Magazine Politica

De Gasperi e i "campioni" della politica

Creato il 09 marzo 2011 da Marcotoresini
"Perchè statisti come Alcide De Gasperi ci paiono così lontani dai nostri governanti? E' solo una questione generazionale (quegli uomini si erano temprati nelle asperità della guerra ed erano mossi da profondi ideali), una felice combinazione o c'è dell'altro?" Le domande se le pone oggi Aldo Grasso sul Corriere della Sera parlando di una puntata di "Correva l'anno" andata in onda lunedì 7 marzo alle 22,50 sulla Rai. Confesso di essermi posto le stesse domande (da ciò deduco che gli interrogativi siano stati comuni a molti spettatori della puntata) imbattendomi nella ricostruzione di quegli anni fatta attraverso documenti d'epoca e testimonianze di alcuni collaboratori del politico trentino. Trovarsi davanti a parole come quelle pronunciate nel '46 alla conferenza di pace di Parigi per rappresentare un'Italia sconfitta e umiliata - "Prendendo la parola in questo consesso mondiale, sento che tutto, tranne la vostra personale cortesia è contro di me; e soprattutto la mia qualifica di ex nemico che mi fa considerare come imputato e l'essere citato qui dopo che i più influenti di voi hanno già formulato le loro conclusioni in una lunga e faticosa elaborazione..." - danno la cifra dell'uomo e del politico che aveva a cuore il futuro del paese che era chiamato a governare. "De Gasperi - osserva Grasso - è stato un politico lungimirante, che ha saputo entrare nei tempi nuovi del dopoguerra senza portarsi dietro il peso delle recriminazioni nei confronti degli avversari, ma con la capacità di instaurare rapporti proficui con i partiti laici: insomma, un vero statista, un politico che ha sempre i problemi dell'Italia ai suoi personali...".
E noi oggi? Il teatrino della politica assomiglia troppo alla storiella evocata oggi, sempre sul Corriere, da Antonio Polito per testimoniare miopie e settarismi. Una storiella che racconta di un posto di blocco a Belfast (Irlanda del Nord) dove uomini armati fermavano i passanti chiedendo "Sei cattolico o sei protestante?" e lasciavano passare solo quelli della propria comunità. "Finchè - continua Polito - non arrivò uno che alla fatidica domanda rispose: "Veramente sono ebreo". E i miliziani infastiditi:  "Si va bene, ma ebreo cattolico o protestante?"".
Una divisione in classi che finisce per palarizzare tutto, denunciando l'incapacità di governare un paese non nel nome dei cattolici o dei protestante, ma semplicemente nel nome dei cittadini anche se questi sono ebrei.
Amare le conclusioni di Aldo Grasso sulla lezione di De Gasperi: "A volte si ha l'impressione che la Rai sia cauta nel celebrare l'Unità d'Italia per non suggerire delicati confronti". A pensar male si fa peccato, ma...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • De gustibus

    gustibus

    Sull’intervista di Nichi Vendola alle Iene, avrei due osservazioni. 1) Non capisco la mania di dare in pasto alle agenzie di stampa le anteprime più piccanti... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    SOCIETÀ
  • Navidad de Colombia

    Navidad Colombia

    Ogni anno, in questo periodo, non posso fare a meno di riascoltare le canzoncine natalizie colombiane, che ci hanno fatto tanta compagnia durante il nostro... Leggere il seguito

    Da  Pattyadozionebambini
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • A beffa de’ grulli

    Suppongo non sia esagerato definire criminale – dico proprio: criminale – l’andare a puttane senza usare il preservativo, soprattutto se ci si va molto spesso, ... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Carta de Logu

    Carta Logu

    "Chi dà quello che spetta a ciascuno per timore della pena capitale agisce dietro comando altrui e costretto dalla paura di un male, né può chiamarsi giusto;... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Imagine de noantri

    Pensate, un giorno, di svegliarvi in un paese normale. Intendiamoci, non in paradiso, non nel mondo perfetto di un romanziere fantascientifico, non nella societ... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Lu de Sousa

    Lu de Souza è pernambucano, ma risiede stabilmente nel Ceará da oltre 20 anni. Eccellente chitarrista, ha suonato con i maggiori nome della musica cearense e... Leggere il seguito

    Da  Giancarlo
    SOCIETÀ
  • De Montezemolo/2

    Montezemolo/2

    Esagerano i giornali – certi giornali – a enfatizzare le parole pronunciate da Montezemolo venerdì, quasi fosse un chiaro annuncio di “discesa in campo”, ma... Leggere il seguito

    Da  Fabio1983
    SOCIETÀ