Magazine Ecologia e Ambiente

COME UN AZIENDA , LA BIOSHAPE, PUò ROVINARE IL POPOLO DI UN PAESE, LA TANZANIA, SOLO PER I SUOI INTERESSI

Creato il 18 ottobre 2010 da Madyur
COME UN AZIENDA , LA BIOSHAPE, PUò ROVINARE IL POPOLO DI UN PAESE, LA TANZANIA, SOLO PER I SUOI INTERESSI
La Bioshape, azienda olandese, è in bancarotta dopo aver dilapidato 7 milioni di euro in un progetto di biocarburanti in Tanzania che non è mai decollato. Nel 2006 la società ha affittato 80 mila ettari di terreno per coltivare la jatropha , un arbusto i cui semi contengono un olio vegetale che può essere trasformato in biocarburante.
L’idea era di esportare semi dalla Tanzania per produrre biocombustibile nei Paesi Bassi. In Europa non è mai stato spedito nemmeno un seme di jatropha. E la costruzione della grande rete di impianti non è mai cominciata.
Gli unici risultati ottenuti sono quelli di disboscare una foresta tropicale e sottrarre terre agli agricoltori locali. Secondo l’amministratore delegato di Bioshape , Wilbert Hermans , “il fallimento dell’azienda è dipeso dalla decisione del governo olandese di sospendere il sostegno finanziario ai progetti di energia rinnovabile a base di biocarburanti”.
Invece secondo Nyembea , dell’organizzazione Lawyer environmental action network , le cose hanno degenerato fin dall’inizio “La BIoshape è riuscita a comprare i terreni con la complicità delle autorità locali , violando le leggi sull’affitto della terra”.
Gli agricoltori locali hanno accettato di cedere i loro terreni con la speranza di essere ricompensati. “Ma solo il 40% del compenso versato dalla Bioshape è andato agli agricoltori. Il resto è finito all’ufficio distrettuale che aveva convinto i villaggi a firmare gli accordi” dice Nyembea “Non posso parlare di corruzione , ma che diritti aveva l’ufficio distrettuale di appropriarsi di quei soldi?”.
Hermans non conosce la divisione di quei soldi. A causa del collasso l’azienda ha sospeso il finanziamento. Così non solo gli agricoltori hanno perso i diritti sulla loro terra, ma del compenso promesso dalla Bioshape.
La jatropha , nl terreno di prova, si è seccato. Gli alberi tagliati non esistono più, sono stati venduti dalla Bioshape ad un azienda olandese con sede ad Arusha. Nel 2009 la Rem, un’organizzazione che indaga sull’uso delle risorse naturali , ha condotto un inchiesta sulla Bioshape. La Rem ha scoperto, confermato da autorità locali, che l’azienda olandese tagliava e vendeva legname senza autorizzazioni.
In un paese in cui la gente è ancora denutrita , l’uso di biocarburanti prodotti localmente avrebbe fatto risparmiare la Tanzania sulle importazioni di petrolio e il risparmio avrebbe potuto essere reinvestito per rilanciare l’agricoltura e la produzione alimentare.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :