Magazine Informazione regionale

"Domani è troppo tardi": i vecchi cinema e l'ultima sala.

Creato il 19 giugno 2011 da Jet @lucecolore

Il "Nuovo cinema Cristallo" (ex cinema dei preti) è l'ultimo dei cinema

L'appello di Don Mario Fontanelli, gestore del "Nuovo cinema Cristallo" sulla Gazzetta di oggi è chiaro e "definitivo": se Fidenza vuol mantenere tra le sue offerte culturali e di svago una sala cinematografica, ebbene, questo è il momento di decidere.La storia ormai centenaria del cinema ha conosciuto a Fidenza momenti più o meno buoni a cui l'offerta si è adeguata aprendo nuove sale, chiudendone alcune, ristrutturandone altre. Nel secondo dopoguerra le sale al coperto erano tre: Cinema Corso, cinema Italia e cinema San Donnino, almeno due le sale all'aperto nei mesi estivi, Cinema Roma, prima in Via dei Mille poi in Via Goito, cinema Centrale in luogo dei condomini della "salita della Rocca" .  Da tempo il cinema Italia è sparito inglobato in costruzioni anonime in Piazza Pontida, il cinema Corso ahimè è diventato il Bingo. Ora, nell'epoca, che si profila intensa ma probabilmente sarà altrettanto breve, dei Multisala difficile la vita per il nostro ultimo locale. L'appello è dei più difficili ad essere accolti in quanto conta sull'intelligenza dei fidentini, ma uno sforzo potremmo anche farlo, oggi perché, per stare al linguaggio cinematografico, "domani è troppo tardi" . Don Mario nell'articolo citato sembra avere le idee chiare e fa proposte condivisibili, le sue "idee" e la sua passione d'altra parte hanno "salvato" il Cristallo da sei anni ad oggi. 

Nel panorama della fruizione cinematografica fidentina lunga è la tradizione dei Cineforum. Il Nuovo cinema Cristallo offre anche oggi almeno due cicli annuali di proiezioni con un buon successo. Sporadiche le iniziative di altre sale in passato.
Curioso questo articolo del 1951 che affrontava il problema educativo e morale nella scelta dei film in proiezione al cineforum.


Rodolfo Valentino in un disegno su carta del 1927 di Ettore Ponzi

a quei tempi "operatore cinematografico". 
I film erano muti le macchine da proiezione  ad avanzamento manuale.


Primi cinema e vecchie storie(I riferimenti topografici sono ovviamente quelli alla data dell'articolo pubblicato dal Numero Unico una cinquantina di anni fa.)

CINEMA SERENI - In verticale a petrolio e faceva corpo unico col rimorchio sul quale era stata adattata. Per metterla in moto occorreva riscaldarla preventivamente ed al momento giusto far ruotare a mano i due pesanti volani che comunicavano con la dinamo.Di questa speciale operazione è rimasto ancor oggi il detto: “Annibale, accendi la macchina!” che era l'ordine dato dal Sig. Ernesto al maggiore dei suoi figli.Per i films era già tanto se si poteva vedere qualche corsa con le prime automobili, l'immancabile Rocambole oppure Buffalo Bill che sterminava intere tribù di pellirosse senza fallire un solo colpo. In fondo una breve comica a base di torte in faccia o le diapositive del terremoto calabro-siculo del 1908.
CINEMA SPLENDOR - Quando, verso il 1909, il Sig. Mazzocchi e Figli trasferirono cavalli e carrozze nell'attuale magazzino di frutta e verdura del Sig. Stecconi in Via Malpeli, i locali uso stalla e relativo cortile posti nel palazzo detto di Longhi in Via Roma (ora Via Gramsci con ingresso dal secondo portone per chi va verso la stazione ferroviaria, furono adattati ed adibiti al primo cinema fisso di Fidenza. Prese il nome di Cinema Splendord era condotto da certi Malvisi e Bottarelli (Ciuin). La sala comprendeva l'attuale magazzino della Val di Taro ed i films che vi si proiettavano non erano ancora tali da allettare il pubblico.Di questo cinema è rimasto nella memoria il modo curioso per richiamare la gente. Per una buona mezz'ora, un concerto composto di strumenti ad ottone, dava fiato ad ogni sorta di ballabili e siccome l'esecuzione veniva effettuata sul marciapiede della Via Gramsci, ne deriva un baccano tale da far tremare i vetri per un raggio di mezzo chilometro.
CINEMA COPPOLA - Questo cinema era posto nella casa confinante con l'attuale laboratorio delle carni suine in Piazza Matteotti a sud del giardino pubblico ed era condotto dal Sig. Coppola Alfonso e Fratelli. Sulla facciata di questo fabbricato sono ancora visibili le impronte di due locali a terreno: quello di sinistra era l'officina meccanica dei Fratelli Coppola e quello di destra era la sala delle proiezioni. Eravamo ancora lontani dal parlato, tuttavia vi si davano già dei lavori discreti anche perchéerpretati da dive di grido come la Borelli, la Bertini, la Menichelli ed altre.Dei due ordini di posti quello popolare era formato da una ventina di panche sostenute da cavalletti in ferro che, se potevano reggere bene una trentina di persone ciascuna, erano malsicure nel senso della lunghezza perché, volendo, si prestavano ad un poco simpatico moto ondoso.Di questo inconveniente ne fecero tesoro due Teddyboy di allora certi Silon e Pagnotta i quali, durante lo spettacolo, si piazzavano nel bel mezzo di una panca e, con un crescendo di movimenti studiati, ne provocavano il crollo trascinando a terra tutti gli occupanti.Al fracasso ed alle imprecazioni dei sinistrati si faceva luce in sala ed il Signor Alfonso, dopo aver aiutato i malcapitati ad alzarsi, faceva uscire i due birbanti per diffidarli e dare loro una energica lavata di capo.Come parlare al muro: dopo qualche sera di calma, si ripeteva lo scherzetto ed il Sig. Coppola, anche con lo scopo di evitare dannose conseguenze, pensò di far entrare i due a gratis purché lasciassero in pace le panche.E così fu convenuto ed accettato. Ma la "fantasia” dei nostri eroi non si era esaurita lì. Seduti in mezzo al pubblico, aspettavano il momento in cui la "diva» cadeva nelle braccia dell'amato e quando questi finalmente, stava per baciarla, alzavano un tantino le parti deretane per lasciar partire due secche “virgole” che il silenzio della sala moltiplicava di intensità con l'effetto che si può immaginare.Nuovo intervento del proprietario che, per stroncare una buona volta ogni loro attività, si decise di regalare a ciascuno l'importo di un biglietto d'ingresso purché se ne andassero a spasso il più lontano possibile.E quando alla sera qualcheduno si fermava indeciso davanti al cinema, il Signor Alfonso, tutto soddisfatto, si affrettava ad incoraggiarli perché entrassero senza timore assicurandoli con uno scandito: "Avanti, avanti Signori: stasera non c'è né Silone né Pagnotta!”. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :