Magazine Società

Doppio attacco a Oslo: esplosione e sparatoria

Creato il 23 luglio 2011 da Paopasc @questdecisione
Doppio attacco ad Oslo: un'autobomba esplosa nel centro di Oslo  l'altro, una sparatoria, perpetrata da un soggetto arrestato, apparentemente di nazionalità norvegese.

Alle 15,25 (ora locale) di ieri, un'autobomba esplode nel centro di Oslo, nei pressi di importanti edifici: il palazzo che ospita il Primo Ministro e il Nobel Peace Center, la sede del Nobel per la Pace. Primo bilancio: 7 persone uccise e 15 ferite.Poco più tardi, sull'isola di Utoya, un uomo travestito da poliziotto apre il fuoco su giovani (età media sui 15-16 anni) convenuti per un meeting laburista. Il primo bilancio è, forse, ancora più agghiacciante: ufficialmente si parla di 4 o 5 morti, però qualche testimone afferma di averne visti almeno una ventina distesi sulla spiaggia. L'autore della strage è stato arrestato e sembrerebbe trattarsi di un norvegese. Gli inquirenti affermano esservi un collegamento con l'esplosione di qualche ora prima.Notizie recenti, anche in seguito alla smentita dopo la rivendicazione del gruppo terrorista Ansar al-Jihad al-Alami, danno corpo all'ipotesi di gruppi sovversivi interni. Addirittura, gli inquirenti pensano che possa essere lo stesso autore, un 32 enne norvegese,  della sparatoria ad Utoya ad aver attivato l'autobomba. Infatti, sarebbe stato visto anche nei pressi dell'attentato esplosivo poco prima dell'esplosione. Si tratterebbe di un esponente dell'estrema destra.In questa fase ancora concitata e incerta girano voci anche di un numero di vittime molto più elevato: insieme alle 7 dell'esplosione si devono aggiungere le 80 vittime, ufficiose,  della sparatoria.

Doppio attacco a Oslo: esplosione e sparatoria

la zona dell'attentato esplosivo. Credit new york times

Doppio attacco a Oslo: esplosione e sparatoria

isola di Utoya. Credit Guardian.co

Video amatoriale della zona dell'esplosione

Video con ripresa dall'alto dell'isola Utoya dove è avvenuta la sanguinosa sparatoria


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog