Magazine Attualità

Da un tir alla grande opera

Da Blindsight
DA UN TIR ALLA GRANDE OPERADA UN TIR ALLA GRANDE OPERA
DA UN TIR ALLA GRANDE OPERA
Ho capito come ci sente dentro un camion: ho guidato un tir di 16 metri con carico, quindi ancor più pesante. Guidarlo (in pista ovviamente e con la solita "voce guida", al Motor Show di Rende) è di una facilità estrema, tutto morbissimo, adattabile anatomicamente all'autista - dallo sterzo alla poltrona - e tutto computerizzato. E' riduttivo chiamarlo abitacolo il luogo in cui ci si trova quando si guida, perché è una suite. Ciò che ho detto quando sono scesa è facilmente intuibile: ho invitato gli autisti di mezzi pesanti a non rilassarsi troppo in quella suite, di mantenere una velocità umana, di rispettare sempre la distanza di sicurezza da quelle che, per chi vede, da lì sopra non sono più auto o moto, ma formiche. Ho chiesto loro di non schiacciarle. Questa del tir era una delle poche esperienze che mi mancava, quindi penso ora a cos'altro posso guidare, visto che posso ancora se una voce mi guida e, come scritto precedentemente, io me ne frego di ciò che dicono gli altri. Me ne frego al punto che tutta la mattinata di oggi, finalmente tornata a casa, l'ho passata a scolpire: un amico genio ha inventato per me uno scalpello per la pietra. Sto realizzando una foto di me come sono ora, mi mancava l'arte, mi mancava perdermi nelle forme e nella realtà che vedo nel mondo sottile, quella dimensione in cui sono me stessa veramente, quella che tanti vedenti non capiranno mai, ma ne me frego anche di questo. Da quel blocco di pietra sta uscendo qualcosa, sta prendendo forma lentamente, le mie mani sono distrutte, ma felici. Sto realizzando una foto tridimensionale della mia anima, quella di un'aliena esploratrice, ma anche quella di una topa di metallo, pronta a testare tutto per quanto inalterabile. Non ho voluto modellare, ho preferito tirarmi fuori dalla pietra, dura e tenera, polverosa e naturale come me.
Non posso dipingere, non me la sento di incasinare casa e me stessa con colori che non vedo, così come non mi spingerò alla ricerca di un limite, come facevo da vedente: la mia ultima vita, o bonus, è in quella pietra che spero di tramutare presto in una foto 3D di ciò che sarò per sempre.
Nelle immagini io e il tir che ho guidato: non ho ancora il video, ma spero di pubblicare invece presto le foto della mia Grande Opera, che mi aspetta ora sotto un sudario, quell'attesa di chi risorge grazie anche ad alchemiche esperienze.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Scene da un matrimonio

    Scene matrimonio

    Sabato 07 agosto, Anne e William sono convolati a nozze.Anne è infermiera. William segue la contabilità dei gruppi Happen e Awake. Ma, soprattutto, è un buon... Leggere il seguito

    Da  Angi
    SOCIETÀ
  • Fli: un PdL in grande

    “Non si sentiva il bisogno di un nuovo partitino”, così Sandro Bondi  ha laconicamente commentato la nascita di Futuro e Libertà la  formazione politica... Leggere il seguito

    Da  Capponrenato
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Vivere alla grande

    di R. AlabisoStamattina sul marciapiede sono stato attratto dal luccichio argentato di un biglietto lasciato a terra da qualcuno che aveva tentato la fortuna. Leggere il seguito

    Da  Artigianauta
    LAVORO, SOCIETÀ
  • Tema: che cosa farò da grande

    Tema: cosa farò grande

    Al mio primo primo anno di università, un giorno di vacanza ero al supermercato con mamy e lì ho incontrato la mia maestra delle elementari, che si è... Leggere il seguito

    Da  Pythia
    SCUOLA, SOCIETÀ, UNIVERSITÀ
  • Alla Caritas pranzo con un tartufo da un chilo regalato dal Papa

    Alla Caritas pranzo tartufo chilo regalato Papa

    20 novembre 2010 - Risotto, pasta al forno, carne e tanto tartufo bianco. È il menù particolare e molto ricercato che i cuochi della Caritas hanno preparato ogg... Leggere il seguito

    Da  Simonaruffini
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Un grande genio

    grande genio

    Quando ero piccola, mio padre parlava spesso di questi comici che divertivano i giovani di allora: i fratelli Marx. Anche la televisione, negli anni 60,... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Opera again

    Opera again

    il mio fiocco argento "da sera"Ultima prima della stagione lirica al Teatro Regio fortunatamente andata. Che lavoraccio!Andare all'Opera ha sempre il suo lato... Leggere il seguito

    Da  Rockandfiocc
    LIFESTYLE, MODA E TREND