Magazine

Composizioni fiori secchi

Creato il 20 settembre 2010 da Giardinaggio @Giardinaggionet

Composizioni fiori secchi


composizione fiori secchi Avendo a disposizione dei fiori secchi, si possono creare delle bellissime e molto decorative composizioni floreali che poi potremo tenere per noi oppure regalare a parenti ed amici. Se volessimo dividere queste ultime in base al loro sviluppo, potremmo parlare di attive, passive ed orizzontali. Vediamo un po’ meglio cosa significano questi tre termini. Prendono il nome di composizioni attive quelli i cui elementi floreali che le compongono, si sviluppano dalla base verso l’alto; sono invece passive quelle i cui elementi floreali si sviluppano verso il basso. Le composizioni passive si adattano particolarmente ad essere messe in luoghi alti come mensole, ripiani ecc.

Le composizioni orizzontali, come si può dedurre dal nome stesso, si sviluppano in posizione orizzontale, quindi non sono né attive né passive.

E’ bene ricordare che una tecnica non esclude l’altra, quindi per creare una bella composizione si potranno usare anche tutte tre.

Tecniche di composizione


composizione fiori secchi
Come tutti sappiamo, gli steli dei fiori secchi, al fine di creare una composizione floreale, vanno inseriti in spugne “da fiorista”. Esistono due tecniche usate per questa operazione: quella mediante l’utilizzo del punto vegetativo e quella mediante l’utilizzo dei punti di vegetazione. Ora cercheremo di spiegarle brevemente. Nella prima tecnica gli steli dei vari elementi che formano la composizione, vanno inseriti in modo che convergano tutti nel cento della stessa; nell’eseguire questa operazione bisogna fare molta attenzione soprattutto se si vogliono ottenere delle forme precise come sfere, coni ecc.

Al contrario della precedente, nella tecnica con l’utilizzo dei punti di vegetazione, ogni elemento floreale ha il suo punto di vegetazione.

Mantenimento e cura


composizione fiori secchi

Cosa molto utile da ricordare è che, anche sei i fiori sono secchi, hanno ugualmente bisogno di cure ed attenzioni; in ogni modo ci sarà sempre e comunque un fiore che durerà di più e un altro di meno e ci sarà quello che conserverà colori brillanti per più tempo e quello che scolorirà in breve tempo. Ci sono però delle regole che possono valere per qualsiasi tipo di fiore secco: ad esempio, essi non andrebbero mai posizionati in luoghi ricchi di umidità, vicino a caloriferi o esposti ai raggi diretti del sole.

Cosa molto difficile ma indispensabile è quella di eliminare la polvere che inevitabilmente si deposita sulle composizioni floreali, per ovviare a questo problema si potrà usare un phon mantenendolo alla giusta distanza.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :