Magazine Editoria e Stampa

Come vivere sulle spalle degli altri

Creato il 14 febbraio 2014 da Beltane64 @IrmaPanovaMaino

Parassiti-e-parassitosi-nel-cane-e-nel-gatto_283Ovvero i parassiti della rete.

Sicuramente questo articolo risulterà polemico, ma è giusto che anche chi non ne è al corrente venga messo in guardia. Esistono presunti blog che vi manderanno messaggi, magari per email o contattandovi attraverso i social network, proponendovi di far parte del loro circuito, facendovi credere che il tutto verrà a vostro vantaggio, facendovi magari acquisire popolarità e prestigio. Ebbene, fate attenzione. Non è esattamente così, soprattutto se voi avete un blog e questo blog promuove autori esordienti ed emergenti e tratta argomenti letterari. Fate delle ricerche in internet prima di accettare e sentirvi lusingati perché, nella migliore delle ipotesi, trattasi di un gruppo di ciarlatani che si fanno pagare interviste e recensioni a cifre spropositate (100 euro per una intervista e 150 per una recensione) e a voi lasceranno solo le briciole del tanto declamato prestigio. Ovvero, voi farete il lavoro al posto loro, loro raccoglieranno denaro al posto vostro e a voi resterà la fama… forse. Dunque, le regole da seguire per non farsi prendere in giro sono le seguenti:

  • controllate il sito (o il blog proponente) verificando l’effettiva affluenza di visite.
  • cercate di scoprire, attraverso altri autori, se si fanno pagare (e quanto) per i servizi che offrono.
  • proponete un accordo che predisponga uno scambio proficuo anche per voi, dal momento che state “affittando” i vostri spazi per articoli che pubblicherete a nome loro.
  • pretendete uno scambio di link in modo da avere la giusta visibilità.

Dopo tutto questo, se rifiutano, avrete avuto la prova che sono dei cialtroni. Lo sport più in voga nel web, soprattutto in questo periodo, è quello in cui si cerca di ottenere il più possibile dagli altri senza dare nulla in cambio. E ricordate che se sono loro a cercarvi, sono loro ad aver bisogno di voi e non il contrario. Non solo. Stiamo parlando del vostro spazio e del vostro blog, dunque di un qualcosa che vi appartiene e che gli altri non hanno il diritto di invadere senza riconoscervi niente. Non giocate a queste regole, sarete gli unici a rimetterci.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :