Magazine Cinema

Don Jon, Levitt si sdoppia (di già?!) in salsa tamarra

Creato il 04 dicembre 2013 da Irene_snapi @irene_snapi

Image

Il nostro adorato Joseph Gordon Levitt ha un’anima tamarra, e chi l’avrebbe mai detto? Dopo aver raggiunto il successo con indiefilm come 500 giorni insieme e Hesher è stato qui e col roboante Inception di Christopher Nolan per la sua prima opera alla regia (sia pure per una produzione indipendente) sceglie la storia di un personaggio “medio”, animale discotecaro quasi in stile italienisch: il protagonista Jon è chiamato dagli amici Don proprio per questo attitude al rimorchio sfrenato. Ma non solo, Jon è anche porno-dipendente, preferisce il rapporto con le piattaforme video di internet piuttosto che con le donne che colleziona. Un bel giorno incontra la bellissima e pure lei tamarra fino alla morte Scarlett Johansson, che con un atteggiamento da “brava ragazza, ma forse no” alias gattamorta lo conquista.

Levitt sentiva l’urgenza di questo film così tanto da mettersi dietro la macchina da presa, che usa in modo abbastanza impersonale e asettico (solo il montaggio della scena iniziale sembrava avere qualche spunto), senza troppo dispiego di forze. Una storia che oggettivamente non regge neanche i 90 minuti: il ritmo sembra buono all’inizio, ma dopo la terza volta che rivediamo le stesse scene con minimi cambiamenti  (sabato sera in discoteca/domenica mattina chiesa e pranzo dai genitori/lunedì palestra e preghiere d’ammenda tra i pesi e i tapis roulant) si inizia a pensare che  il film non sia poi così ispirato, e che anzi, le idee in ballo fossero un po’ poche fin dall’inizio.

Lui, Levitt, se la cava bene, non altrettanto la Johansson che rimane un po’ ambigua nel suo personaggio sia a causa della limitata sceneggiatura sia a causa, forse, di una non eccessiva capacità nel dirigerla. La Moore fa il suo compito, ma si vede poco e  poco rimane del suo personaggio, che pure così “strabiliantemente” cambia il corso del film.

La morale (molto annacquata) è la stessa contro la mercificazione dei corpi e la svalutazione delle menti nel mondo dell’immagine della perfezione televisiva e pubblicitaria. Ma non si arriva davvero al sodo, lo si evita prendendo la strada di un finale banalotto, del quale tuttavia Joseph sembra andare molto fiero, visto che sbandiera a tutti di aver riscoperto la bellezza dell’happy ending, senza ricordare che neanche due anni fa Tom Hanks se ne uscì nelle sale con un film in tutto simile a questo, almeno nell’impianto (Larry Crowne, si chiamava) ma dove, al posto del tamarro, c’era lui nelle vesti di uno sfigato universitario ultrafuoricorso. Solo che Tom Hanks l’ha fatto dopo almeno un venticinque anni buoni da attore, quel film, mentre Levitt, vuole scavalcare i tempi, bruciare le tappe, e si ritrova tra le mani un mediocre prodotto prematuro, che può presentare a tutti i Sundance che vuole ma che non si scrolla di dosso la sua patina da nuova hollywood.


Archiviato in:blogging, cinema, film straniero, recensione, Senza categoria

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Don Jon

    di Joseph Gordon-Levitt con Joseph Gordon-Levitt, Scarlett Johansson genere, commedia Usa, 2013 durata, 90' Per nulla reticente Don Jon fa sfoggio di se al prim... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon

    Ed eccone che un altro ci riprova. Un altro chi? Ma un attore che decide di non fare solo l'attore, ma si improvvisa addirittura regista. Leggere il seguito

    Da  Jeanjacques
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon

    Regia: Joseph Gordon LevittOrigine: USAAnno: 2013Durata: 90'La trama (con parole mie): Jon è un giovane italo americano del Jersey tutto palestra, amici,... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Mr Ciak: Prisoners, Don Jon, Una piccola impresa meridionale, The Canyons

    Ciak: Prisoners, Jon, piccola impresa meridionale, Canyons

    Buongiorno, amici! Come state? Qui tutto bene, o quasi. Finalmente, dopo giorni di pioggia e nuvole, è spuntato il sole: miracolo. Leggere il seguito

    Da  Mik_94
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon – La recensione

    recensione

    Come si affronta una relazione sentimentale nell'era delle tentazioni tecnologiche moderne: Joseph Gordon Levitt ci racconta il suo punto di vista.. Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • don jon

    (Usa 2013) Joseph Gordon-Levitt: che adorabile faccia da schiaffi. Con quelle orecchie a sventola e quell’aria sorniona mi è sempre stato simpatico. Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon [Recensione]

    [Recensione]

    Mi piace godermela un po, con calma. Così per cominciare guardo qualche foto, poi quando la cosa inizia a piacermi mi metto alla ricerca di un video e non mi... Leggere il seguito

    Da  Paopru
    CINEMA, CULTURA