Magazine Attualità

Erika De Nardo: mi manca mia madre

Creato il 29 settembre 2011 da Yellowflate @yellowflate

Erika De Nardo: mi manca mia madreLa madre Erika De Nardo, oggi 27 anni, l’ha uccisa a coltellate in un giorno di follia che non risparmiò neppure il fratellino, ucciso anch’esso allo stesso modo. Tutti ricorderanno del caso di Novi Ligure, di Erika e Omar,. Era il 21 febbraio del 2001 quando Erika e il suo allora fidanzatino Omar Favaro massacrarono con 97 coltellate la madre e il fratello dodicenne della ragazza. Omar venne condannato a scontare una pena di 14 anni, ma è stato scarcerato a marzo 2010. Per Erika, invece, considerata la mente dell’assassinio, la condanna inflitta era di 16 anni, ma grazie alla buona condotta, che prevede uno sconto di 90 giorni ogni anno, la giovane potrebbe tornare libera già entro la fine di quest’anno. Ricordiamo che la giovane ha già ogni giorno, da 10 mesi a questa parte, un momento di libertà, dato che esce per essere accolta in una comunità alloggio, al fine di essere messa al riparo da flash e attenzioni mediatiche di vario tipo. Fece molta notizia, cinque anni fa, la sua uscita per una partita di volley e d’allora si teme ancora la possibilità di un nuovo circo mediatico. Chi la conosce dice che Erika è molto cambiata, grazie anche al percorso fatto all’interno del carcere e al supporto psicologico che le è stato dato. Parlano di una ragazza matura che scrive favole per la figlia di un’amica, cosa che aveva fatto anche Omar. Suor Mirella Roda, che le è stata molto vicina in questi anni, ha detto che secondo lei Erika ha rimosso quello che è accaduto, sebbene indiscrezioni vogliono che la ragazza abbia detto «Mia mamma mi manca da morire. Vorrei tanto che fosse qui con me. Io sono spaventata. Ho perso mia mamma e mio fratello, ancora non riesco ad accettare che non ci siano più».

Serena Marigliano

Related content:

  1. Un necrologio: da fatto personale a fatto di cronaca. Cristina Berardi ed il cordoglio alle sorelle di Gianfranco Ara
  2. Melis (Pd): a Sassari nel carcere di San Sebastiano a ferragosto. “Mi auguro che il prossimo anni il carcere-vergogna non esisterà più”
Better Related Posts Plugin

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :