Magazine Cinema

Conan il distruttore

Creato il 03 maggio 2011 da Misterjamesford
Conan il distruttoreLa trama (con parole mie): Conan, sempre legato al ricordo dell'amata Valeria, passa il tempo continuando a dedicarsi alla professione di ladro incorrendo nelle ire della manipolatrice regina Taramis, che in cambio della libertà propone al cimmero una missione che possa guidare la sua prescelta nipote fino al recupero della chiave per riportare alla vita un'oscura ed antica divinità.
A capo di una spedizione che ricorda la Compagnia dell'anello in minore, il nostro barbaro preferito dovrà superare numerose prove mortali prima di arrivare al confronto finale con Taramis e la sua divinità impazzita.
In più occasioni mi è capitato di parlare dell'annosa questione rispetto all'effettiva qualità dei sequel cinematografici, spesso e volentieri neppure lontanamente all'altezza delle pellicole originali.
Il caso di Conan il distruttore rientra perfettamente nella categoria: voluto fortemente da Dino De Laurentiis, memore dell'enorme successo avuto dalla pellicola precedente con protagonista il ruvido barbaro interpretato da Schwarzenegger, manca completamente dello spessore dato alla prima pellicola dalla regia di Milius e dalla sceneggiatura dello stesso regista e Oliver Stone, e seppur salvato da un paio di personaggi azzeccati e da una certa (auto)ironia dello stesso Schwarzy, resta di fatto un'opera destinata ai soli fan hardcore del personaggio o a tutti quelli che, da bambini, rimasero ammirati dallo spirito quasi goliardesco di questo secondo capitolo ed ora lo riguardano con affetto, senza pensare ai numerosi limiti che indiscutibilmente presenta.
Ricordo che, ai tempi delle elementari, mi divertiva molto di più schiaffarmi Conan il distruttore che non Conan il barbaro, senz'altro più truce, violento, profondo e, se vogliamo, "lento" rispetto all'avventura di questo sequel, strutturato quasi come un videogame a livelli: in particolare, ricordo quanto la parte del confronto con il mago ed il suo mostro nella sala degli specchi mi facesse letteralmente impazzire - in qualche modo, affetto o amarcord dei bei tempi andati, penso abbia quasi lo stesso effetto anche ora -.
Il personaggio di Conan, privato di quell'alone da (anti)eroe solitario e disperato, testardo e legato alla forza della sua volontà, assume i connotati di una sorta di ipertrofico superuomo dei tempi antichi, e vira sull'involontariamente comico in più di un'occasione.
Al fianco di Schwarzy in questo viaggio irto di pericoli a cercare di salvare il salvabile e portarsi a casa la pagnotta, una galleria di caratteristi affiancati da personaggi più famosi al di fuori del mondo del Cinema che non sul grande schermo come Grace Jones - indimenticabile la sua Zula, uno dei pochi charachters azzeccati di questo sequel - e Wilt Chamberlain, storico asso dell'Nba ed effettiva nemesi di Conan nel ruolo del capitano delle guardie di Taramis, Bombaata.
A completare le guest stars illustri, pur se non accreditato, l'indimenticato wrestler Andrè the giant, che vestì i panni di Dagoth, divinità furiosa, nella sua incarnazione mostruosa per la battaglia finale che lo vede opposto al nostro cimmero preferito.
Se dovessi ragionare solo con la testa, dovrei bottigliare l'opera di Richard Fleisher - uno dei mestieranti più prolifici della Hollywood degli anni cinquanta, sessanta e settanta - menando colpi neanche fossi Conan stesso per aver di fatto snaturato tutte le caratteristiche principali di quello che sarebbe potuto divenire un personaggio di culto senza incorrere nelle malelingue dei radical chic che continuano a relegarlo al limbo dei dimenticabili eroi action dell'epoca.
Eppure non riesco proprio a non sentirmi legato ad uno dei film che più allietò i miei pomeriggi d'infanzia, quando scoprivo ad ogni visione tutta la potenza della meraviglia che il Cinema era in grado di indurre nello spettatore. 

E anche ora, con Conan prigioniero nella sala degli specchi e attaccato dal mostro, o intento a posare con la spada allo scopo di intimorire le guardie mandate per ucciderlo, un brivido d'emozione mi percorre la schiena, ripensando a quando, ormai quasi vent'anni fa, sognavo di poter vivere, un giorno, avventure incredibili come quella.
MrFord
"Rise, know the strength that you feel.
Hold in your heart but never reveal.
You were called by the Gods, their powers to wield.
Guard well the secret of steel."
Manowar - "The secret of steel" -

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Conan il barbaro

    Conan barbaro

    La trama (con parole mie): Specificando che la trama di questo film dovrebbe essere ripetuta a menadito da tutti gli spettatori che superano i venticinque anni... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il trailer di Conan

    trailer Conan

    Dopo il nebbioso e quasi insignificante teaser trailer (che potete vedere qui) in cui non si vedeva praticamente nulla, finalmente Conan – quello nuovo – ha un... Leggere il seguito

    Da  Messersottile
    CINEMA, CULTURA
  • News: Il ritorno di Conan il barbaro!

    Salve a tutti!!!Ho da darvi una buona notizia. Nel caro mondo cinematografico, rivedremo il gradito ritorno di Conan il Barbaro! Leggere il seguito

    Da  Dadolful
    CINEMA, CULTURA
  • Conan the barbarian

    Conan barbarian

    Anno: 2011/ Distribuzione: 01 distribution / Durata:105’ / Genere: Fantastico / Nazionalità: USA / Regia: Marcus Nispel Nell’immaginario collettivo delle... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Conan il barbaro

    Conan barbaro

    Dopo 20 anni Conan torna sullo schermo: ancora una volta dove passa lui non cresce più l’erba.A 20 anni dallo storico Conan il barbaro con protagonista... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Conan The Barbarian (2011)

    Conan Barbarian (2011)

    Partiamo dal presupposto che Conan The Barbarian (2011), come tutti i film su Conan, non è un film su Conan. Non quello di Howard, almeno. E, per dirla tutta,... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Conan the Barbarian

    Marcus Nispel “Io sono sempre grande”, dice Norma Desmond, ex diva del muto, in “Viale del tramonto” di Wilder, “è il cinema che è diventato piccolo”. Ed era... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA

Magazines