Magazine Cultura

È un serpente che striscia

Creato il 02 febbraio 2011 da Lucas
«E tuttavia di lui siamo costretti a parlare, volendo o no, perfino se decisi ad evitarlo, perché consci che è del tutto inutile, forse perfino dannoso. Non è possibile parlare d’Italia senza parlare di Silvio Berlusconi, ma non parlare d’Italia è come lasciargliela, però a parlarne si finisce col dover concludere che per metà è sua, e che l’altra metà non riesce a levargliela, chissà perché.» Malvino, nota 3.
Vado di fretta, ma mi preme gettare un coriandolo di pensiero in questa candelora. Pensiero da riprendere, da sviluppare, da sostenere. Intanto lo faccio volare nell'aere. Apro a caso, di Vittorio Sermonti, Il vizio di leggere, Rizzoli, Milano 2009. Trovo Plutarco estratto da Sull'èpsilon della parola Dèlfi. Si parla dell'Essere. Ritaglio
«Se vuoi tentare di comprenderlo con il pensiero, è come l'acqua premuta con forza in una mano. Mentre si cerca di trattenerlo, sfugge via attraverso le dita che la serrano; e così la ragione, quando ricerca un'assoluta chiarezza in ciascuna delle cose soggette ad alterazioni e a mutamenti, s'inganna volgendosi ora verso la nascita ora verso la morte di esse, senza riuscire ad afferrare nulla di stabile né di realmente esistente. “Non è infatti possibile immergersi due volte nello stesso fiume”, sentenzia Eraclito, e nemmeno toccare due volte nel medesimo stato la condizione umana.»
Ecco perché ogni tentativo di comprensione del fenomeno Berlusconi è aleatorio: ti sembra di averlo colto in fallo (!) ma esso sfugge subito, tra le mani, come una biscia (il biscione, già). Berlusconi potrà essere passato alla storia solo quando sarà finito. Berlusconi potrà essere catturato solo diacronicamente, post-mortem. Sono vent'anni, quasi (e forse più) ch'egli è una lancetta impazzita della storia italiana. Nessun orologiaio è stato in grado di regolarlo. Nemmeno quello cieco. Ci vorrebbe una clessidra egizia, forse, da rompere, per riversarne la sabbia per le strade di Roma, sì che milioni di persone poi possano calpestarla. E che il vento poi la disperda.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L'antiberlusconismo è una necessità

    Sabato scorso, sul Foglio, Alfonso Berardinelli ci ha spiegato che «l'antiberlusconismo fa impazzire, ma è qualcosa da cui si può guarire». Certo, anch'io che... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Non è successo nulla

    "Non è successo nulla" è il titolo di un documentario che verrà proiettato il 28 maggio prossimo per ricordare la strage del 28 maggio 1974 in Piazza Loggia a... Leggere il seguito

    Da  Marcotoresini
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Breivik è tra noi

    Breivik

    C’è un silenzio che urla più dell’orrore di Oslo. E’ quel cupo silenzio della Chiesa che non sa esprimere la normale, solerte, a volte rituale pietas per le... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Il mondo è bello?

    mondo bello?

    Una scatola di minerva.Come sarebbe bello se, almeno un libro, fosse L'Origine della Specie.Fotoreportages di Big Pictures. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Mario Adinolfi è tornato?

    Mario Adinolfi tornato?

    E' tornato a scrivere sul Cannocchiale Mario Adinolfi. Tra lacrime sopra i baffi e risatine sotto, ci comunica che tra le tante attività svolte, tra cui il... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • L'orco è tra noi

    L'orco

    *clicca per avere la caramellaDon Ruggero Conti è stato condannato a 15 anni per violenza sessuale su minori. Per dieci anni il Don abusa di sette bambini. Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Questa volta è diverso

    Eccoci qui. Scorro l'elenco degli annunci. I communication skills, la policy knowledge, le fluent languages, la work experience, eccetera. Celo, celo, celo,... Leggere il seguito

    Da  Fra
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ

Magazines