Magazine Cinema

Come Dio comanda

Creato il 08 giugno 2010 da Cannibal Kid
Come Dio comandaCome Dio comanda(Italia, 2008)Regia: Gabriele SalvatoresCast: Filippo Timi, Alvaro Caleca, Elio Germano, Fabio De Luigi, Angelica Leo
“Il mondo è fatto per la gente come te. Il mondo è fatto su misura per i mediocri.”
Finalmente Gabriele Salvatores è uscito dalla mediocrità e ha fatto un film come Dio comanda. Ho sempre avuto un rapporto conflittuale con il suo cinema: diciamo subito che considero l’Oscar dato a Mediterraneo uno di quei colpi di culo inspiegabili che nemmeno il Mondiale vinto nel 2006… D’altra parte del regista napoletano milanesizzato apprezzo la voglia di sperimentare, di cambiare, di proporre qualcosa di sempre diverso e (talvolta) coraggioso per il panorama italiano. Peccato che i risultati spesso siano stati disastrosamente al di sotto delle premesse, vedi il tentativo di fare il suo Il quinto elemento con Nirvana (1997) o un Trainspotting in poco gustosa salsa italo-spagnola con Amnèsia (2002). Quando si trova a che fare con il materiale di Niccolò Ammaniti però finalmente la voglia di cinema di Salvatores si trasforma in un risultato concreto, aiutato da sceneggiature e storie finalmente convincenti. È quanto successo con il valido Io non ho paura (2003) e ancor di più con Come Dio comanda.
Come Dio comandaSalvatores pure qui non smette di guardare a modelli stranieri, in questo caso direi certo cinema indipendente americano, ma li fa per una volta totalmente suoi e riesce a rendere la remota provincia del nord-est Italia con atmosfere apocalittiche che sembrano uscite da The Road o dal mondo-discarica di Wall-E, per poi trasformarsi nella seconda parte in un incubo notturno da film de paura.Salvatores ha anche il merito di aver azzeccato completamente il cast, lasciando per una volta fuori dalle balle quell’incapace di Abatantuono e scegliendo un Filippo Timi che qua è al top dei top: con un numero alla Edward Norton riesce a diventare un magistrale personaggio da Italian History X. Quindi, Elio Germano è un “ritardato” credibile, il giovane dal volto scavato Alvaro Caleca e la bionda Angelica Leo sono due rivelazioni. Meno convincente un insopportabile Fabio De Luigi urlante, decisamente preferibile ai tempi di “Ah, la tauromachia!”Leitmotiv del film è la rassicurante e allo stesso tempo inquietante “She’s the one” di Robbie Williams, che ci accompagna in questa strana storia di un padre disoccupato con tendenze nazi che tenta di non perdere la custodia del figlio (da notare come non si faccia praticamente riferimento alla madre). Tra pazzi, esaltati, disoccupati, disadattati, assassinati, padri e figli disastrati: anche questa è l’Itaglia, oggi.(voto 7/8)
Potete trovare il film QUI
Piccola curiosità: nel locale dove Timi va a “rimorchiare” ci sono i Tre Allegri Ragazzi Morti che suonano!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gli uomini di Dio

    uomini

    Xavier Beauvois (Nord, Don’t forget you’re going to die, The young Lieutenant, Villa Amalia, The Chameleon) conquista la giuria di Cannes 2010 interpretando... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • R.I.P. Ronnie James Dio

    R.I.P. Ronnie James

    Voce leggendaria e inarrivabile dell’heavy metal, Ronnie James Dio si è spento ieri mattina, 16 maggio, stroncato dal più terribile dei mali, diagnosticatogli... Leggere il seguito

    Da  Splatterpostino
    CULTURA, MUSICA
  • Dio ti vede

    «La transizione dalla religione popolare alla religione organizzata è contrassegnata da un cambiamento nelle credenze – da quelle che hanno conseguenze concrete... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • DIO è morto.

    morto.

    Lo so che il titolo del post era scontato, e che gli appassionati di Heavy Metal e Rock già lo avrannno saputo, ma volevo comunicare che è morto Ronnie James... Leggere il seguito

    Da  Cbm
    CULTURA, MUSICA
  • «Dio è chiamato a triangolare»

    . Questa stupenda immagine chiosa un post malviniano di perfetta critica della ragion ecclesiastica. Sono momenti di gratificazione intellettuale enorme perché... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Dio con la minuscola

    Legati come ci sentiamoal motore immobile ci vuole un saltoper dire «dio è vivo»(dio con la minuscolaè amore, non offesa).Legati come schiaviavevamo sempre dett... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Che Dio mi guardi

    guardi

    ,non voglio dirti: addio,poiché questo significherebbe che ogni cosa è ormai trascorsa.I passeri, la musica, e le semplici passeggiate serotine nei quartieri... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA