Magazine Cultura

Curiosando nei cassetti della Bottega del Mistero

Creato il 30 gennaio 2011 da Alfa
Curiosando nei cassetti della Bottega del MisteroCi sono cassetti vuoti ed altri che si fatica a chiudere. Ce ne sono molti che apriamo tutti i giorni e alcuni che preferiamo restino chiusi. Alcuni a chiave, per maggiore sicurezza.
Ci sono ricordi che si accumulano nei cassetti e manoscritti destinati a rimanerci. E ci sono cassetti che finalmente si aprono per fare uscire idee, storie e sogni.
A proposito di oggetti contenuti nei cassetti il nostro territorio ha una tradizione molto antica e interessante. Fin dal Cinque e Seicento, infatti, erano attivi ottonai e peltrai che producevano oggetti per la casa, come posate, candelieri, lucerne in ottone, scaldaletto e pentolame in rame. Era un mestiere che spesso li portava molto lontani dalle loro case, in Francia, Svizzera e Germana, dove girando di città in città costruivano e vendevano questi oggetti.

Il loro numero e la loro produzione ad un certo punto cominciò persino a dare fastidio agli artigiani locali, che denunciarono questi stranieri, con l’accusa di produrre e vendere oggetti che oggi chiameremmo “taroccati” con una quantità di metallo pregiato inferiore a quella prevista dalle leggi per le leghe metalliche.
Ne seguirono processi, da cui però i nostri emigranti furono assolti, dimostrando che era solo grazie alla loro bravura se riuscivano a produrre oggetti di qualità a prezzi inferiori.
Ad alimentare l’emigrazione era la pratica dell'apprendistato che spingeva molti giovani a seguire gli artigiani più esperti. Poteva diventare apprendista solo colui che vantasse una nascita legittima e fosse ritenuto retto e pio. Il periodo di tirocinio durava da tre ad otto anni. Se il giovane sopportava questi duri anni di pratica, il maestro gli richiedeva la realizzazione di un lavoro di prova prima di insignirlo della qualifica di lavoratore.
Uno dei primi documenti che attestano la pratica dell'apprendistato, in terra cusiana, è del 1628 e riguarda una convenzione tra Bernardo Monti e Bernardino Gonnella, entrambi d'Orta, affinché il Gonnella porti con sé in Spagna Battista Monti, il figlio di Bernardo.
Tra l’altro, sempre a proposito di cassetti, c’è un tipo di edificio che è una sorta di grande cassetto contenente oggetti misteriosi che parlano del nostro passato. Un tempo lo chiamavano Wunderkammer (Camera delle meraviglie). Oggi noi lo chiamiamo museo. Sul nostro territorio ce ne sono molti, ma se parliamo di oggetti per la casa una visita è obbligatoria al Museo arti ed industria di Omegna, che racconta proprio la storia della grande tradizione del casalingo nel Cusio, dagli antichi peltrai al design moderno e dalla caffettiera alla pentola a pressione.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il mistero dell’acqua

    mistero dell’acqua

    “Durante la notte fra il 5 e 6 Marzo 1873, due donne, immigrate norvegesi, furono barbaramente assassinate sulle Isole Shoals, una manciata di isole a 10... Leggere il seguito

    Da  Deasilenziosa
    CINEMA, CULTURA
  • Bottega bertaccini, libri e arte

    Un glorioso e stimato libraio, Renzo Bertaccini, inaugura sabato pomeriggio il suo nuovo sogno. Un caldissimo “IN BOCCA AL LUPO”, certi che saprà essere... Leggere il seguito

    Da  Atlantidelibri
    CULTURA, LIBRI
  • La Bottega di Narrazione

    Lunedì 15 novembre dalle ore 18.30 alle 20.30, a Milano presso lo spazio Melampo (via Carlo Tenca 7, tre minuti a piedi dalla fermata Repubblica della... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il mistero dell’Arca dell’Alleanza

    mistero dell’Arca dell’Alleanza

    Dopo la pubblicazione de “Il quinto Vangelo” (Seneca Edizioni) e “La Bibbia Oscura”, che uscirà probabilmente a fine anno, ecco il terzo capitolo della saga... Leggere il seguito

    Da  Edizionialtravista
    ALTRO LIBRI, CULTURA, LIBRI
  • Goodis, l’uomo del mistero

    Goodis, l’uomo mistero

    David Goodis è stato uno dei brillanti e originali scrittori noir del dopoguerra. E’ l’uomo del mistero della narrativa hardboiled che ha scritto di ubriaconi d... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI
  • Le isole del mistero

    isole mistero

    Se dovessi cercare un luogo che sembri letteralmente galleggiare nel mistero sceglierei, senza esitazione, le isole britanniche. Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA
  • Una vita nel mistero

    vita mistero

    Giorni addietro vengo contattato da Stefano Simone, regista ventiquattrenne originario di Manfredonia ma trasferitosi a Torino per gli studi (ad oggi, credo,... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA