Magazine Cultura

DragMagazine | La Fleur Du Male

Da Lametamorfosiftm
DragMagazine | La Fleur Du Male Oggi, Gaymagazine, vi vuole proporre una Drag Queen molto interessante, che ha fatto del titolo di una raccolta di poesie il suo nome d’arte e che gioca, con fervida passione e grande bravura, sul’essere “androgino” che il suo personaggio esprime. Gaymagazine ha voluto intervistarla per far scoprire ancora meglio i lati un poco più nascosti di questa Drag Queen e per permettere a tutti quanti voi lettori di conoscere meglio il mondo dell’animazione Drag.
Di seguito vi proponiamo l’intervista esclusiva a La Fleur Du Male.
Gaymagazine vuole dare spazio alle Drag Queen italiane. Cosa ne pensi di questa rubrica?
DragMagazine | La Fleur Du MalePenso sia un’iniziativa simpatica ed interessante. Siamo talmente tante oggi di Drag Queen (o sedicenti tali), che antra tra noi non ci conosciamo tutte. E’ bello avere la possibilità di uno spazio dove raccontarsi e permettere alla gente di conoscerci. Quindi grazie.
Potresti spiegarci il significato del tuo nome d’arte?
Il mio nome d’arte. Allora. Sono un appassionato di poesia. Qualche anno fa mi imbattei ne “Les Fleurs du Male”, famosa raccolta di poese di Baudelaire. Rimasi molto colpito nel leggere quegli scritti così che acquistai il libro con l’intera raccolta. Ho madre francese e padre afro-brasiliano , così ho pensato che un nome straniero potesse raccontare al meglio la mia personalità poliglotta. Così nasce “la fleur du male”, che gioca sulla parola “male” dando ambiguità al nome, che passa dal “il fiore del male” a “il fiore del maschio”. Nome che, a mio avviso, rispecchia un’entità androgina come la mia.
Il mondo dell’animazione Drag è molto vario, a tuo avviso, cosa deve fare o avere una Drag Queen per differenziarsi dalle altre?
DragMagazine | La Fleur Du MaleCredo che ogni persona che si affacci a questo mondo debba essere se stessa. Deve saper ascoltare quel milioni di vocine interiori che ci parlano. Portare in superficie i volti di tutte le personalità che ogni persona contiene, dando così vita ad un personaggio sempre diverso pur conservano la propria intimità. E’ come indossare una maschera ogni volta, rimanendo coscienti del fatto che sotto la maschera c’è sempre e comunque il proprio volto.
Ogni Drag Queen ha un modella da cui trae ispirazione, qual è il tuo? In che modo influisce sul tuo modo di fare animazione?
Ahahahah questa domanda mi fa un pò sorridere, non per la doanda in sé ma per la risposta che dovrei dare. Il mio modello di donna ideale è una donna sofisticata, sexy, aggressiva, forte e disinibita. Una femme fatale! Ogni volta che mi metto davanti ad uno specchio di
DragMagazine | La Fleur Du Malecamerino e comincio a truccarmi, vedo riflessa l’unica donna che vorrei essere: Angelina Jolie. Probabilmente mi ispiro a lei, non come connotati fisionomici ovvio ma come struttura del personaggio. La amo. Amo sedurre, amo farmi guardare, amo giocare col corpo e viaggiare attraverso questo.

Che ricordo hai del tuo primo debutto come Drag Queen?

Il mio primo debutto come Drag Queen è stato come fare per la prima volta sesso: sai che ti piacerà ma sai anche che farà male.Sudavo, tremavo come una foglia, non ricordavo una parola della canzone nè un passo della coreografia. Ricordo che appena la traccia musicale terminò, dissi tra me e me “è fatta”. Poi l’applauso del pubblico mi diede un minimo di conforto, anche se tutt’oggi penso che applaudirono per carineria e circostanza.
I trucchi e i vestiti sono molto importanti in questo lavoro, sappiamo che sei anche truccatore, quale consiglio, secondo te fondamentale, senti di dare alle persone che vogliono iniziare a fare questo tipo di animazione?
DragMagazine | La Fleur Du MaleDragMagazine | La Fleur Du MaleDragMagazine | La Fleur Du MaleIl trucco come gli abiti sono estremamente fondamentali è vero. Ma è pur vero che non tutti sanno cucire o hanno la possibilità di studiare in un corso di make up, dati i costi elevati. Credo che almeno all’inizio si possa puntare sulla semplicità dell’abito, evitando così di sembrare figure accidentate. Per quanto riguarda il make up, se si va youtube è stracolmo di tutorial per imparare a truccarsi. Da fare una base di fondotinta alle copertura delle sopracciglia, e trovo anche che molti di questi siano molto validi. Quindi può bastare un pc, una connessione e un click.
Hai partecipato come uno dei protagonisti alla rappresentazione teatrale del famosissimo film “Priscilla, la regina del deserto”, ci puoi dire qualcosa in merito? E’ stata un’esperienza importante per te?
Dio se è stata un’esperienza importante! Dal provino alla prima in teatro. Ho avuto la grande possibilità di avere come “guru” Giuliano Leva Zanetti, regista e mio preparatore personale in recitazione. L’onore di lavorare accanto a grandi personalità come La Karl du Pigné e Doriano Rautnick. Spesso si cade nell’errore di pensare: “vabbè dai, hai interpretato un personaggio gay di una commedia gay, non è difficile”. E’ tutto il contrario! E’ estremamente difficile, perchè recitare significa diventare a tutti gli effetti il personaggio che si interpreta. Per farla breve è stato davvero difficile ma orgasmatico!
Quali altre esperienze hanno lasciato un segno positivo o negativo nella tua esperienza? Ci parleresti di una di queste?
La prima volta che mia madre venne a vedere una mia esibizione in un locale. Non sapevo lei ci fosse. Uscii sul palco ed iniziai ad interpretare “The show must go on”, una versione cantata da una donna. Vidi mia madre sotto il palco che piangeva e io iniziai a piangere. Quando scesi dal palco le persone mi dissero “wow che interpretazione, da brividi”. Non sapevano che le lacrime erano vere. Abbracciai mia madre e lei mi disse “sono fiera di te”. Quella è un’esperienza che mi ha segnato.
Che rapporto hai con il pubblico?
Il pubblico è il mio “supradyne”, la mia scarica adrenalinica. Ci si esibisce per loro oltre che per noi stessi e per il locale che ci paga. Mi piace conoscere sempre gente nuova, così a fine spettacolo. quando ho la possibilità. scendo tra il pubblico e mi fermo a parlare con loro, a bere qualcosa insieme, a fare foto. Devo molto al mio pubblico, a tutti quelli che hanno creduto in me e continuano a farlo. E’ estremamente eccitante sentire gridare il tuo nome mentre ti esibisci. Grazie a tutti!
Hai qualche progetto per il futuro o sogno nel cassetto?
Certo che no, come tutti! Ma sogni troppo grandi e cassetti troppo piccoli per contenerli. E poi se ve li dico non si arrivano. Per quanto riguarda i progetti, credo che l’intera vita di una persona sia basata su progetti, io mi auguro solamente di riuscire a portarne a termine almeno uno. Grazie per questa intervista! Mi ha fatto molto piacere.
La redazione di Gaymagazine ringrazia La Fleur Du Male per la sua disponibilità a coglie l’occasione per darvi appuntamento alla prossima settimana con una nuova intervista ad una scoppiettante Drag Queen!
Fonte: http://gaymagazine.it/2010/11/11/dragmagazine-la-fleur-du-male/
Vi abbraccio
Marco Michele Caserta

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Cetto La Qualunque e il Partito du Pilu

    Cetto Qualunque Partito Pilu

    Online il sito del Partito du Pilu e del suo leader raccontato nel film di Antonio Albanese, il 21 gennaio 2011 al cinema. Non solo il programma e i manifesti m... Leggere il seguito

    Da  Daven
    CINEMA, COMMEDIA, CULTURA
  • La via del male di Grazia Deledda

    male Grazia Deledda

    Un romanzo d’amore folle e disperato dove un ruolo principale è giocato dalle passioni primordiali tenute nascoste, ma pronte a esplodere selvaggiamente.... Leggere il seguito

    Da  Edizionialtravista
    CULTURA, LIBRI
  • DragMagazine | La Roya Ciccone

    DragMagazine Roya Ciccone

    La figura della Drag Queen non si crea dal nulla, inizia con un’idea di fondo che, col tempo, si modifica, si evolve e, passo dopo passo, diventa sempre più... Leggere il seguito

    Da  Lametamorfosiftm
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • Rihanna - Reb'l Fleur

    Rihanna Reb'l Fleur

    No, non si tratta di una nuova canzone per Rihanna, ma bensì della sua prima fragranza!Ebbene sì, dopo Heat di Beyoncé, e Purr di Katy Perry, non poteva... Leggere il seguito

    Da  Michele1982
    CULTURA, MUSICA
  • La febbre fa male // Facebook e la nuova skin

    febbre male Facebook nuova skin

    Domani ferie fino al 2...e io? Giusto due linee di febbre! -_-Spero di riprendermi ALMENO entro il 31 per godermi la cena dell'ultimo dell'anno!!! Leggere il seguito

    Da  Michele1982
    CULTURA, MUSICA
  • DragMagazine | Era Durex

    DragMagazine Durex

    L’esperienza è il frutto di tutte le esperienze, positive e anche negative, che si fanno nel corso della vita o, nel caso di un lavoro, nel corso di una... Leggere il seguito

    Da  Lametamorfosiftm
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • DragMagazine | CastaDiva

    DragMagazine CastaDiva

    Una Drag Queen non smette mai di rinnovarsi, di cambiare per raggiungere quella che considera una figura finita; questo tipo di personaggio, nonostante la sua... Leggere il seguito

    Da  Lametamorfosiftm
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ