Magazine Cucina

Dopo il cenone non sprecare, ecco semplici idee a impatto zero da Whirlpool

Da Yellowflate @yellowflate

In vista dei pranzi e delle cene delle festività sono on line i primi video
per piatti cucinati con i cosiddetti scarti. Pierre Ley: «è un piccolo contributo che tutti possono dare nella lotta agli sprechi alimentari»

 

2886_skinnychipsweb

Tre piatti da uno: non è la moltiplicazione evangelica del cibo, ma la possibilità concreta di sfruttare gli scarti della preparazione di una ricetta per dar vita ad altri cibi minimizzando gli sprechi. A spiegare come valorizzare al massimo gli avanzi della preparazione di un piatto di pesce (nasello con patate e broccoli) sono tre video realizzati dalla società Addiction per Whirlpool EMEA (i sottotitoli italiani si attivano dalla barra del menu sotto lo schermo, quarto comando da destra)

ricetta1 (patate): http://youtu.be/6xI2dJ0uvGA

ricetta2 (pasta): http://youtu.be/59BHZi9NiPk

ricetta3 (zuppa): http://youtu.be/_xH_h1uoBrE

e che sono le prime puntate della serie “Cucina a impatto zero”, pubblicate on line in vista delle festività natalizie e di Capodanno, occasioni in cui gli scarti alimentari toccano il picco dopo pranzi e cenoni. Nelle tre ricette si valorizzano rispettivamente le bucce delle patate per ricavarne un saporito stuzzichino da aperitivo, i gambi dei broccoli come base per un gustoso piatto di paccheri e gli scarti del pesce per una elegante zuppa alla provenzale. «La sostenibilità alimentare è una sfida globale, che è affrontata a tutti i livelli, dalle istituzioni internazionali ai singoli governi, ai grandi gruppi industriali, alla ricerca e all’università, ma ognuno di noi, nella pratica quotidiana in cucina, può e deve fare la sua parte –afferma Pierre Ley, Media relations manager Whirlpool EMEA e protagonista dei video–. Su questo ultimo aspetto si concentrano i video, che, oltre a presentare ricette di semplice realizzazione, vogliono offrire uno spunto di riflessione: tutto quello che buttiamo dalle nostre tavole è veramente uno scarto o può essere utilmente reimpiegato?». Non è casuale che le riprese dei video siano avvenute nella Leaf (Life Energy And Future) house ad Angeli di Rosora (Ancona), dove Enrico Loccioni, imprenditore hi-tech visionario, ha creato una vera e propria comunità che produce in autonomia e da fonti rinnovabili tutta l’energia che utilizza, quindi a impatto zero. «Se qualche consiglio sul riutilizzo del cibo può essere utile per le festività imminenti e per sensibilizzare sul problema dello spreco –continua Ley– il nostro impegno come multinazionale leader degli elettrodomestici, quindi parte della filiera del cibo per quanto concerne le fasi di cottura e conservazione, guarda alla sostenibilità alimentare in un orizzonte più ampio, che è quello scelto da Expo 2015 e che rappresenta una delle sfide globali più pressanti degli anni a venire». In effetti la serie di ricette è stata realizzata nell’ambito delle riprese del documentario Zero Impact, presentato pochi giorni fa a Milano e che illustra come Whirlpool sia in prima linea in questa sfida, con i propri laboratori di ricerca e sviluppo e con prodotti già pensati per un corretto utilizzo delle risorse alimentari (http://www.youtube.com/watch?v=nTOtt6zzXDU&feature=share attivare la funzione apposita di youtube per i sottotili italiani).Soltanto in Italia (dati contenuti nel rapporto 2013 sullo spreco domestico realizzato da Knowledge for EXPO) lo spreco vale 8,7 miliardi di euro, poco più di 7 euro per famiglia ogni settimana. Questi sprechi valgono il 3% del consumo energetico nazionale.

Whirlpool EMEA e Whirlpool Corporation Con circa 10.400 dipendenti, una presenza sui mercati di oltre 30 paesi europei e siti produttivi in sette paesi, Whirlpool Europe, Middle East & Africa (EMEA), n. 1 al mondo nella vendita di grandi elettrodomestici, è una società interamente controllata da Whirlpool Corporation. L’azienda leader a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di grandi elettrodomestici ha avuto nel 2012 un fatturato annuale di 18,1 miliardi di dollari, 68.000 dipendenti e 65 centri di produzione e di ricerca tecnologica in tutto il mondo. L’azienda commercializza i marchi Whirlpool, Maytag, KitchenAid, Jenn-Air, Amana, Brastemp, Bauknecht e altri importanti brand quasi in ogni paese del mondo. Il Centro Operativo Europeo di Whirlpool si trova in Italia, a Comerio (VA).Per ulteriori informazioni sull’azienda, www. whirlpool.eu;

Facebook:    https://www.facebook.com/WhirlpoolEMEA

Youtube: http://www.youtube.com/channel/UCYp5DzqdN7I8fgrRGsOztrg

LinkedIn: http://www.linkedin.com/company/whirlpool-emea

Slideshare: http://www.slideshare.net/EMEAHQ


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La turchia dopo gezi parki

    turchia dopo gezi parki

    Intervista di Radio Radicale a Marta OttavianiA quasi quattro settimane dal loro inizio, le proteste di Istanbul e delle altre città della Turchia, che... Leggere il seguito

    Da  Pasudest
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • 2400 anni dopo Platone

    Ribloggato da Ket! che ci fai in Congo?: Platone in uno dei dialoghi del suo ultimo lavoro, Le Leggi, racconta la conversazione di tre amici nel cammino verso i... Leggere il seguito

    Da  Annovigiulia
    SCIENZE
  • Luca Permunian il dopo incidente...

    Luca Permunian dopo incidente...

    Il racconto del nostro Luca:Allora dopo circa 15 giorni in rianimazione e 15 a Negrar ora continuo il mio lento recupero presso l'ospedale di Legnago.... Leggere il seguito

    Da  Fibi80
    COLLEZIONISMO, HOBBY
  • :: Dopo ::

    Dopo

    Ricordo le sere passate davanti al pc fino a notte tarda alla ricerca di ispirazione... Volevo assolutamente cambiare. Poi è arrivata la folgorazione,... Leggere il seguito

    Da  Simonina
    CREAZIONI, DECORAZIONE, DIARIO PERSONALE, HOBBY, LIFESTYLE
  • Due anni dopo Utoya

    Fu sconvolgente. Sono passati due anni da quando quel pazzo uccise 77 ragazzi, tra i due attentati di Oslo e Utoya. Sono state numerose le manifestazioni di... Leggere il seguito

    Da  Danemblog
    SOCIETÀ
  • dopo il grande caldo...

    dopo grande caldo...

    Durante il grande caldo ho lavoroto comunque, ho fatto un mercatino che non è andato male, considerando il periodo; non ho fatto molte foto, era molto se... Leggere il seguito

    Da  Tartamilla
    CREAZIONI, HOBBY
  • Restituire un libro dopo anni?

    Restituire libro dopo anni?

    Autore: La RedazioneSab, 24/08/2013 - 15:30 Ne avevamo già parlato, in passato, ma sembra esserci una strana moda, soprattutto nei paesi anglosassoni, cioè... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI