l'apertura delle Olimpiadi (!), la piazza era gremita di persone anche sedute per terra e nelle panchine.

Il "trasformo dunque siamo" parafrasando Cartesio vuole esprimere la volontà di cambiamento non solo di noi in persona, ma anche di quelle che ci circondano.Alcuni forse contesteranno la scelta di un film blockbuster come questo eppure se gli togliamo quella patina di mainstream, c'è qualcosa che rimane: la volontà di cercare un luogo dove non solo lo sentiamo come nostro, ma anzi sentiamo che siamo noi ad appartenere a quel luogo.Quindi la trasformazione non riguarda solo noi stessi, ma anche il luogo.Pandora rappresenta un luogo non luogo dove molti, tra i quali io, desiderebbero vivere. Ora è tempo di trasformare quel luogo mentale in qualcosa di reale e non parlo del 3D.

canzone: Ebudae di Enya
Ah, giusto per la cronaca Avatar ha anche una firma ravennate ovvero Giuseppe Tagliavini, uno di quelli che s'è occupato degli effetti speciali quindi premio Oscar. Lui era un allievo dell'Accademia delle Belle Arti di Ravenna.
E con Avatar si è conclusa questa iniziativa lodevole a parer mio e non solo. Come ha detto un ragazzo che conosco, spero che questa iniziativa continui nelle estati successive e magari per un mese intero. Migliorerei le sedie che sono scomode e avrei una cosa da dire ai miei concittadini ravennati, ma immagino che non riguarda solo loro. So di essere seccante, ma le bottigliette di plastica, tutta la varia roba buttatela! Non lasciatela per terra. La regola, o meglio il buonsenso, del Lascia pulito come tu lo vorresti ritrovare è qualcosa di troppo complicato da mettere in testa? E non è qualcosa che va in vacanza solo d'estate, ma per tutti i 12 mesi dell'anno, 7 giorni su 7, 24 ore su 24 (o quasi perché immagino che se dormiamo almeno non stiamo lì a sporcare).
A parte la polemica (più che giusta) della pulizia, direi che questi film puntano molto sull'altro anche perché non possiamo esserci noi se non c'è neanche l'altro.
P.S.: Ho dato la mia disponibilità a Ravenna2019 di parlare delle iniziative che riguardano la candidatura di Ravenna Capitale della Cultura 2019 quindi, volenti o no, aspettatevi altri post simili.Buahahahahahahhaha!!!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Fantascienza al cinema

    Fantascienza cinema

    La Società Umanitaria – Cineteca sarda di Cagliari Presenta la rassegna IL CINEMA DI FANTASCIENZA Dai classici alla rivoluzione di “2001: odissea nello spazio”... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Teorie del cinema

    Teorie cinema

    In questa nuova sezione traccio un riassunto, estremamente sintetico e non esaustivo, delle principali correnti teoriche riguardanti il cinema ed i film nel... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • Rassegna cinema indipendente

    Rassegna cinema indipendente

    L’ASSOCIAZIONE CULTURALE SCHERMI RUBATIin collaborazione conU.I.C.C. (Unione Italiana Circoli del Cinema) e DISTRIBUZIONE INDIPENDENTEPresenta RASSEGNA CINEMA... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Al Cinema: recensione "Diaz"

    Cinema: recensione "Diaz"

    Sarà banale dirlo ma ci sono strumenti per misurare una vergogna, per quantificare una sconfitta.Uno di questi strumenti può essere un manganello.Il manganello... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Festa del cinema bulgaro

    Festa cinema bulgaro

    Anche quest’anno la Casa del Cinema di Roma dal 9 all’ 11 maggioospiterà la V Edizione della Festa del Cinema Bulgaro organizzata dall’Istituto Bulgaro di... Leggere il seguito

    Da  Simonilla
    CONSIGLI UTILI, CULTURA, EVENTI, LIFESTYLE
  • Calcio al cinema

    Calcio cinema

    I Campionati Europei di calcio vanno a cominciare. Per quel che ci riguarda, facciam voti agli dèi (del pallone)... Il cinema non ha mai reso un buon servizio... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Cinema frenetica passion

    Cinema frenetica passion

    intonava probabilmente mia nonna quando era giovane, tributando il suo omaggio all’arte principale del Novecento attraverso le parole di una canzonetta... Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA