Magazine Cultura

Discorso sul PIL di Robert Kennedy

Creato il 03 gennaio 2012 da Cavaliereoscurodelweb
Discorso sul PIL di Robert Kennedy
“Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto interno lordo (PIL). Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari. Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia, la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere. Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani”.
Robert Kennedy
Tratto dal discorso tenuto il 18 marzo 1968 alla Kansas University

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Quanto è lungo il tuo pil?

    Quanto lungo pil?

    Quando si dice la decadence. L’economia finanziaria con i tutti i suoi miti, i suoi topoi, la sua dissennatezza non è solo un potente motore di disuguaglianza... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il discorso del re

    discorso

    Duca di York e secondogenito di re Giorgio V, Bertie è afflitto dall’infanzia da una grave forma di balbuzie che gli aliena la considerazione del padre, il... Leggere il seguito

    Da  Molipier
    CINEMA, CULTURA
  • Discorso sul Discorso del Re

    Discorso

    Questo post contiene lo spoiler del film “Il discorso del re” di Tom Hooper. Il lungometraggio, vincitore dell’Oscar 2011 per il miglior film, è una pellicola... Leggere il seguito

    Da  Olineg
    SOCIETÀ
  • Il discorso del cavaliere

    Tutti a chiedersi, cosa dirà oggi il cavaliere alla Camera, sullo stato dell'economia e dei conti.Eppure, il repertorio del cavaliere dovremmo conoscerlo molto... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Kennedy sapeva della costruzione del Muro?

    Kennedy sapeva della costruzione Muro?

    Di John Fitzgerald Kennedy si può dire di tutto, meno che fosse un politico sprovveduto. Tutt’altro. Dietro l’immagine di un presidente idealista e romantico... Leggere il seguito

    Da  Alessandroronga
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Discorso del viaggiatore

    Discorso viaggiatore

    E' libera quella sedia? Posso sedermi? E' da tanto che sono in viaggio. Le mie scarpe hanno carpito ai ciottoli il poema delle strade, all'asfalto il suo sospir... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Auguri a Robert Plant

    Robert Anthony Plant è nato a West Bromwich (UK) il 20 agosto 1948 ed è stato la voce dei Led Zeppelin. Voce straordinaria da alto tenore, caratterizzata da url... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK

Magazines