Magazine Cinema

Dimenticare Venezia

Creato il 07 maggio 2011 da Robydick
Dimenticare Venezia1979, Franco Brusati.
In un caseggiato di campagna nel veneto vivono una cantante lirica ormai anziana con una vecchissima governante, e la nipote con la sua compagna d'affetto. 4 donne, tra le quali tornerà per una breve vacanza il fratello della cantante, col suo socio d'affari, più giovane di lui e compagno nella vita.
Di Venezia si sentirà parlare per una possibile gita da fare tutti insieme. Nella realtà il film non vedrà mai il capoluogo e sarà per buona parte un ripercorrere malinconico di ricordi da parte dei protagonisti più adulti, persone a cui lo scorrere del tempo ha procurato quasi solo dolore, che avrebbero voluto poterlo fermare nei suoi istanti più felici e questi flashback sono proprio incantevoli per grazia, poesia, figure descrittive.
Detta così sembra la solita "storiella all'italiana" di musoni e rimpianti ma non è così, inoltre le storie d'amore sono incentrate su due rapporti omosessuali, uno dei quali, quello tra le 2 donne più giovani, anche piuttosto sofferto e di lunga durata, risalente fin dall'infanzia. Per i tempi e per un paese come il nostro non proprio cosa comune. Per queste ragioni penso, più che per qualche scena di nudo che non facevano concorrenza in termini assoluti nemmeno alle commedie sexy, il film venne vietato ai minori.
E' un film di grande eleganza visiva con una sorta d'inerzia nel succedersi degli eventi quasi casuale, che poi nel finale, significativo, troveranno un motivo per formare un corpo. Sotto questi aspetti cose che già ho detto in occasione dello splendido "I tulipani di Haarlem" e che trovano ancora conferma. Conferme che arrivarono anche da una candidatura all'oscar come film straniero, dal David come miglior film e da 2 Nastri D'argento, non mi pare poco. Aggiungo 3 nomi che meritano menzione: Romano Albani per la fotografia; Benedetto Ghiglia per le musiche, vero "attore" aggiunto; Ruggero Mastroianni al montaggio. Quest'ultimo dovrebbe ricevere onori quasi quanto il fratello Marcello Mastroianni, per i tali e tanti film di cui si è occupato del montaggio.
Visione decisamente consigliata.
Astenersi esagitati, da gustare con calma e riflessione.
Frame così così, dalla vhs.
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia
Dimenticare Venezia

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Venezia 68

    Venezia

    FAUST di Aleksander Sokurov Russia/Germania, 2011, 134 min.   voto:  ★★★½ /4 IN CONCORSO Questo Faust è l’ultimo capitolo della incredibile tetralogia sulla... Leggere il seguito

    Da  Eda
    CINEMA, CULTURA
  • Una lezione da non dimenticare

    lezione dimenticare

    Esiste nel cuore di Palermo uno dei tanti quartieri degradati, difficili da conoscere e da ricordare, in cui il tempo sembra non passare mai, dove tutto sembra... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    CULTURA, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • dimenticare

    dimenticare

    Arina Gordienko, Wide Shut Mouth Eppure dimentichiamo.Nonostante il dolore, nonostante lo strappo, nonostante amore e morte.Nonostante le promesse fatte e... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Olivia a Venezia

    Olivia Venezia

    Olivia è propriouna maialina speciale: ama l’arte e la musica, va alle mostre e cerca di imitare i grandi artisti, si fa leggere la storia della vita di Maria... Leggere il seguito

    Da  Atlantidelibri
    CULTURA, LIBRI
  • Per non dimenticare

    dimenticare

    In occasione del Giorno della Memoria, La Rizzoli-Lizard fa uscire in libreria e nelle fumetterie "Anne Frank - La biografia a fumetti" di Sid Jacobson per i... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • 27 gennaio 2011: per non dimenticare.

    gennaio 2011: dimenticare.

    Auschwitz. Birkenau. E’ incredibile il silenzio che ti accompagna mentre visiti questi luoghi. E’ pesante, denso come una nuvola di fumo grigio. Ti entra dentro... Leggere il seguito

    Da  Clarinettem
    CULTURA
  • Per non dimenticare

    dimenticare

    Se questo è un uomo Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un... Leggere il seguito

    Da  Keiko7
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA

Magazines