Magazine Arte

ERMENEUTICA SIMBOLICA DELL’OPERA D’ARTE – 1a parte

Creato il 02 febbraio 2012 da Yargo77

ERMENEUTICA SIMBOLICA DELL’OPERA D’ARTE:
LA PUBBLICITÀ
L’arte sin dalla sua nascita, che si perde negli albori della storia, o ancor prima, ha da sempre fatto uso di simboli, dalla pittura alla scultura, dall’architettura ai manoscritti, ovunque l’arte è imbevuta di icone e simboli che servono a rendere comprensibile al maggior numero di persone cio’ che esse rappresentano; questo aspetto didattico dell’opera d’arte divenne un’aspetto fondamentale per le religioni, in particolare il cristianesimo ed il potere in generale(sia quindi spirituale che temporale). I simboli attinti dai pittori servono a comprendere a pieno un’opera(spesso, per quanto riguarda le opere più antiche, la chiave di lettura è andata persa) e il messaggio che essa racconta; senza l’interpretazione di questi codici, lo spettatore non è in grado di riconoscere quello che esse vogliono comunicare.
Le opere d’arte, molto spesso sono state usate non solo per insegnare(valore didattico), come nel caso del cristianesimo, ma anche per influenzare o imporre(valore politico), come nel caso della potere, sia esso spirituale che temporale; la politica infatti ha da sempre “piegato” l’arte per il suo scopo con un’insieme di simbologie che ne rappresentavano la forza, le virtù del casato, i valori civili ma anche il possibile futuro prospettato ai sudditi. Questo tipo di arte puo’ essere chiamata, a ragione, di propaganda; arte che ancora oggi è di grande importanza e largamente presente nel nostro panorama artistico anche se sono cambiate le tecniche ed i materiali: dalla tela alla pellicola, dall’affresco al manifesto.
Attualmente l’arte che, più di tutte, fa largamente uso di icone e simboli è la pubblicità nelle sue numerose forme: stampata, fotografica, televisiva e virtuale in una parola “verbo-visiva”.
Che la pubblicità sia una forma d’arte è cosa ormai accettata da quando una bellissima serie di cartelloni che pubblicizzavano il famoso locale parigino: Moulin Rouge contribuirono a rendere Touluse Lautrec uno dei maggiori pittori francesi dell’ottocento.
Come arte, quindi, la pubblicità è comunicazione e come tale fa largo uso di simboli che con la pubblicità si trasformano nella “merce” stessa: la pubblicità trasforma il prodotto in un simbolo “il marchio”, ed esso in un simbolo di “qualcosa” spesso legata al sociale, alla vita di tutti giorni e in particolare, dal periodo post industriale, legato all’idea di benessere e felicità e che spesso si identifica in uno stile di vita e nel “simbolo” di un estrazione sociale evidenziato dal termine stesso usato dagli americani: “Status Symbol”.
Come nell’arte antica, in particolare quella sacra, i somboli usati dai pubblicitari sono svariati a seconda delle epoche, del pubblico a cui il messaggio è rivolto, del periodo economico, del tipo di potere, delle religioni, del livello di tolleranza verso le varie forme di “diversità” con la caduta dei vari tabù etc. in una parola: attualità.
Proprio per la vastità del repertorio simbolico preferisco prendere in esame solo uno di questi simboli e indicando una delle chiavi per una lettura ermeneutica-simbolica dell’arte pubblicità: la famiglia.
Al giorno d’oggi siamo tempestati da messaggi pubblicitari in tutte le sue forme e non facciamo attenzione di come essa, la pubblicità, non faccia altro che imitarci e cambiarci; parte da quello che siamo (la società/la persona) per indicarci quello che dobbiamo essere e di cui abbiamo bisogno e che diventeremo(la società/persona di domani). La pubblicità è uno specchio della nostra società che più o forse meglio della storia puo’ servire a capire una generazione, un popolo, una nazione etc. la famiglia, a mio avviso, è uno dei simboli più importanti in quanto alla famiglia, sin dall’antichità, si è dato un certo peso ed è, o meglio era, la famiglia a rappresentare la base della società, di un popolo, di una nazione.
La famiglia presa in esame è, la famiglia dell’epoca moderna, dal dopoguerra ad oggi attraverso appunto lo studio della pubblicità ed in particolare della campagna della Barilla per i prodotti Mulino Bianco.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Arte Islamica al Louvre

    Arte Islamica Louvre

    Come spinta dal vento, la strana vela in vetro e metallo fluttua nell’aria della corte Visconti, al Museo del Louvre di Parigi, che ha chiuso il 2011 con oltre... Leggere il seguito

    Da  Paolo
    ARTE, CULTURA, MUSEI ED ESPOSIZIONI, SCULTURA
  • Arte e "follia"

    Arte "follia"

    L'arte è invenzione, creatività, rottura degli schemi. La follia è ripetizione, fissazione, terrore di vivere, a volte violenza. Leggere il seguito

    Da  Gabrella
    ARTE, CULTURA
  • Arte urbana

    Arte urbana

    La scorsa settimana, passeggiando per una stradina secondaria, nelle vicinanze del nuovo percorso di "Madrid Río" mi sono imbattuta in una panchina decorata da... Leggere il seguito

    Da  Molly
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Arte Accessibile 2012

    Arte Accessibile 2012

    Mentre oggi prende il via l'edizione milanese di AAF, dove tutti sperano nella conferma di quella leggera euforia che ha contaminato la Bologna appena... Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA
  • Arte metropolitana

    Arte metropolitana

    A Londra può capitare di andare a sbattere in un Banksy autentico (ma attenti, che imitatori, emuli e copioni sono ormai centinaia) A Firenze sta... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • Premio Arte Laguna

    Premio Arte Laguna

    Venezia – Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento a Venezia con il Premio Arte Laguna. Apre il 17 Marzo presso le Nappe dell’Arsenale di Venezia la mostr... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • Salva italia-Salva arte

    Salva italia-Salva arte

    Pubblico di seguito il testo di un documento pervenutomi, attraverso posta elettronica, dove vengo invitato a sottoscrivere lo stesso. Io l'ho fatto e tu? Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA