Magazine Cultura

“E adesso guardami” di Belle Logan

Da Vivianap @vpicchiarelli

NZOSebastian Barnes non è solo un uomo ricco, colto, attraente e sempre all’ altezza della situazione: è anche un fotografo di grandissimo talento, abituato a spogliare le donne con lo sguardo, a dominarle attraverso l’obiettivo.
Ed è capace di scoprire la bellezza dove si cela inconsapevole.
Regina inconsapevole lo è del tutto. Nasconde le sue forme dietro vestiti scialbi e l’unica cosa che le interessa è farsi apprezzare sul lavoro, alla New York Public Library, dove è riuscita a diventare bibliotecaria, realizzando il suo sogno di bambina. Ma appena Sebastian posa gli occhi su di lei viene conquistato dalla sua incredibile somiglianza con Bettie Page, la più celebre pin-up degli anni Cinquanta.
Nelle sue mani, grazie al suo sguardo, Regina scopre a poco a poco la propria sensualità e si concede a tutte le sue fantasie. Tutte tranne una: non vuole posare nuda per lui. Sebastian, che concepisce come unica forma di relazione il dominio ed è abituato al comando nella vita e in camera da letto, deve fare i conti con una donna forte e intelligente, che ha su di lui un grande potere: la desidera, più di chiunque altra mai. E se i ruoli si invertissero? È pronto Sebastian a trasformarsi da dominatore in dominato?

Quando il titolo del libro può trarre in inganno. Se vi aspettate un ribaltamento di ruoli dal solito schema dominatore – dominata, be’ siete in errore. Si tratta di un già visto, un già scritto, un già sperimentato, se possibile a tinte ancor più fosche e, a mio parere del tutto inverosimili. L’unica novità, anche questa una palese forzatura, sta nell’assoluta ritrosia con la quale la protagonista evita in tutti i modi di farsi fotografare, quando è ben disposta, seppur vergine, a farsi fare e a fare letteralmente di tutto! Ovviamente alla fine cede, guadagnandoci in tutti i sensi.

Nulla di eccezionale, piuttosto banale e noioso, in alcuni punti, persino, disturbante.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog