Magazine Attualità

Cosenza Indagini sulla pittura barocca a Palazzo Arnone

Creato il 07 aprile 2016 da Yellowflate @yellowflate

Mercoledì 13 aprile 2016, alle ore 17.00, a Cosenza, nel salone delle Udienze di Palazzo Arnone prosegue Appuntamenti d'arte, con una conferenza di , che si intratterrà sul tema Giovanna Capitelli . Indagini sulla pittura barocca a Palazzo Arnone

Appuntamenti d'arte è un ciclo di incontri, voluto da Angela Tecce , direttore del Polo Museale della Calabria e da , direttore della Galleria Nazionale di Cosenza, con la finalità di far conoscere e valorizzare il Nella Mari patrimonio culturale della Galleria Nazionale di Cosenza e della regione Calabria.

Si tratta di quattro appuntamenti sulla storia dell'arte meridionale con approfondimenti dell'arte dal Seicento fino al contemporaneo, ideati soprattutto per giovani e studenti per rafforzarne il legame di appartenenza con il proprio territorio.

Dopo la prima conferenza, tenuta lo scorso 10 marzo dal prof. Nicola Spinosa , già soprintendente del Polo museale napoletano e storico dell'arte di fama internazionale, che ha suscitato grande interesse, Palazzo Arnone ospita Giovanna Capitelli, professore associato di storia dell'arte moderna e coordinatrice del corso di laurea magistrale in storia dell'arte presso l'Università degli Studi della Calabria, dove dal 2001 insegna la storia dell'arte fiamminga e olandese, che certamente non deluderà le attese.

La conferenza della prof.ssa Capitelli, Indagini sulla pittura barocca a Palazzo Arnone , è dedicata alla pittura barocca con particolare riferimento alle opere presenti nella Galleria Nazionale di Cosenza e al dipinto raffigurante Sant'Agostino già attribuito a Mattia Preti.

I successivi incontri di Appuntamenti d'Arte saranno tenuti da (12 maggio 2016), docente del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università degli Studi della Calabria e da Leonardo Passarelli (8 giugno 2016), direttore del Museo d'Arte dell'Otto e Novecento di Rende (CS). Tonino Sicoli


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :