Magazine Cucina

DON - vera pizza fritta napoletana

Da Sississima
DON - vera pizza fritta napoletana
La pizza fritta è il cibo del popolo di Napoli, quello che abitava nei bassi, cioè nelle case senza finestre alle quali si entrava direttamente dai vicoli, infatti veniva venduta nel dopoguerra dalle donne Fortunatamente il grande successo che sta avendo negli ultimi anni lo street food ha fatto venire voglia ai proprietari di portare la pizza fritta al di fuori del territorio partenopeo. La vera pizza fritta napoletana è sbarcata da poco più di 1 mese a Roma, nel cuore di uno dei quartieri storici della capitale, dove l'offerta del food è varia e molteplice, proprio per questo non poteva mancare DON con il suo street food goloso!! 
DON - vera pizza fritta napoletana
L'impasto è quello della pizza (acqua, sale, farina, lievito) ma il metodo di cottura è diverso, mentre la pizza viene cotta in forno (preferibilmente a legna) la pizza fritta, una volta spinta con le mani la classica forma rotonda, viene farcita al centro, ripiegata a mezzaluna, pigiando bene su tutta la piegatura mi raccomando! E quindi fritta in olio sempre ben caldo!! L'impasto lievita in modo naturale molto a lungo, dalle 12 alle 24 ore, questa fa sì che diventi molto digeribile. Una frittura ogni tanto, poi, non ci fa affatto male, se però preparata con la giusta tecnica: temperatura sempre costante intorno ai 160° (quindi mai immergere il cibo da friggere se la temperatura scende al di sotto ma aspettare che risalga) e alimento completamente immerso nell'olio, ovviamente tutte le materie prime devono essere di eccellente qualità. Durante la frittura si crea la famosa "reazione di Maillard" ovvero gli amidi (come la farina ma anche con il pangrattato) a contatto con l'olio fanno dorare la crosta dell'alimento all'esterno, in questo modo si impedisce all'olio stesso di penetrare all'interno dell'alimento, mantenendo così inalterati tutti i nutrienti della farcitura.
DON - vera pizza fritta napoletana
La pizza fritta, cibo povero e street food partenopeo per eccellenza, lo troviamo con tanti ripieni: dal classico mozzarella e pomodoro, al più goloso ricotta e cicoli (riccioli di grasso di maiale), DON ha associato ad ogni ripieno di pizza fritta i nomi dei quartieri più famosi di Napoli e abbiamo:  - Spaccanapoli: con ricotta di pecora DOP, cicoli di maiale, provola, Pomodoro San Marzano DOP, basilico e pepe; (anche noi blogger ci siamo cimentati nella preparazione della pizza fritta, qui sotto io) DON - vera pizza fritta napoletana - Chiaia: con salsiccia di maiale, friarielli saltati in padella e provola; - Vomero: con scarola saltata in padella e olive nere di Gaeta, capperi, uvetta, pinoli e provola; - Toledo: con ricotta di pecora Romana DOP, prosciutto cotto, provola, pomodoro San Marzano DOP, basilico, pepe; - Posillipo: con ricotta di pecora Romana DOP, salame napoletano, provola, pomodoro San Marzano DOP, basilico, pepe; - Vesuvio: con pomodoro San Marzano DOP, mozzarella di bufala campana DOP, basilico, pepe; - Capodimonte: con Salsiccia di maiale, funghi champignon, mozzarella affumicata di bufala campana DOP, pepe. DON - vera pizza fritta napoletana
Don - vera pizza fritta napoletana Via San Francesco a Ripa, 103 (Trastevere) 00153 - Roma orario apertura: dal lunedì al sabato dalle 12:00 alle 23:00
[email protected]
https://www.facebook.com/donpizzafritta/
https://www.instagram.com/don_verapizzafritta/
DON - vera pizza fritta napoletana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines