Magazine Racconti

È notte alta e sono sveglio (Capitolo 3 - The End)

Da Cannibal Kid
È notte alta e sono sveglio (Capitolo 3 - The End)Leggiti il CAPITOLO 1e poi pure il CAPITOLO 2e adesso il capitolo finale
Capitolo 3Le bionde trecce gli occhi azzurri e poi,mi son già fatto due pippette rosse.Bella raga. Tutto rego? Pensavate mi fossi ammazzato, pensavate, eh?Come, no? Io mi immaginavo tutti lì in pena per me e allora che mi state a leggere a fare, se non mi pigliate sul serio? Eddai sfiiigati, non fate gli stronzi pure voi come il Venditti. Che lo so che volete che vi racconti perché non mi sono suicidato tagliandomi le vene come un emo e quindi ve lo dico: primo, perché non volevo chiedere consiglio a quel ciucciapalle del Christian, lui che starà tutto il giorno chiuso in bagno a tagliarsi le vene da quelle braccia pelle e ossa che io non so nemmeno come faccia a trovarsele, le vene, quell’emo finocchio del kaiser e pure stronzo. Secondo, perché la Manu a un certo punto è arrivata, mi ha citofonato al citofono che era rotto e così s’è dovuta mettere a urlare alla finestra e a me è sembrata una scena troppo romantica stile serenata rap serenata metropolitana chi non salta è un figlio di puttana eh eh e come al solito ho perso il filo del discorso e cioè c’era la Manu che mi gridava tutte ste cose alla finestra “France, apri, brutto stronzo!” e mi sembrava così romantico e come in un film neo-realistico del Moccia m’è entrata in casa e m’ha sbaciucchiato tutto e ha detto che mi ama, mi ama, mi amaaaaaa ha gridato che a momenti mi partiva un timpano. Sta bocchinara, che cazzo ti gridi che sono a un centimetro da te? E io le ho detto: “Anch’io ti voglio bene e forse ti amo pure e voglio stare con te 3oo metri, ma che dico?, 3mila metri sopra il cielo, però mia cara, prima c’è una news che devi proprio sentire.”Le ho detto che ero HIV positivo. Lei ha fatto: “E che cazzo, sei frocio pure te? O mi sei diventato di Scientology?” e io “No, macché scienziato? Niente di così drammatico: sono solo HIV positivo, cioè sono sieropositivo. Ho l’AIDS, ecco: A.I.D.S.” ho scandito lettera per lettera e lei ha cominciato a urlare ancora più forte di quando mi ha datto che mi amava e adesso urlava cose non proprio mocciane e non proprio trascrivibili qui su carta, non perlomeno se come me siete gentlements e non volete fare gli zozzi.
E insomma bella raga, questo era più o meno all’incirca a grandi linee approssimativamente quello che è avvenuto a me e ai miei amici e alla Manu ma soprattutto a me durante il periodo della maturità. Adesso convivo con l’AIDS da ormai tre estati che se il Magic Johnson sono 80 anni che ce l’ha ed è ancora vivo guizzante come un pesce non vedo perché non debba farcela pur’io, e comunque se ve lo stavate per caso chiedendo al secondo colpo la matura l’ho passata e poi mi sono iscritto a Giurisprudenza come tutti i Grandi della Terra e ho già dato 2 esami in due anni e mi sono pure messo insieme alla Manu, l’amor de mi vida che lei per fortuna il virus non se l’è beccato, l’è andata proprio di culo ma se posso darvi un consiglio raga voi il goldone mettetelo su sempre che non si sa mai e c’è gente dimmerda in giro come me che può attaccarvelo e insomma tutta questa storia mi ha fatto capire che la vita ti dà degli schiaffi, ti tira dei pugni belli forti proprio nella bocca dello stomaco ma tu devi sapere incassare. Ecco quello che mi ha detto mi padre sul letto di morte: “Francesco, nella vita te devi sapere incassare,” e forse intendeva incassare soldi, questo non lo so, non ho fatto in tempo a chiederglielo che sto stronzo è schiattato lì davanti a me e alla mi povera mamma che lei nella vita di pugni e pure delle mazzate se n’è prese parecchie ma ancora sta in piedi, tiene duro, è forte lei e quando le ho detto che volevo chiedere alla Manu se mi sposava si è messa a piangere e a fare ste cose da femmina e io allora stasera glielo chiedo per davvero con tanto di anello e tutto: “Manu, vuoi tu diventare la signora Merda?”Cosa, non ve l’ho detto prima? Io di cognome faccio Merda, porcodiqueldiodenoporco. Proprio così, l’unica eredità che m’ha lasciato quello stronzo di mi padre. Cazzo vi ridete, voi? Vi vengo a prendere uno ad uno a casa e vi tolgo dalla faccia quel sorriso da stronzetti, voi con i vostri bei cognomi Rossi Brambilla Baresi Galli Tassotti Maldini o come cazzo vi chiamate. Come? Dite che è meglio se le chiedo: “Vuoi tu Manu farmi l'onore di diventare mi moglie?” senza precisare nomi e cognomi? Così va meglio? Tutti contenti? La accendiamo?
E adesso cazzo fate ancora lì, davanti alle pagine, ai monitor, agli iPad o dove kaiser si leggerà questo mio prezioso testamento spirituale tra 100mila anni? La storia è finita, non ve lo dico com’è andata la scena della proposta perché ancora non lo so nemmeno io com’è andata e poi se ve lo dico il mio prossimo libro non lo comprate più e io i soldi per giocare alle macchinette al bar dove li trovo? Quindi incrociate le dita per me e pregate che la Manu, sta stronza bocchinara, non si scopi qualcun altro e ami solo me e mi dica: “Sì amore mio, lo voglio!” che se mi dice di: “No brutto sieropositivo dimmerda non ti sposerò mai nemmeno se fossi l’ultimo sfigato sulla terra!” vi vengo a pigliare a casa uno ad uno. Bella raga, tutto rego? Ci si becca in giro
e incrociate ste cazzo di dita per me, porcodiqueldiodenoporco!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Capitolo uno e uno

    Capitolo

    Tutti quei “viaggetti per capire meglio il paese” che mia madre infliggeva a mio padre…Una giorno mi dicesti che ti sarebbe piaciuto sposare una donna come mia... Leggere il seguito

    Da  Bartel
    RACCONTI, TALENTI
  • Capitolo uno e due

    Capitolo

    Il ragazzo se ne sta sdraiato per terra nel giardino di fronte al laghetto. Tre grosse pietre chiare affiorano dal pelo dell’acqua. Leggere il seguito

    Da  Bartel
    RACCONTI, TALENTI
  • Capitolo 14- sole

    Capitolo sole

    Valentina. Allora era lei? Il suo odore,quello che avevo sentito a casa di Charlie,erano gli stessi. “Allora? Avete perso la lingua?”chiese lei,sfidandoci.... Leggere il seguito

    Da  Vampirieco
    RACCONTI, TALENTI
  • Tracce di un week-end

    Tracce week-end

    Un concerto inculonia, ai confini tra Roma e tutto il resto, suoni irlandesi e canzoni andate in shuffle su Itunes chissà quante volte, le patatine fritte che... Leggere il seguito

    Da  Sciroccata
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Io e la scrittura - Capitolo primo

    scrittura Capitolo primo

    Credo di soffrire di un'allergia agli happy end. Forse perché nei film strappalacrime - le cosiddette americanate - tutto si conclude con il primo bacio. E... Leggere il seguito

    Da  Martatraverso
    TALENTI
  • È notte alta e sono sveglio (Capitolo 2)

    notte alta sono sveglio (Capitolo

    Leggi l'imperdibile CAPITOLO 1 Capitolo 2Respiri piano per non far rumore,ma quando la sganci fai un gran odoresei chiara come l’alba eeeehpuzzi come una... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • (alphabet project: the end)

    (alphabet project: end)

    Z come Zenzero! Non potevo immaginare un finale migliore: una nota speziata ed esotica...ed un pizzico di ilarità con l'omino di pan di zenzero!!! E... Leggere il seguito

    Da  Design Your Life
    TALENTI