Magazine Medicina

Conservazione cordone ombelicale: utilità, uso e impieghi delle cellule staminali.

Creato il 04 settembre 2013 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute
Le staminali del cordone ombelicale sono impiegate per trattare oltre 80 patologie, tra cui leucemie, linfomi, anemie, disordini del sistema immunitario. La conservazione del cordone ombelicale consente di raccogliere le staminali del bambino al momento della nascita e di conservarle per un futuro utilizzo. Vuoi maggiori informazioni su conservazione cordone ombelicale e utilità delle cellule staminali? Clicca qui e scarica la guida gratuita! A stabilire per quali patologie è consolidato e utile il trapianto di cellule staminali ematopoietiche (come quelle del cordone ombelicale) è il Decreto Ministeriale del 18 Novembre 2009, che contiene l’elenco completo delle patologie trattabili con cellule staminali del cordone ombelicale. In alternativa a conservazione cordone ombelicale è possibile optare per la donazione del cordone ombelicale, che prevede però la perdita di proprietà delle cellule prelevate, che saranno utilizzato per il primo paziente compatibile che ne faccia richiesta. È importante sapere che le cellule staminali prelevate dal bambino al momento della nascita sono naturalmente compatibili al 100% con il bimbo (evitando dunque ogni tipo di rischio legato al rigetto in caso di trapianto) ma sono compatibili anche fino al 50% con i genitori e fino al 25% con fratelli o sorelle. Le cellule conservate possono dunque essere utilizzate non soltanto per il trapianto autologo (trapianto di cellule staminali in cui vengono trapiantate nel paziente le staminali da lui stesso prelevate) ma anche per il trapianto allogenico intra familiare (trapianto di cellule staminali in cui vengono trapiantate nel paziente le cellule staminali prelevate da un componente della sua famiglia). Per maggiori dettagli su come avvengono conservazione cordone ombelicale e prelievo delle cellule staminali al momento del parto clicca qui.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :