Magazine Società

Della grave assenza di disapprovazione natalizia

Creato il 27 dicembre 2011 da Parolecomplicate

Nessuno ha notato che quest’anno è mancato un elemento nei natali scorsi sempre presente: il Lamento del Prete. Ogni anno, al sopraggiungere del natale, un prete sale sul pulpito di varietà come il TG1 o il TG3 e, pieno di finto livore e cattive intenzioni, tuona contro il consumismo. Perché natale è la nascita del Cristo, non un’occasione per comprare l’ultimo sgabello di Philip Stark. Perché bisogna concentrarsi sull’amore di dio, a natale, non sul colore degli ultimi pigmenti Mac.

Quest’anno, invece, niente Lamento del Prete. La Chiesa tace sugli orrori della libertà economica. Questo mi destabilizza. Che sia la crisi? Che i preti temano gli strali dei loro colleghi commercianti, già messi mica tanto bene? Che sia l’Ici? Che i ghost writer dei preti siano tutti occupati a giustificare l’evasione totale degli ultimi 60 anni? Che sia il governo Monti? Con quei loden che avvolgono, giustificano e salvano tutto e tutti?

Lo shopping è un atto sessuale: è svuotato di colore, se reso libero da ogni disapprovazione.  I commercianti di Montenapoleone sono in subbuglio: gli esprimo viva solidarietà. Il mio panettone di Ranieri mi sembra un Bauli, senza senso di colpa. Privato del pensiero dell’Africa, uno regala libri di Benedetta Parodi e poi finisce a letto con un proprio parente.

Caro Babbo Natale, tu sei la nostra unica speranza. Riprepara la slitta, avvisa le renne. Rimettiti quel vestito da Gabibbo in crack e rifatti un altro giro quaggiù. Portaci un Carlo Maria Martini, furente e avvilente come ai vecchi tempi. Babbo Natale, in tempo di crisi bisogna fare sacrifici ed essere altruisti: anche se il tuo turno è andato, noi magari per la Befana ce la si fa, a sentirsi almeno un po’ stronzi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Istanbul, capitale della diplomazia

    Istanbul, capitale della diplomazia

    Grazie all’attivismo della politica estera turca, Istanbul sta sempre più emergendo come una delle più affollate capitali della diplomazia internazionale. Leggere il seguito

    Da  Istanbulavrupa
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • La fobia della civiltà

    fobia della civiltà

    Anna Lombroso per il Simplicissimus Ieri per la seconda volta, la Camera ha fermato la legge contro l’omofobia. L’aula ha accolto le pregiudiziali di... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • L'arte della guerra

    Il rifinanziamento alla missione in Afghanistan è stato votato bipartisan: le poche voci discordanti sono state messe in silenzio.Forse l'apertura degli uffici... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Storia della mia gente

    Storia della gente

    La Bompiani conferma la sua attenzione verso pubblicazioni che hanno a che fare con il mondo dell’impresa. Con le storie di chi ha saputo e voluto pervicacement... Leggere il seguito

    Da  Aronne
    SOCIETÀ
  • L'anima della dieta

    L'anima della dieta

    Per tutte coloro che sono soddisfatte dei sacrifici fatti per essere in forma anche quest'anno, ma che reputano che la loro linea può essere ancora migliorata,... Leggere il seguito

    Da  Marcopertutti
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Guzzanti, evangelista della gomena

    Guzzanti, evangelista della gomena

    Il gamal in aramaico, la lingua del Nuovo testamento,  è una corda spessa che si usava per ormeggiare le navi alla banchina. Ma, secondo molti studiosi è anche... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il riscatto della prostata

    riscatto della prostata

    Continuando a peggiorare il Pil…* Alla ventisettesima grappa ingollata al bancone del Rifugio Speranza, penso che forse sto riuscendo a risolvere il problema... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    SOCIETÀ