Magazine Cinema

Die Hard: Duri a morire - John McTiernan

Creato il 03 ottobre 2012 da Frank_manila
Die Hard: Duri a morire - John McTiernan
"Listen, you fail I cover your ass. I fail you cover my ass!"   "And if we both fail?" "Then we're both fucked!" 
E poi un bel dì del 1995 John McClane tornò. John McTiernan, regista del primo grandioso capitolo, riprende in mano la sua creatura regalandoci il sequel migliore dei 4 (ad oggi) Die Hard.
Die Hard: Duri a morire - John McTiernan L'avvenimento del ritorno, sul grande schermo, di McClane ricordo che mi mise una scimmia clamorosa, non ci potevo credere che finalmente anche io avrei potuto gustare le avventure dell'uomo in canotta sul grande schermo. E ricordo che fu anche il primo film che vidi scompagnato da genitori o chi per loro, perché al cinema ci mandarono da soli... liberi di ingozzarci di pop corn e coca cola. Le prime scene di quel fantastico pomeriggio (ovviamente ci mandarono al primo spettacolo) sono ancora impresse nella mia memoria, con quella mano piena di pop corn ferma a mezz'aria tra il contenitore e la  bocca a pochissimi minuti dall'inizio per via dell'improvvisa esplosione nel centro di Manhattan. Memorabile.
Inutile dire che l'aggiunta di Samuel L. Jackson, che trasforma il film in buddy movie, non fa altro che amplificare il livello delle battute nel film nonché delle stronzate che Willis/McClane sputa fuori.
Grande grandissimo film, intrattenimento puro, un cattivo esemplare (Jeremy Irons in canotta blu), campo da gioco (New York) vasto e livello di tamarraggine altissimo.
IMDb
Die Hard: Duri a morire - John McTiernan
Articoli più o meno Simili: 1995, action, Bruce Willis, cinema, D, Die Hard, Duri a morire, film, Jeremy Irons, John McTiernan, Mitico, recensione, Samuel Jackson

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines