Magazine Cinema

En la Ciudad de Sylvia (Dans la Ville de Sylvia)

Creato il 02 maggio 2014 da Frankviso
En la Ciudad de Sylvia (Dans la Ville de Sylvia)Josè Luis Guerin
Spagna, Francia, 2007
82 minuti
Più ci si avvicina all'etereo epilogo di En la Ciudad de Sylvia, più quanto mai emergono chiare reminiscenze bressoniane. Oltre alla scelta di operare in sottrazione riducendo al minimo qualsiasi accento dialogico (e mai come in questo caso, inessenziale), per erigere un film astratto che vive di pura espressione di volti e movimento di corpi, enfatizzando lo spazio e colui che vi circola, il quinto lungometraggio del catalano Josè Luis Guerin sembra presentarsi strutturalmente come una sorta di riformulazione delle Quattro Notti di un Sognatore (1971).
Anch'esso attraverso una costruzione in atti e un'evidente analogia tra il protagonista che persegue il suo ideale d'amore, e il personaggio di Jacques nel film di Robert Bresson: entrambi sono degli artisti ed entrambi, non possono che riversare nell'arte i loro sogni, i loro pensieri, le loro memorie. E In the City of Sylvia è, un film sulla memoria; un poema originalissimo che procede dilatato, attraverso la minuziosa ricerca di un ricordo sentimentale, di un volto scolpito in un tempo che lo stesso regista ha vissuto, proprio nella città di Sylvia*.
Prima notte: pensieri.
Le luci dell'alba rischiarano la stanza di un hotel di Strasburgo. Il giovane pittore è seduto sul letto, immerso nei meandri della propria memoria. Il suo è un ricordo che si chiama Sylvia ma probabilmente rimarrà solo un nome, perchè il volto si è perduto per le vie di quella stessa città, sei anni prima.

En la Ciudad de Sylvia (Dans la Ville de Sylvia)Seconda notte: osservazioni.
Solo ritornando nel luogo d'origine, Les Aviateurs, quel bar dietro la cattedrale, il ricordo può riacquistare forma. Occorre stabilire un contatto visivo; scrutare ogni volto possibile tra quelli delle donne sedute ai tavolini, focalizzarlo per poi sfocalizzarlo (impeccabile l'uso della profondità di campo) all'istante se non dovesse corrispondere ai requisiti richiesti dalla memoria. Un mosaico femmineo inizia a (de)comporsi al suono di malinconici violini e nel frattempo, la matita disegna, tratteggia, scalfisce quei volti sulla carta come le grafie rupestri (Laure jet'aime) che decorano i muri della città.
 
Dispersione/circolazione.
E' la città di Sylvia: il luogo dove ora, il pittore, insegue quel sogno materializzatosi per le strade, i viottoli, le finestre degli appartamenti, le vetrine dei negozi. Attraverso le sue vedute, Strasburgo si trasforma in uno spazio orbicolare che tutto avvolge, assorbe e destruttura. Inizia l'incanalamento verso una dimensione rarefatta; venti minuti di pedinamento che conducono ad uno stato d'estasi dispersiva. La conglobazione tra traffico urbano e movimento umano si intensifica, ma non siamo ancora penetrati nel fitto labirinto di riflessi, immagini e suoni che si affastelleranno di fronte al protagonista (frammentando l'immagine di Sylvia) in quell'epilogo destinato a stemperarsi nell'astrazione. Il suo, per ora è un ricordo ancora integro, perchè quella che lui crede essere elle (lei) ora è lì, che le parla, almeno finchè il tram su cui viaggiano non deciderà di dividere nuovamente le loro strade.

En la Ciudad de Sylvia (Dans la Ville de Sylvia)Terza notte: elles.
Non era Sylvia; la memoria, a volte, falsifica le immagini. Al pittore non resta quindi che rifugiarsi nuovamente nel suo mondo chimerico dove ora più che mai, si riforma quel movimento sospensorio di volti, tratti, capigliature scomposte dal vento, figure che s'intersecano, si riflettono, affollano l'ambiente e la vista, assumendo i toni metaforici di una mirabile dichiarazione d'amore nei confronti dell'intero universo femminile. Nel mentre, la città di Sylvia si abbandona al crepuscolo che precede la notte: la quarta notte?
*Si tratta in qualche modo un film autobiografico in quanto in gioventù, il regista conobbe veramente una ragazza di nome Sylvia durante un soggiorno a Strasburgo. A tale testimonianza infatti, esiste un interessante documentario fotografico (Unas Fotos en la Ciudad de Sylvia): una sorta di memoriale in bianco e nero che Guerin ha realizzato durante le riprese del film vero e proprio.

En la Ciudad de Sylvia (Dans la Ville de Sylvia)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • PICCOLE CREPE, GROSSI GUAI (Dans la cour)

    PICCOLE CREPE, GROSSI GUAI (Dans cour)

    Un gioiellino antidepressivoSorprendente opera terza del tunisino Pierre Salvadori, Piccole crepe, grossi guai (titolo italiano superficiale e meno criptico... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • En solitaire

    solitaire

    Titolo: En solitaire Data Uscita: 21 Novembre 2013 Genere: Commedia Distribuzione: Lucky Red Regia: Christophe Offenstein Cast: Arly Jover, Emmanuelle Bercot,... Leggere il seguito

    Da  Oggialcinemanet
    CINEMA
  • La vie en rose

    rose

    Ma che vita travagliata ha avuto Édith Piaf!Figlia di artisti di strada, una cantante e un contorsionista, passa la sua infanzia sballottata tra i genitori e i... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA
  • Gatsby voyage en Afrique

    Gatsby voyage Afrique

    La prima collezione di turbanti Donia Allegue si ispira al Grande Gatsby;capolavoro della letteratura americana, per il quale la designer nutre passione fin da... Leggere il seguito

    Da  Carla Fiorini
    ARCHITETTURA E DESIGN, CULTURA, LIFESTYLE, MODA E TREND, PER LEI
  • Christmas (Librocommento) #1: LA LISTA DEI DESIDERI di Sylvia Day

    Christmas (Librocommento) LISTA DESIDERI Sylvia

    "Quando Stephanie suonò il campanello e Nick andò ad aprire indossando solo un cappello da Babbo Natale e un grembiule con la scritta "Bacia il cuoco", lei non... Leggere il seguito

    Da  Tricheco
    CULTURA, LIBRI
  • En canot

    canot

    Sur l'eau (1876)(Sull'acqua) (tratto da La mano scorticata e altre novelle)Guy de MaupassantMondadori EditoreUn fiume non è da meno di un mare in quanto a poter... Leggere il seguito

    Da  Occhio Sulle Espressioni
    CINEMA
  • Giardini e ville aperte a Firenze

    Giardini ville aperte Firenze

    Se, pur di non vedere Max Pezzali, siete andati a letto a mezzanotte e un minuto il 1 gennaio vi sveglierete presto. Per chi volesse iniziare bene l’anno,... Leggere il seguito

    Da  Wfirenze
    CULTURA, EVENTI, VIAGGI