Magazine Medicina

Conservazione cordone ombelicale: in Indonesia trapianto di staminali per trattare la paralisi cerebrale

Creato il 01 agosto 2012 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Conservazione cordone ombelicale: in Indonesia trapianto di staminali per trattare la paralisi cerebraleSono sempre di più i casi di trapianto allegenico intra familiare o trapianto autologo di cellule staminali effettuati su bambini affetti da paralisi cerebrale. Oggi vi raccontiamo il caso di Sarah Burnerwala, una bambina indonesiana di nove anni che si è sottoposta all’intervento grazie alle cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale della sua sorellina.

La diagnosi di paralisi cerebrale per Sara è arrivata all’età di cinque mesi. I suoi genitori, Shabbir and Shammin Burnerwala, hanno provato ogni tipo di cura fino al momento in cui sono venuti a conoscenza del trattamento con cellule staminali. “Non avrei pensato a un altro figlio, ma i dottori mi hanno convinto ad averne uno per aiutare Sara. Durante la gravidanza ho saputo della possibilità di trattare la paralisi cerebrale con cellule staminali del cordone ombelicale” racconta Shammin.

Il dottor Abhijit Bopardikar, direttore dell’ospedale dove è stato effettuato l’intervento, precisa che la terapia con cellule staminali non è ancora classificata come standard operativo ma che nella loro esperienza questo tipo di interventi può ottenere dei miglioramenti dei sintomi della paralisi cerebrale.

Attualmente in America il neurologo pediatrico James Carroll sta conducendo una sperimentazione su animali per verificare l’efficacia delle cellule staminali del cordone ombelicale nel trattamento della paralisi cerebrale. I primi studi su modelli animali stanno dando risultati positivi.

La paralisi cerebrale è una condizione causata da danni al cervello che si verifica prima della nascita o nel corso dei primi anni di vita e che comporta disabilità di movimento, danno all’udito, alla visione e ritardi cognitivi.

Fonte immagine: Sean Dreilinger – Flickr.com


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :