Magazine Bambini

E se finora avessimo sbagliato a studiare?

Da Massimo Silvano Galli @msgdixit

E se finora avessimo sbagliato a studiare?
Fin da ragazzino mi sono chiesto perché alcune cose riuscivo a impararle con gran velocità mentre, per altre, la fatica era incommensurabile. 
Mio padre mi coinvolgeva, chessò, nel riparare una tapparella e, la volta dopo, pur sotto la sua guida, riuscivo già a provarci da solo -e, ancora oggi, nonostante l'esiguo numero di tapparelle riparate, questo sapere mi accompagna. 
Quando però si trattava di mandare a memoria una vicenda storica, un procedimento algebrico o, insomma, una delle tante cose ripartite dalla scuola, le cose non solo si facevano più complicate nell'immediato, ma conservarle nel tempo rimaneva un'impresa ben più difficile -e, per i tanti bambini e ragazzi che ho seguito e seguo come terapeuta, mi sembra che le cose non siano affatto cambiate.
Poi ho incontrato Edgar Dale e ho capito il perché.
Dale è stato un pedagogista americano i cui studi hanno portato a un'importante definizione che in molti, come me, hanno potuto, esperire nella loro vita: quando il capire si concreta nel dire e si accompagna al fare, allora le possibilità di apprendimento aumentano esponenzialmente.
Se ci pensate, non c'è nulla di più semplice. Per spiegarlo basta tornare un attimo alle nostre tapparelle. 
Immaginate, dunque, mio padre che, invece di coinvolgermi nell'esperienza diretta, mi avesse detto: "Massimo, oggi impareremo a riparare una tapparella ma, anzitutto: che cos'è una tapparella? Dunque, una tapparella è una chiusura avvolgibile che...". Dopo l'introduzione di rito, come ogni buon professore, avrebbe poi proseguito: "Se, ad esempio, la cinghia non dovesse arrotolarsi, dobbiamo pensare che sia coinvolto il meccanismo di avvolgimento che si trova nel vano alla base della cinghia, normalmente chiuso da una sottile piastra metallica. Rimuovendo le viti dalla piastra di protezione, raggiungeremo dunque il meccanismo a molla, questi...". Ogni passo sarebbe stato poi condito dalle opportune eccezioni: "Laddove le viti non siano state a suo tempo adeguatamente applicate o la ruggine le avesse bloccate, sarà necessario procedere con..." e via insegnando.
Edgar Dale ha dimostrato esattamente questo: che l’apprendimento ha una duplice natura, può essere passivo o attivo e che il secondo è decisamente più efficace del primo. Tale riflessione è riassunta nel suo famoso "Cono dell'Apprendimento" che spiega, più di tante parole, quello che accade nei nostri processi di memorizzazione.
E se finora avessimo sbagliato a studiare?
Inutile farvi osservare quanto la scuola sia per lo più schierata a difendere a spada tratta la modalità più inefficace. Questo, chiunque abbia superato la prima elementare, lo sa.
Certo, direte voi: un conto è imparare a riparare una tapparella che è qualcosa di pratico e facilmente trasportabile nelle realtà, un altro mandare a memoria le intricate vicende della prima guerra di indipendenza che hanno un che di astratto e difficilmente riproducibile.
Osservazione corretta, ciò non significa che ci si debba arrendere a un modo di studiare che si è dimostrato inadatto e che, per lo più, produce condizioni fisiche e emotive diametralmente opposte a quelle che servirebbero per dar vita a generazioni di studenti (e quindi di uomini): motivati, curiosi, preparati.
Ci sono, infatti, migliaia di modi per mettere a frutto i benefici suggerimenti del nostro Dale, trasformando il nostro apprendimento da passivo ad attivo. In questo blog cercheremo di condividerne alcuni e, se proprio ti trovi in difficoltà, puoi contattarmi per capire come posso aiutarti più specificatamente.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Fiabe e racconti della buonanotte

    Lo spunto per questo post me lo ha dato il simpatico concorso Huggies “Notti da favola”. Non sono solita segnalare a destra e a manca, se non iniziative che mi... Leggere il seguito

    Da  Mammeindifficoltà
    BAMBINI, FAMIGLIA, MATERNITÀ, SCUOLA
  • Nonne e… graffiti

    Nonne graffiti

    Carina questa befana volante che, munita di bomboletta, tratteggia una farfalla tra le nuvole! Non è opera di un/a  giovane graffittaro/a trasgressivo/a (sì,... Leggere il seguito

    Da  Virginia Less
    BAMBINI, COPPIA, FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Tre figli ravvicinati: pro e contro psicologici

    Torno sul tema dei tre figli vicini (se hai perso la prima parte clicca qui ---> Tre figli ravvicinati Pro e Contro ) :per ovvi motivi è uno dei miei fil... Leggere il seguito

    Da  Mammeindifficoltà
    BAMBINI, FAMIGLIA, MATERNITÀ, SCUOLA
  • Ficus carica e bruciori di stomaco come e perché funziona.

    Ficus carica bruciori stomaco come perché funziona.

    La pianta di cui parliamo oggi è il Ficus carica, il fico, fa parte della famiglia delle Moracee ed è molto diffuso dalle nostre parti.DrogaE' costituita dai... Leggere il seguito

    Da  Farmacia Serra Genova
    BAMBINI, FAMIGLIA, RIMEDI NATURALI, SALUTE E BENESSERE
  • Matrioska ovvero (non solo) madri e padri

    Matrioska ovvero (non solo) madri padri

    Prenderà il via venerdì 16 gennaio alle ore 18 presso il Centro Documentazione Donna di Modena il ciclo di incontri dal titolo “Matrioska, ovvero (non solo... Leggere il seguito

    Da  Modenabimbi
    BAMBINI, FAMIGLIA, INFORMAZIONE REGIONALE
  • E tu, che avresti fatto?

    avresti fatto?

    Tutti noi siamo “progettati” per vivere insieme. È nella vita con gli altri che impariamo a conoscere noi stessi e a crescere. Leggere il seguito

    Da  Profrel
    RELIGIONE, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Salute e bambini a tavola

    Salute bambini tavola

    Le sane abitudini alimentari iniziano da piccoli con una dieta varia ed equilbrata Se il buongiorno si vede dal mattino… le abitudini alimentari iniziano a... Leggere il seguito

    Da  Modenabimbi
    BAMBINI, CUCINA, FAMIGLIA, SALUTE E BENESSERE

Dossier Paperblog