Magazine Cultura

Cosa mi sono perso???

Creato il 15 giugno 2011 da Alboino
“Ragazzi, ragguagliatemi, cosa mi sono perso in questi venti anni?”
“I telefoni cellulari, un cumulo di musica di merda, i televisori al plasma, la tv privata prima e la tv via cavo poi, gli analgesici per i miei denti che non mi placavano il dolore perché mi facevo troppa roba e quella inibisce l’effetto degli antidolorifici, un mare di riviste porno e di riviste patinate che non raccontavano un cazzo, solo top model del cazzo in copertina e nelle pagine interne, plotoni di vegetariani che rompevano i coglioni, la progressiva, imperdonabile morte dei negozi di dischi, prima ancora la morte dell’lp, le lampadine a basso consumo che fanno una luce di merda, il primo torero non spagnolo, un italiano, un ex garagista napoletano, di nome Attilio, che poi è entrato in coma. Mica per colpa del toro. E’ scivolato nel bagno e ha battuto la testa contro il bidet. Aveva cominciato, dietro anticipo miliardario, a scrivere la sua autobiografia, era arrivato a una notte in un garage in cui decise di partire. L’Ikea e i mobili tutti uguali nelle case da Toronto fino a Mogadiscio, il cambio di una classe politica corrotta con una nuova ugualmente corrotta ma più volgare, il tonno fresco col sesamo su tutte le barche degli arricchiti, il sesamo tra i denti e dunque il boom del filo interdentale, i cinesi a tonnellate nei quartieri vicini alle stazioni, le colf ucraine, dominicane, di Ceylon, della Bielorussia, rumene, albanesi, marocchine. Popoli che sono arrivati qui in massa cercando un po’ di pane e invece li hanno messi a raccogliere i pomodori sotto a dei soli giallissimi nel frattempo diventati tropicali, e a pulire i culi sfilacciati dei moribondi, possono essere tremendi i culi dei moribondi per seicentomila lire al mese, poi lo capisci che qualcuno prende e ti spara dentro al vicoletto, gli dai torto, ma senza convinzione; ti sei perso Rino che ha fatto tredici al totocalcio ma poi, una settimana dopo, ha capito che non aveva giocato la schedina e voleva morire davvero, non per scherzo, mentre Gino ha partecipato a un quiz alla Rai e, pronunciando esclusivamente un numero e una parola: 2927 fagioli, ha vinto sedici milioni che ha speso per fare tre verande abusive che poi gli hanno fatto abbattere, caso più unico che raro di applicazione della legge, perché lo sai no? Il paese non tollera la fortuna, solo la furbizia. E’ una questione di educazione della nazione. Ti sei perso terremoti e inondazioni, ti sei perso i suicidi di imprenditori e uomini politici che pensavano che andare in carcere non stesse bene, un atto di maleducazione nei loro confronti davvero intollerabile, dove è finito il rispetto e l’ammirazione per l’eterno traffichino? Ti sei perso i computer sparpagliati ovunque che hanno davvero rotto il cazzo, in somma ti sei perso una serie di cose, ma non sono sicuro che poi te le sei perse veramente”.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

    Novità Blockbuster. Cosa vedere cosa

    Da vedere Somewhere di Sofia Coppola con Stephen Dorff e Elle Fanning *** La quarta opera di Sofia Coppola non è un capolavoro, avendo due pregi e almeno un... Leggere il seguito

    Da  L'Immagine Allo Specchio
    CULTURA
  • L’astrologia è una cosa seria

    L’astrologia cosa seria

    ANNO NUOVO, TEMPO DI OROSCOPI…L’importante è consultare quello serio e non pensare che non si debba fare nulla, perchè accadrà solo quello che faremo accadere,... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La prima cosa bella

    prima cosa bella

    L'antico rito è stato celebrato, i buoni propositi sono stati pronunciati, i sortilegi propiziatori aleggiano ancora nell'aria. Insomma, siamo ufficialmente... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • Novità da Blockbuster. Cosa vedere e cosa no

    Novità Blockbuster. Cosa vedere cosa

    Da vedere Séraphine di Martin Provost con Yolande Moreau, Ulrich Tukur, Anne Bennent Biografico, Francia Belgio Germania 2008, 125 min. Leggere il seguito

    Da  L'Immagine Allo Specchio
    CULTURA
  • Cosa ne pensi?

    Il testo argomentativo è probabilmente la tipologia testuale più difficile da affrontare per i ragazzi, per questo secondo me è bene proporla non prima della... Leggere il seguito

    Da  Ilcastelloerrante
    CULTURA
  • 81. Quella cosa assurda

    Quella cosa assurda

    da qui Leopoldo è riuscito a farsi dimettere dall’ospedale, convincendo il dottor Peltre che il suo romanzo prediletto non sarebbe stato snaturato. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • HAARP, cosa ne sai?

    HAARP, cosa sai?

    HAARP è l’abbreviazione di High Frequency Active Auroral Research Program, un’installazione civile e militare in Alaska (Stati Uniti) per la ricerca... Leggere il seguito

    Da  Marco4pres
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine