Magazine Informazione regionale

Corea del Nord: gulag dimenticato!!

Creato il 14 gennaio 2011 da Gheza1978
La Corea del Nord è il regime più isolato e più oppressivo del mondo, ma anche il meno conosciuto dove sopravvivono circa 23 milioni di esseri umani a cui è concesso solo di respirare a comando.
Corea del Nord: gulag dimenticato!!Non è facile – per Noi abituati in una realtà diversa – comprendere a fondo quello che accade dietro la cortina di ferro nella quale è imprigionata questa Nazione alcune situazioni sembrano talmente lontane anni luce dai nostri schemi da pensare di vivere su due Pianeti opposti
A nessuno è permesso emigrare o uscire dal territorio, chi vi entra lo fa scortato da guide del governo, lungo percorsi consentiti. E’ vietato parlare con i pochi turisti che arrivano, nessuno vuole finire nei campi di lavoro. L’unico percorso consentito ai coreani è quello che va da casa al lavoro, per visitare altri luoghi è necessaria un’autorizzazione speciale e occorre giustificare il viaggio. Ogni mattina è d’obbligo la marcia e a 4 anni già si impara a inchinarsi di fronte al Grande Leader. Per le strade non ci sono pubblicità, però è pieno di grandi cartelli col ritratto di Kim Il Sung.Corea del Nord: gulag dimenticato!!Pyongyang, la capitale, ha grandi hotel sempre vuoti, ha lo stadio più grande del mondo, che conta ben 150 mila posti, e dalla città parte una superstrada a 5 corsie, anche se... non passano auto per ore. C’è persino una metropolitana. Eppure la gente vive nella miseria più assoluta, costretta a un’ora di illuminazione al giorno, al razionamento dell’energia e del cibo. L’esercito è un’altra distonia del regime: con la più elevata percentale di soldati nel mondo. Il confine con la Corea del Sud è l’area più militarizzata sul pianeta. Un abitante su quattro partecipa ad attività militari.
L’educazione obbligatoria dura 12 anni (la più lunga al mondo) e forma sin da piccoli l’idea che la Corea sia lo stato in cui si vive meglio e che gli americani siano i cattivi. Chi è avverso al regime finisce nei campi di concentramento, dove esistono programmi di rieducazione basati sulla forza, con metodi di controllo ideologico per forgiare le menti, basati sulla critica e l’autocritica. Anche i familiari sono ritenuti responsabili dei crimini commessi e per questo puniti. Il governo si serve di spie e informatori in modo capillare e si ha in ogni momento il sospetto che il vicino di casa o un familiare sia un informatore. Questo porta a tenere per sé e non esprimere qualunque pensiero contro il regime. Una sorta di autocensura, un sistema di polizia sociale molto efficiente.
Corea del Nord: gulag dimenticato!!Un notiziario diffuso ogni ora tesse le lodi del dittatore.
Gli apparecchi radiofonici come quelli televisivi sono stati tarati in modo da essere sintonizzati solo sulle stazioni governative e chiunque dovesse essere colto in difetto subisce la deportazione nei Gulag.
I quotidiani nazionali contengono solo le dichiarazioni di stima per Kim Il Sung oppure i discorsi scritti dallo stesso.
I giornalisti stranieri vengono ammessi solo se invitati in occasioni ritenute speciali. Le notizie, che pervengono dall’Estero sono rarissime e, nel caso, devono contenere immagini di violenza in modo da far credere alla popolazione che l’unico Paese dove regni la Pace sia il loro! Ascoltare radio straniere è severamente vietato, si rischia la deportazione; internet praticamente non esiste. Passano solo i messaggi allineati di regime.Kim Il Sung, un nome che evoca immagini orrende di torture e sevizie ai danni di povere vittime innocenti!
E’ stato lui, infatti, l’ideatore di veri e propri campi di concentramento, di cui si conosce poco malgrado le testimonianze dei pochi sopravvissuti e le foto scattate dagli aerei spia americani.
Notizie frammentarie, è vero, ma che ne esaltano tutto l’orrore, che si pensava fosse ormai il ricordo di un vecchio passato.
Corea del Nord: gulag dimenticato!!Amnesty International si è interessata al problema e con molte difficoltà è riuscita ad elencare: 12 campi prigionieri e 30 campi di lavori forzati e di rieducazione.
La cosa ancor più assurda è che il sistema di controllo coreano si basa sulla responsabilità collettiva per cui se una persona commette un crimine vengono puniti i genitori, le sorelle o fratelli e tutti gli altri parenti.I processi non esistono e nel giro di poche ore chiunque può essere condotto in uno dei campi di prigionia, dove ci sono 200 mila persone che vengono continuamente torturate o fatte morire di fame.
Sembra quasi un romanzo di Orwell, manca solo un sistema di sorveglianza totale. Ma la morale è una: non importa quanto si sta male, è sempre possibile credere di vivere nel migliore dei mondi possibili.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Economist e Lega Nord

    Economist Lega Nord

    L’articolo dell’Economist tradotto in ItalianoUn interessante intervento dell’Economist sullo stato dell’immigrazione in Europa, in particolare viene... Leggere il seguito

    Da  Capponrenato
    SOCIETÀ
  • Lega Nord International

    Lega Nord International

    Passo Maloja, 1815 metri, Val Bregaglia, Svizzera: Perché – vi chiederete – quel fenomeno ha scattato una foto panoramica con in mezzo quel coso? Zoom. Ecco cos... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Francia 2010: le strade del nord

    Francia 2010: strade nord

    Mentre soffriggo cipolle e aglio, affetto pomodori e raccolgo basilico per preparare un piatto di trenette trafilate al bronzo, celebrando così in modo degno... Leggere il seguito

    Da  Elenatorresani
    VIAGGI
  • Il territorio della Lega Nord

    territorio della Lega Nord

    Foto di NicDifendere territorio e tradizioni: questo è stato il motto della Lega Nord da quando è nata, ben 21 anni fà. Il partito di Bossi è stato più volte... Leggere il seguito

    Da  Lanternarossa
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Corea Del Nord: niente lavori forzati per Kim Jong-Hun

    Corea Nord: niente lavori forzati Jong-Hun

    La radio ufficiale del regime nord-coreano smentisce la notizia secondo la quale kim Jong-Hun sarebbe stato messo ai lavori forzati dopo il flop della sua... Leggere il seguito

    Da  Corrintoscana
    CALCIO, SPORT
  • Zona Espansione Nord

    Zona Espansione Nord

    Lo Zen, quartiere periferico progettato verso la fine degli anni ‘60 da Gregotti, è un esempio di edilizia popolare da sempre oggetto di accesi dibattiti e... Leggere il seguito

    Da  Roripalazzo
    FOTOGRAFIA
  • (De)Talibanization of Nord-Est

    The Talibanization of America è il titolo di un articolo pubblicato su FP, il quale, a commento della polemica incendiaria (di Corani), sostiene la tesi della... Leggere il seguito

    Da  Stiven1986
    POLITICA, SOCIETÀ