Magazine Economia

Dal brainstorming al gamestorming

Da Luisapastega

Esiste un metodo efficace, creativo e divertente per affrontare le sfide di ogni giorno?

Immaginate un’impresa che non definisce con chiarezza i suoi obiettivi e che, nel prendere le decisioni, non valuta adeguatamente le diverse alternative possibili.

Le prime parole che mi vengono in mente sono “inefficienza”, “costi evitabili”, “frustrazione”.

Sì. Avete capito bene. Frustrazione.

Non solo dell’imprenditore, ma anche del personale che compone la “squadra aziendale” e che rende operative le scelte dell’imprenditore.

Frustrazione per il lavoro da rifare, per le incomprensioni che inevitabilmente nascono, per le incertezze circa gli obiettivi, per la sensazione di inadeguatezza che nasce dal fatto di non saper esattamente cosa fare e come lo fare.

Eppure esiste un metodo efficace, creativo e divertente per affrontare le sfide di ogni giorno, per rendere più consapevoli le decisioni e per provare a risolvere i problemi complessi.

Questo metodo si chiama GIOCO COLLABORATIVO.

Business game

Fonte: Gamestorming

A questo punto forse starete pensando che siete uomini di business, concreti e razionali, e che non avete certo tempo da perdere in stupidi giochetti. Forse state pensando che i giochi sono cose per bambini o al massimo per quei creativi (designer, fotografi,…) che in ogni caso all’occorrenza possono fare al caso vostro.

In realtà, però… forse state sottovalutando una cosa.

GIOCO = CREATIVITA’ = INNOVAZIONE

Non provate nemmeno a dire che non siete nati creativi e che non potete farci niente. Perchè potete almeno provarci.

In un ambiente competitivo come quello attuale, non ci si può più permettere dinon essere creativi.

Ed è assolutamente importante impegnarsi ogni giorno per trasformare la creatività in business (guarda qui!). Ricordandosi che spesso le soluzioni creative sono anche le più semplici e che nascono da un obiettivo preciso e dalla voglia di raggiungerlo.

Giusto per fare un esempio, mi viene in mente il “Sig. Geox” (Moretti Polegato) che tempo fa ad un convegno (alla Fondazione CUOA) raccontava di come è nata l’idea del suo prodotto (tenete presente che, a livello consolidato, il gruppo Geox nel 2011 ha realizzato un fattuturato pari a oltre 887 milioni di euro).

Non dimenticherò mai le sue parole. Diceva più o meno così…

I prodotti nascono dalle idee che tutti voi avete ogni giorno, quando cercate di arrangiarvi in modo creativo per trovare una soluzione, per soddisfare una vostra concreta esigenza, piccola o grande che sia.

Ma mi viene in mente anche un imprenditore che l’altro giorno in azienda mi ha fatto vedere come riesce a risolvere molti problemi, con un notevole risparmio di tempo e di costi, utilizzando in modo creativo… un semplice portachiavi.

Dal brainstorming al gamestorming

Se volete saperne di più a proposito del Gamestorming, date un’occhiata qui oppure leggete il libro “Gamestorming” di D.Gray, S.Brown e J.Macanufo, da cui ho tratto l’immagine che vedete qui sopra.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines