Magazine Diario personale

E se l'ospedale fosse un luogo rilassante?

Da Lospecchioelafinestra
Lo scorso venerdì sono stata ricoverata per un piccolo intervento chirurgico.
E se l'ospedale fosse un luogo rilassante?La sera prima ho depositato i bambini al papà, ho fatto una cena leggera, preparato una piccola valigia al volo e sono andata a letto intorno alle 10. La mattina dopo, alle ore 7 in punto, come richiesto dal protocollo ospedaliero, ero già in reparto pronta per il ricovero.
L'operazione chirurgica era in "day hospital" e questo faceva presupporre un decorso veloce,  l'anestesia totale invece  e la necessita di un accompagnamento per il ritorno a casa non faceva presagire niente di  buono.
In ogni modo sono arrivata in ospedale con un po' di fifa e sono sprofondata subito in una immensa sensazione di tristezza e solitudine, tutte le pazienti erano accompagnate da un folto entourage di supporto ed io non avevo accanto nemmeno un cane a sostenermi.
Dopo i primi minuti di disagio (non sono mai stata ricoverata in ospedale a parte quando ho partorito) è successa una cosa strana.
Medici e infermieri si alternavano nella mia stanza, mi chiedevano a turno se stavo bene e ogniuno, per le proprie competenze,  mi dettagliava quello che avrebbero fatto, tutto sommato non mi sentivo poi tanto sola, mi sembrava che queste "persone" si interessassero davvero a me e così la paura piano piano si è affievolita lasciando spazio ad un piccolo e crescente senso di benessere!
Iniziavo a realizzare un po' alla volta che stavo attraversando uno di quei rari momenti della mia vita in cui IO NON DEVO PENSARE A NIENTE: altre persone infatti si sarebbero occupate di me!
  • Non dovevo fare niente, qualcun'altro avrebbe pensato a tutto!
  • Non dovevo organizzare niente, qualcun'altro avrebbe deciso il momento giusto e il metodo giusto.
  • Non dovevo predisporre niente, il mio corpo era tutto quello di cui c'era bisogno ed era già lì pronto per l'uso.
Non mi sono rassegnata facilmente a questa condizione di attesa passiva, mentalmente mi costruivo la mia check list di "cose da fare" e, cosciamente o incosciamente,  ero alla disperata ricerca di  quella attività, di quel dettaglio che toccava a me e a nessun altro prendere  in carico. Eppure non c'era nessuna attività che mi competeva!
Un po' alla volta iniziavo a godere dell'idea che potevo rilassarmi leggendo un buon libro e che, a questo giro, toccava a qualcun altro dirigere il traffico dei miei polipi endometriali!
Che figata!E quando mai mi ricapita!
E così mi sono goduta l'attesa, mi sono goduta il risveglio con l'infermiere gentile che sistemava la flebo, mi sono goduta la compagnia di Caterina che mi ha riaccompagnato a casa ed è stata con me tutto il weekend, mi sono goduta un po' meno il mal di testa dei giorni successivi, comunque poca cosa rispetto al resto.
Conclusione: tutto è andato bene, io mi sto concedendo un po' di sano e meritato riposo e ne approfitto per rinfrescare il mio blog.
Il mio corpo, nel frattempo, stanco e provato dagli ultimi mesi di pesante quotidianietà, si conquista il suo meritato ruolo da protagonista in questa vita frenetica che, troppo spesso, non ascolta la sua voce e le sue esigenze.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ringrazio e nomino

    Facebook ha compiuto 10 anni. Si può odiare o amare, ma resta il fatto che ha cambiato la vita di ognuno di noi. In meglio e in peggio. Leggere il seguito

    Da  Big
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Aroma e psiche

    Aroma psiche

    In generale gli aromi costituiscono un "piano olfattivo-odorato" che incontrando il nostro organismo, intervengono cambiando gli effetti psicologici in una... Leggere il seguito

    Da  Cristina Aloisi
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Esprimersi e comunicare.

    Esprimersi comunicare.

    Leggevo l’altro giorno un bel post di Manu e tra un commento e l’altro, a proposito di comunicazione, le dicevo che secondo me non si può comunicare senza... Leggere il seguito

    Da  Arthur
    DIARIO PERSONALE, FOTOGRAFIA, TALENTI
  • Jem e Le Holograms..

    Holograms..

    Sono stata una fan di Jem negli anni'80, anche se il cartone animato potevo vederlo solo a casa di qualcun'altra, perché da me Italia1 non si vedeva (e forse è... Leggere il seguito

    Da  Madhouse
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Russia e sanzioni

    Russia sanzioni

    Autunno caldoUe'!Allora?!Che caspita stiamo facendo?E' evidente che la produzione di 'maria' predisposta dal ministro Beatrice Lorenzin sia già in fase molto... Leggere il seguito

    Da  Stefano Borzumato
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ, TALENTI
  • Confusi e felici

    Martedì sera è capitato che al cinema ci fosse in promozione l'ultimo film di Claudio Bisio.Purtroppo non vado più al cinema quanto vorrei e già avevo... Leggere il seguito

    Da  Valentina Sandre
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Simulazione e Realtà Virtuale

    Simulazione Realtà Virtuale

    ”La fonte della perplessità sta nell’errore filosofico comune di supporre che il termine realtà debba riferirsi ad una singola super-cosa anziché considerare i... Leggere il seguito

    Da  Bloody Ivy
    DIARIO PERSONALE, TALENTI