Magazine Attualità

De politica

Creato il 13 giugno 2012 da Mriitan @MassiRiitano

De politicaSpero proprio che sia una bufala, non tanto per la notizia in se, ma perche’ la pochezza delle persone coinvolte e delle persone che le hanno scelte sarebbe veramente infinitesimale, ma oramai di nulla ci si puo’ meravigliare.

Dopo il film porno della Tommasi, girato anni fa e a quanto dice lei vietato in Italia, che si stava affacciando anche lei alla politica, ora e’ il turno della piu’ famosa regina di casa B., la Minetti.

Intervistata mentre tornava a casa se l’e’ presa con la politica e il PDL che non la difendono, ed ha confermato che da quando e’ scesa in campo ha solo avuto problemi, poverina!

Cosi’ ora sta valutando altre possibilita’, e conferma di aver avuto delle offerte per un film porno da protagonista. Facili potrebbero essere i commenti, ma spero veramente che sia una cosa detta per far parlare di se e non che il tutto corrisponda al vero.

Nel frattempo la Mussolini durante una seduta in Parlamento in cui si tratta di  anticorruzione non trova di meglio da fare che firmare e dedicare delle foto del suo avo…

Aggiungiamo l’episodio di ieri di Barbareschi che ha assalito una troupe de Le Iene, anche se la sua versione e’ completamente diversa da quella dei giornalisti di Italia1.

Insomma un quadro dei politici italiani che da veramente i brividi. Ma neanche ai “tecnici” piu’ blasonati sta andando meglio. La povera Fornero attacca i quadri dell’INPS, che hanno dato numeri che non dovevano dare, facendo trapelare “insicurezza”. Certo chiamala insicurezza, io la chiamerei balla colossale, non sai quello che dici, o forse lo sai e lo vuoi tenere insabbiato, bel “tecnico”.

E in tutto questo il Movimento 5 stelle continua a salire nel gradimento degli italiani, addirittura proiettato al 20%. Non so se siano proiezioni credibili, ma comunque l’ideale del “tutto fa schifo” non e’ un bene per la politica, bisogna vere idee e non solo distruggere quello che c’e’ e che hanno fatto o non fatto gli altri.

Massi

De politica


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog