Magazine Motori

Così il digitale ha cambiato la storia della fotografia. Anche in Formula 1

Da F1web

Un sensore anziché una pellicola. Il digitale ha cambiato l’acquisizione delle immagini, ma ha imposto pure una rivoluzione di approccio. F1WEB.it in due anni ha raccolto i pareri dei fotografi di punta nel paddock dei Gran Premi. Tutti d’accordo sul fatto che il digitale ha segnato una svolta. Anche per loro.

“Due ere diverse”, dice Mirco Lazzari. Perché adesso si tende a scattare più foto. Osserva Jiri Krenek: “Non bisogna risparmiare pellicola. Si prova gratis”.

Tra quotidiani, riviste specializzate e siti internet, “la gente – nota Martin Trenkler – ha sviluppato la necessità di avere tonnellate di immagini al più presto possibile”. Per dare un’idea delle proporzioni, Darren Heath stima: “Hanno cominciato a chiedere centinaia di foto quando solo poco tempo prima ne sarebbero bastate dieci”.

Dal punto di vista prettamente tecnico, alla fine “per esposizione, composizione e soggetto – spiega James Moy – la teoria è la stessa, ma adesso bisogna anche distribuire le immagini”. Perciò Bernard Asset che lavorava già dal 1970, nel nuovo millennio si è dovuto convertire: “Per essere competitivo ho avuto bisogno di un sito web da cui i magazine potessero scaricare le foto”.

Più scatti, ma anche tempi più stretti. “Prima – spiega Steve Etherington – potevano volerci anche 20 minuti per passare solo una foto. Oggi ci vuole un secondo”. E così quando finisce la corsa delle macchine comincia quella dei fotografi. Paul-Henri Cahier fa notare: “Devo lavorare duramente e velocemente dopo ogni gara perché è una lotta sulla velocità”.

Per cui è cambiata anche la vita nel paddock: “Una volta – racconta Peter Nygaard – si mettevano i rullini nella valigia e si sviluppano a casa il lunedì. E le sere durante il week-end di gara ci potevamo rilassare e fare vita sociale. Nell’era digitale dobbiamo modificare e caricare le foto fino a notte fonda, ogni giorno”.

Il lato negativo è anche un altro. Lo sottolinea Filippo Di Mario con rammarico: “Sono cambiati i rapporti e gli interessi. Prima (i media) erano più aperti e c’era anche più rispetto per il nostro lavoro”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Americani in Formula 1: Phil Hill

    Americani Formula Phil Hill

    Piloti Published on novembre 28th, 2012 | by Giulio Scaccia 0 Phil Hill, campione del mondo con la Ferrari nel 1961Gli Stati Uniti d’America, oltre ad uno stran... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • La Formula elettrica a Roma

    Formula elettrica Roma

    Rassegna Published on dicembre 2nd, 2012 | by Carlo Di Berardino 0 La FIA ha annunciato che una gara del prossimo campionato di Formula E si terra’ nelle... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • Cancellata la Formula 2 nel 2013

    Cancellata Formula 2013

    Rassegna Published on dicembre 7th, 2012 | by Carlo Di Berardino 0 I promotori della Formula 2 hanno deciso che il campionato per il 2013 non si svolgera’, di... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • La Formula 1 verde

    Formula verde

    Tecnica Published on dicembre 29th, 2012 | by Carlo Di Berardino 0 Londra, 29 dicembre 2012 – Manca solo un anno alla reintroduzione dei motori turbo in... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • La benzina in Formula 1

    benzina Formula

    Tecnica Published on gennaio 3rd, 2013 | by Carlo Di Berardino 0 Londra, 3 gennaio 2013 – Si parla molto di gomme, soluzioni aereodinamiche, motori turbo, ma... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • Quali lubrificanti in Formula 1

    Quali lubrificanti Formula

    Tecnica Published on gennaio 8th, 2013 | by Carlo Di Berardino 1 Londra, 8 gennaio 2013 – In uno degli articoli scorsi della sezione Tecnica abbiamo parlato... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT
  • Il calendario di Formula 1 alternativo

    Ogni volta che si scorre il calendario di Formula 1 di quest’anno, come anche quello di questi ultimi due o tre anni, ci sono sempre dei dubbi e delle incertezz... Leggere il seguito

    Da  Carlo69
    MOTORI, SPORT