Magazine Informazione regionale

Ecosteel trasporta rifiuti non pericolosi derivanti dalla produzione di acciaio

Creato il 24 maggio 2014 da Cremonademocratica @paolozignani

Chiunque può criticare quel che viene pubblicato su questo blog e dissentire. Nulla di cui dolersi.

Non ho però sostenuto che Arvedi commette reati: non spetta a me, ovviamente, emettere sentenze.

L’attività di Ecosteel, che fra l’altro comprende anche il trasporto di rifiuti dalla montagnola di via Bastida a Cavatigozzi, frazione di Cremona, al cantiere dei lavori della Paullese, è descritta sul sito della stessa Ecosteel.

Di cosa ci occupiamo?

ECOSTEEL srl,  con la sua sede operativa collocata nel polo industriale di Cremona, svolge attività di raccolta e smaltimento rifiuti civili o industriali, demolizioni, scavi, sbancamenti, realizzazione di piazzali industriali in conglomerato bituminoso, pulizia delle aree cittadine e bonifica delle discariche abusive sul suolo pubblico.

Ecosteel effettua il trasporto di rifiuti non pericolosi con i propri mezzi come autocarri e autoarticolati autorizzati secondo normative di legge.

Così è scritto anche sulla home page del sito  http://www.ecosteelsrl.it/

E inoltre

L’acciaio SCORIA

In primis ci occupiamo dello smaltimento dei rifiuti derivanti dalla produzione di acciaio, appartenenti a una classe definita non pericolosa che è destinata alla raccolta, al successivo trasporto e al trattamento adeguato per suddividere ciò che può essere recuperato da ciò che, invece, deve essere correttamente smaltito.

Prima di procedere con le operazioni, i  nostri tecnici vengono incaricati di seguire un procedimento di analisi complessiva e di consulenza, finalizzata alla corretta individuazione del processo più opportuno.

Nel link seguente si può leggere un decreto del settore Ambiente dell’amministrazione provinciale, anno 2012, che in alcuni passaggi conferma l’attività di Ecosteel, parlando di rifiuti.

http://cremonademocratica.files.wordpress.com/2012/04/37_2012_543.pdf


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :