Magazine Cultura

EXTRA|Musica a scuola, la proposta De André

Creato il 10 marzo 2011 da The Book Of Saturday

EXTRA|Musica a scuola, la proposta De AndréLo scorso 7 marzo, il quotidiano “L’unione Sarda” pubblicava un articolo di Daniele Barbieri su «De André a scuola», che «parola più, parola meno», è stato poi ripubblicato oggi sul blog dell’autore.

Di cosa si tratta? Una recensione del libro De André a scuola, di Massimiliano Lepratti, dove l’autore scruta gli aspetti molteplici del cantautore genovese, immaginando la sua opera (musica, testi, citazioni) come un interessante compendio per studenti e insegnanti.

L’utilizzo didattico di un musicista popolare, che con le sue canzoni impegnate ha aperto tutto un filone di artisti rinnegati, o per meglio dire, profani. Ma il buon De André potrebbe essere utile a scuola anche per le sue tante lezioni di storia che nei suoi testi vi si possono evincere con limpida chiarezza. Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers, per esempio, che venne scritta a quattro mani con Paolo Villaggio. De André non è l’unico, anzi, si potrebbero citare anche Guccini, De Gregori, Dalla, tutti avvezzi a raccontare date ed eventi. De André, dal carattere più eziologico, sarebbe allora l’ideale per gli studenti di primo e secondo, mentre un Guccini d’annata, già il primo, è un ottimo materiale su cui preparare Dopoguerra e ’68.

Quanto a De André tra i banchi di scuola, Barbieri spiega, con sottile ironia, che il libro di Lepratti potrebbe essere anche impiegato nell’ora di religione, perché la prefazione è stata eseguita da un prete. Il che dimostra da un lato che la figura del buon Faber è ancora saldamente in voga, e che, sebbene fosse un anticlericale per eccellenza, oggi è amato e riconosciuto anche dagli uomini di chiesa. Ma citando l’ora di religione, credo si riferisse a scuole superiori. Dunque, dando per scontato questo punto, mi domando se una cosa del genere sia fattibile, nel senso, quanto gli studenti di oggi se ne infischino della lezione di De André.

E ancora, una domanda che non posso tenermi dentro: siamo messi così male – chiedo sia a Lepratti che a Barbieri – che i nostri giovani a scuola per digerire due, tre paginette sulla cacciata dei Mori dalla Spagna debbono far ricorso a una canzone perché altrimenti si addormentano sui banchi?

Insomma, la polemica è antica e qui anziché andare avanti andiamo sempre peggio. Ovviamente mi riferisco soprattutto agli studenti meno attenti, cioè quasi tutti, che tra De André e la Turandot, finiscono per passare le loro sei ore sul Corriere dello Sport, e a fine lezione accendono il loro I-pod e ascoltano solo musicaccia da Sanremo e dintorni. Oh, preciso: non che non sia un bene per la musica, anzi. Approcci del genere (almeno fin quando andavo a scuola anch’io) erano già appannaggio delle maestre di lingua, che magari ti davano una traduzione di un testo dei Beatles e tu, che conoscevi solo la sigla, te lo ascoltavi e ti innamoravi dei Fab Four. Quindi, da questo punto di vista, bene venga la commistione…

Poi, in una scuola in cui (tagli a parte), la musica è relegata parimenti all’educazione fisica, non sarebbe più giusto lasciare che i ragazzi apprendano la storia dai libri di storia, e allo stesso modo si dedichi alla musica maggiore attenzione (e ore di lezione), partendo dalla classica ma affrontando anche tutto quel che di meraviglioso viene dopo? Perché non insegnare la storia del blues, del jazz, del rock? Ecco, va bene il libro compendio allora, ma ciò dovrebbe essere una conseguenza, non un punto di partenza. E’ ora che la musica si svincoli da quell’aura di prodotto di nicchia, parlo della vera musica, che non può ancora stare nel novero delle ore di corredo, o a scelta nei pomeriggi.

Trovo invece intrigante l’approccio sincretico allo studio dell’una e dell’altra materia, se si applicasse ai bambini, e non credo – e con questo rispondo in anticipo a plausibili obiezioni – che De André sia un genere indigesto per i più piccoli. Siamo cresciuti tutti a pane e De André, Venditti, De Gregori, eppure non ci siamo né scandalizzati, né quantomeno li abbiamo odiati.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Musica fresca

    Musica fresca

    In una pausa fra i delirii febbricitanti metto 5 pezzi nuovi, frutto di lunghe ricerche. Debutto per Jeremy Malvin, ragazzotto americano che si fa chiamare... Leggere il seguito

    Da  Figurehead
    CULTURA, MUSICA
  • EXTRA|Un cavallo triste

    EXTRA|Un cavallo triste

    Sparklehorse era Mark Linkous, come, qualcuno ha notato, i Nin possono essere considerati Trent Reznor e, aggiungo io, i Porcupine Tree sono stati, per lungo... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • EXTRA|Perché tanta attenzione per gli Abba?

    EXTRA|Perché tanta attenzione Abba?

    E’ vero. Ogni volta che ci troviamo in un negozio di dischi, o a un mercatino dell’usato, possono scarseggiare i Beatles, puoi faticare a trovare i Rolling... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, DANCE, MUSICA
  • EXTRA|Le verità di Townshend

    EXTRA|Le verità Townshend

    Da una recente lettura di un articolo apparso diversi anni fa sulla rivista Uncut (aprile 2004), mi sono avventurato in una lunga intervista al chitarrista degl... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • EXTRA|C’eravamo tanto amati

    EXTRA|C’eravamo tanto amati

    Cosa accade quando aspettiamo l’arrivo nella nostra città della band che abbiamo sempre desiderato vedere dal vivo? Cosa accade quando quel concerto che... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • EXTRA|L’Industrial del nuovo millennio

    EXTRA|L’Industrial nuovo millennio

    A distanza di quasi un anno torno sulla questione dei generi, allora avevo provato, con risultati interessanti, a fare chiarezza sul significato del termine... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA
  • EXTRA|Charles Brown

    EXTRA|Charles Brown

    Conoscere la storia, anche uno spaccato di vita, di un musicista senza ricorrere alle fonti principali come le biografie è impresa ardua ma allo stesso tempo... Leggere il seguito

    Da  The Book Of Saturday
    CULTURA, MUSICA