Magazine Cinema

"Drive": Ryan Gosling eccelle nei sorpassi ma l'amore fa cadere massi

Creato il 29 settembre 2011 da Dejavu
Definito proprio in queste ore dallo stesso George Clooney "un inverosimile talento", Ryan Gosling torna nuovamente al cinema quest'anno, con "Drive", sorta di Arancia Meccanica a quattro ruote che consuma i propri copertoni sulle strade di Los Angeles.

Driver (Gosling) fa il meccanico, lo stuntman automobilistico per il cinema e l'autista per rapinatori la notte, garantendo loro una fuga celere e intelligente grazie alla proprie straordinarie capacità di pilota. Parla poco e quando lo fa è monosillabico. Il suo nome è impalpabile come le innumerevoli targhe dei veicoli che cambia e il suo passato si perde lungo una strada sterrata e impraticabile.  

Ma tra i chilometri macinati dalla sua roboante esistenza si annida un segnale inatteso, che d'un tratto gli impone una deviazione improvvisa. E' l'amore per Isabelle (Carey Mulligan), la sua vicina di casa, madre solitaria di un bimbo piccolo e affettuoso. 
E' un attimo, e l'incrollabile e reattivo Driver finisce per essere sorpassato da un bolide d'incalcolabile cilindrata. Isabelle e il bambino divengono il suo chiodo fisso, riempiono la vacuità della sua vita, un bagagliaio freddo e oscuro atto ad ospitare solo sogni infranti e refurtive. Da quel momento, e con una gomma a terra, nulla può fare se non seguire una nuova strada dettata dal motore propulsivo più potente del mondo: il suo cuore.

Purtroppo Isabelle è sposata con Standard, e quando questi esce di prigione e torna a casa, Driver non può che fare marcia indietro tornando nel suo rifugio a pochi metri sullo stesso pianerottolo. Ma Standard ha un favore da chiedergli. Deve saldare un conto e gli serve un guidatore che possa aiutarlo a perpetrare una rapina. Driver ci sta, mette le sue doti al servizio di una banda di pseudo-pizzaioli usi alla malavita e accompagna Standard sul luogo del delitto. I piani purtroppo andranno diversamente e a quel punto, braccato e ridotto in pericolo, a Driver non resterà che inserire la quinta e accelerare lungo un tortuoso tragitto di violenza che risponde a violenza.
















Se non fosse per il fastidio arrecato da scene inutilmente truculente, "Drive" non sarebbe nemmeno un brutto film. C'è pur sempre Angelo Badalamenti (I Segreti di Twin Peaks) a procacciare un'ottima colonna sonora. E c'è una vicenda ben costruita, anche se  sa di dejà vù, ingentilita dalla presenza della dolce Mulligan e virilizzata dalla recitazione fisica di Gosling, seducente antieroe dalla parte dei buoni. Ma un Quentin Tarantino, alle cui maniere di sicuro si ispira, o un William Friedkin  qui scomodato per Vivere o Morire a Los Angeles, entrambi avrebbero saputo far filare molto meglio queste automobili di seconda mano, impazzite in una trama piuttosto consunta.

Il film poi mescola adrenalina su strada e voluta lentezza da fermi, indugiando nei dialoghi e nei primi piani come se, scesi da un'auto lanciata a tutta velocità non rimanessero che una quotidianità fatta di sentimenti accidentati e un'umanità appiedata in una rassegnazione senza speranza di riscatto. E se il volante retto da Gosling può considerarsi assolutamente in ottime mani, non altrettanto può dirsi della regia affidata a Nicolas Winding Refn, che avrebbe dovuto scalare molte più marce sulla pista di un genere cinematografico già battuto anzitempo da altri fuoriclasse, ai quali chiede palesemente una spinta.Pur non facendo il pieno al serbatoio, l'apprezzamento nel complesso è tuttavia tale da non lasciare in riserva. Né tanto meno a piedi. Una sufficienza piena è più che dovuta.
       

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ryan Dunn (1977 - 2011)

    Ryan Dunn (1977 2011)

    So long, jackass.MrFord Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Drive angry

    Drive angry

    In un film del genere un attore come Nic Cage calza a pennello: non solo per l’immagine weirdo che ormai ne sovrasta la capacità artistica ed a cui si addice... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Annate d'attore: Ryan Gosling

    Annate d'attore: Ryan Gosling

    Gli attori si sa sono come il vino, risentono di condizioni che non dipendono da loro, e come quello, soggetti ad annate discontinue. Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Drive strega tutti tranne noi

    Drive strega tutti tranne

    L’opera che ha stregato Cannes viene proiettata in piazza Grande a Locarno, prima di approdare a settembre nelle sale, e noi siamo tutti li in attesa di... Leggere il seguito

    Da  Masedomani
    CINEMA, CULTURA
  • Siamo ritornati!!! Anteprima di Drive

    Siamo ritornati!!! Anteprima Drive

    Dopo un periodo di assenza siamo ritornati con la grinta di sempre! Da questa settimana riprenderemo la pubblicazione di articoli e soprattutto il consueto... Leggere il seguito

    Da  Sky9085
    CINEMA, CULTURA
  • Drive

    Drive

    "Drive" è una straordinaria e preziosa lezione da tramandare ai posteri, tanto di regia quanto di scrittura e recitazione. Un autentico compendio che riassume i... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Ryan gosling style!

    Ryan gosling style!

    Ryan Gosling è un attore canadese molto conosciuto negli States, meno in Europa (dove però nel 2011 sono sbarcati due suoi film).Sempre "cool" sia... Leggere il seguito

    Da  Darioujetto
    CINEMA, MODA E TREND

COMMENTI (1)

Da MaD
Inviato il 14 gennaio a 15:41
Segnala un abuso

Caro Dejavu, oltre probabilmente a non aver visto il film che hai recensito, in quanto la protagonista femminile che insistentemente chiami Isabelle, in realta' si chiama Irene, la tua recensione e' a livello di forma e contenuti degna di un tema di terza media da ULTIMO DELLA CLASSE... Le scene "inutilmente truculente" di cui parli, sono momenti cruciali perche' il regista potesse esprimere la rabbia incontrollabile di una persona toccata nei suoi affetti piu' profondi, nonostante il personaggio impeccabilmente interpretato da Ryan Gosling sia generalmente freddo ed apparentemente apatico. Considerando appunto che a tuo parere il film e' stato ritenuto brutto per via di queste suddette scene, posso solo suggerirti: 1 - d'ora in poi, limitati alla visione dei cinepanettoni in quanto, evidentemente, di cinema capisci ben poco. 2 - di gardare i film prima di recensirli... 3 - se proprio non riesci a fare a meno di regalarci la tua opinione, fai in modo che sia proprio la tua e non quella riarrangiata di qualcun'altro che ha visto a malapena il film e te l'ha raccontato al bar. Con affetto MaD