Magazine Diario personale

De Luca e la giustizia non sempre comprensibile

Creato il 09 febbraio 2015 da Ritacoltellese
Da: ANSA.it

De Luca decade da sindaco di Salerno

Decisione Corte Appello su incarichi sindaco e vice ministro


La Corte di Appello di Salerno ha confermato la decadenza del sindaco Vincenzo De Luca a causa dell'incompatibilità, già dichiarata dal Tribunale, tra l' incarico di primo cittadino e viceministro alle Infrastrutture ricoperto durante il governo guidato da Enrico Letta. In seguito alla sentenza - si apprende dal portavoce del Comune di Salerno - De Luca decade dalla carica di sindaco. Lo stesso De Luca ha annunciato che ricorrerà in Cassazione contro il provvedimento.
   Le funzioni di sindaco - si apprende sempre dal Comune di Salerno - saranno svolte dall'attuale vicesindaco, Vincenzo Napoli, che già due settimane fa aveva ricoperto lo stesso incarico dopo la decisione della Prefettura di Salerno di sospendere De Luca, in applicazione della legge Severino dopo la condanna del primo cittadino a un anno di reclusione per abuso di ufficio. La sospensione decisa dalla prefettura era stata impugnata da De Luca davanti al Tar che, nel giro di due giorni, aveva accolto il suo ricorso e aveva reintegrato de Luca nell'incarico di sindaco. La Corte di Appello di Salerno, con la sentenza depositata oggi ha confermato la sentenza di condanna di primo grado emessa il 24 gennaio dello scorso anno dal Tribunale della città campana che aveva ritenuto incompatibili i due incarichi ricoperti da De Luca come sindaco e viceministro. I giudici della Corte di Appello di Salerno si erano già riuniti il 22 gennaio accogliendo l'istanza di riacquisizione del procedimento presentata dai parlamentari grillini Cioffi, Pisano e Giordano autori anche della prima denuncia. Con la sentenza depositata oggi De Luca, alcuni assessori e consiglieri comunali sono stati condannati al pagamento delle spese legali.
De Luca e la giustizia non sempre comprensibile Confesso la mia incapacità a capire la giustizia in questo Paese.
Forse perché così lenta che quando arriva giunge in una realtà già mutata, come in questo caso, ma è kafkiana nella sua illogicità...
Appena reintegrato dopo la condanna per abuso d'ufficio (a fin di bene se si entra dentro i fatti...), nel giro di pochi giorni viene di nuovo destituito perché già anche viceministro!!!
Va benissimo che non ci sia cumulo di cariche, (come NON DEBBONO ESSERCI CUMULO DI PENSIONI E PREBENDE VARIE PER I POLITICI  I QUALI DEBBONO OBBEDIRE ALLE STESSE LEGGI CHE APPLICANO A NOI IN FATTO DI CUMULO DI PENSIONI, SE SIAMO REALMENTE UNA DEMOCRAZIA!), ma questa sentenza arriva quando di carica Vincenzo De Luca ne ha ormai una sola, essendo il governo Letta defunto da un po'!!
Forse, restando vigente il concetto che NON si devono cumulare cariche, bisognerebbe tenere conto che una delle due si è estinta e dunque altro dovrebbe essere il correttivo che dovrebbero trovare i giudici: sanzioni? Annullamento degli atti firmati come Viceministro? Restituzione della prebenda percepita come Viceministro?
Trovare una soluzione che obbedisca più sostanzialmente alla logica non dovrebbe essere difficile per dei giudici intelligenti che sanno maneggiare il Diritto.
Ma questi sanno maneggiare il Diritto?
Berlusconi non si lamenti più di persecuzione giudiziaria!
Come si vede anche De Luca, del PD, viene "perseguitato"!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog