Magazine Cultura

Di che casta sei ?

Creato il 04 gennaio 2011 da Jenny76

Di che casta sei ?

E’ un altro calabrese a parlare. E non si vergogna a raccontare nemmeno aneddoti della sua casa d’origine, in quella Catanzaro di cui ha assorbito il dialetto tanto odiato dalla madre. Ma se è vero che ieri i figli del Sud faticavano a superare gli esami universitari perché dovevano stare attenti all’accento, è anche vero che oggi hanno guadagnato pari opportunità in termini di istruzione, con le università sottocasa, ma la mobilità sociale e la meritocrazia sono ormai un ricordo lontano, ancorato agli anni ’60 quando l’ascensore sociale e con lui, anche quello economico, saliva sempre più su. E’ solo un passaggio del nuovo testo di Antonio Catricalà: “Zavorre d’Italia” edito Rubbettino (74 pagine, euro 12). Oggi è un magistrato, è presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, insomma dell’Antitrust, ed è soprattutto un docente esperto di diritto con le idee molto chiare su tutto quello che frena il paese.

In modo molto schietto Catricalà fa un’analisi delle mille “zavorre d’Italia”. Tra caste, dieci, cento, mille albi, ordini professionali, esami di stato, l’Italia corre il rischio non più di restare bloccata, che ormai quello è un fatto usuale da almeno trent’anni, quanto piuttosto di prendere la via del declino. Un discesa senza ritorno, che trascina con se la fiducia dei migliori laureati, le fatiche dei giovani che vorrebbero essere presi in considerazione, la tenacia di chi vuole una possibilità nel suo paese senza dover “chiedere il permesso” per lavorare e produrre. E’ sotto gli occhi di tutti anche, e Catricalà non teme di dirlo, il comportamento di una classe dirigente che usa le ricette elettorali per salire sugli scranni, senza mai passare dalle parole ai fatti. La liberalizzazione, l’apertura del mercato del lavoro, sono le uniche soluzioni per l’Italia, ma a quanto pare nessuno ha voglia di rimboccarsi le maniche.

“Zavorre d’Italia” non ha la presunzione di risolvere i problemi in poche pagine, ma si limita a fare un viaggio all’interno della legislazione nazionale e regionale, che soffoca la concorrenza del Paese più vecchio d’Europa e con una fuga di cervelli dalle percentuali sconcertanti. Forse bisognerebbe guardarsi indietro, rivedere lo stile dei vecchi ’60, e cercare di riproporre quei ritmi a scapito finalmente degli infiniti interressi corporativi che stanno annegando l’Italia: un paese che non sa cambiare.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “La dignità di uomini” di Domenico Di Tullio

    dignità uomini” Domenico Tullio

    Domani a Palermo verrà presentato il libro di Domenico Di Tullio, Nessun dolore – Una storia di Casa Pound. L’11 febbraio la presentazione è stata rinviata per... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La fontana di trevi di trieste

    fontana trevi trieste

    Allo stadio di trieste gli spettatori virtuali sono aumentati.Anzi hanno fatto il tutto esaurito.Compreso gli striscioni sponsor. Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non capisco l'editor di testo di blogger

    ... vale a dire: a volte io cerco di "giustificare" il testo (vedi post sotto) e lui non me lo giustifica. Là dove poi c'è solo una spaziatura lui in... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Liberi di.

    Liberi

    Venerdi arriva uno e mi fa: Miiiiiiii ma la vuoi smettere di scrivere su facebook. In realtà si riferiva a questo e ai feed su twitter.Si riferiva a una frase... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Pezzi di

    Pezzi

    Grondano i sospetti di inciucio, da parte di un' opposizione tiepida che accusa loro stessi componenti di rinuncia ai princìpi, in nome di un presunto realismo ... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Questione di punti di vista ...

    Oggi un mio caro amico ha perso il padre improvvisamente. Tante cose peggiori esistono a questo mondo, questo è certo. Ma questa cosa mi ha fatto più male ... Leggere il seguito

    Da  Leonardocaffo
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Sull’orlo di una crisi di nervi

    Sull’orlo crisi nervi

    Come nell’antica Roma la caduta dell’impero fu solo la ritardata conseguenza dell’eclissi delle virtù repubblicane, così anche a Bologna la crisi era... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines