Magazine Scienze

Evoluzione "istantanea" nelle mosche bianche, grazie a un batterio

Creato il 09 aprile 2011 da Zonwu

La mosca bianca della patata dolce (Bemisia tabaci) era già considerata una specie infestante e dannosa almeno una decina d'anni prima che un batterio del genere Rickettsia, che comprende microrganismi a metà tra virus e batteri, infettasse la popolazione di questi insetti, fornendo loro vantaggi evolutivi incredibili.
"E' evoluzione istantanea" dice Molly Hunter, professoressa di entomologia alla University of Arizona. "I nostri studi di laboratorio suggeriscono che questi batteri possano trasformare una popolazione di insetti in un periodo di tempo molto breve. Non è raro trovare un microbo che fornisce alcuni benefici al suo ospite, ma la portata di questi benefici è, in questo caso, insolita".
La popolazione di mosche bianche dell'Arizona ha infatti registrato un aumento delle uova deposte, una speranza di sopravvivenza più elevata, uno sviluppo verso l'età adulta più veloce, e l'aumento degli individui femminili, gli unici in grado di trasferire il batterio alla prole.
Tutto questo si è verificato in un periodo estremamente breve dal punto di vista evolutivo. Nel 2000 il batterio Rickettsia era diffuso solo nell' 1% della popolazione di mosche bianche in Arizona; nel 2003, circa la metà degli esemplari ospitava il batterio, e oggi quasi tutte le mosche bianche dell'Arizona sono infette.
Il batterio è in grado di manipolare la distribuzione dei sessi nella popolazione di mosche bianche, facendo in modo che nascano più femmine che maschi. I batteri sono infatti trasmessi per linea materna, ed è quindi più conveniente per loro che la popolazione sia composta prevalentemente da esemplari femminili. "In ogni caso, non sappiamo come riescano a fare questo" dice Hunter.
I vantaggi evolutivi ottenuti grazie al batterio Rickettsia sono di certo affascinanti, ma anche parecchio preoccupanti. Le mosche bianche delle patate dolci, probabilmente originarie dell'India ma ormai diffuse in tutto il mondo, sono insetti che si nutrono delle resine zuccherine di oltre 600 diverse specie di piante.
Quando si nutrono, le mosche bianche possono trasmettere oltre un centinaio di differenti virus in grado di uccidere molte delle specie vegetali sfruttate dall'insetto per ottenere cibo. Grazie alla trasmissione di agenti virali, i raccolti possono ridursi dal 20 al 100%
"Qui in Arizona, la mosca bianca probabilmente inizia in primavera con le erbacce, e poi si sposta ai meloni, e quando i meloni sono finiti, si muove in massa sul cotone e si nutre per tutta l'estate. In autunno, si sposta sulle verdure, e continua a nutrirsi" spiega Hunter. Si tratta quindi di un insetto estremamente vorace, soprattutto considerando il fatto che è lungo solo pochi millimetri.
"Nei tardi anni '80 e nei primi anni '90, quando questo nuovo biotipo è arrivato nel Southwest, la popolazione è esplosa" continua Hunter. "Qualche volta si possono vedere nubi di mosche bianche in aria finire sul parabrezza. Con le pratiche integrate di gestione degli insetti infestanti, molte delle quali sviluppate dai colleghi qui alla University of Arizona, il loro impatto è diminuito drasticamente, ma continuano a rimanere la peggior infestazione nell'industria del cotone dell'Arizona. Se non fosse per le mosche bianche, gli agricoltori irrorerebbero il cotone molto meno".
Siamo quindi di fronte ad un insetto estremamente dannoso per molti tipi di colture e di difficile gestione, che in soli 11 anni ha acquisito vantaggi evolutivi notevoli grazie alla convivenza con un batterio i cui effetti sulle mosche bianche sono ancora poco noti.
"Le mosche bianche infettate con i Rickettsia depongono più uova, che sopravvivono in numeri più vasti rispetto al normale, e sono manipolate a livello riproduttivo per produrre più femmine che maschi. Questi effetti non sono nuovi, ma la portata di questi effetti è insolita".
Instant evolution in whiteflies: Just add bacteria

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine