Magazine Cucina

Facciamo la pasta!

Da Natureboy2000
Eccola qua, la regina delle cucine italiane (e non solo), la pasta! I bambini la adorano e i grandi non possono vivere senza, in ogni caso la pasta, con i suoi carboidrati è un elemento essenziale per ogni dieta bilanciata.
Conosciuta fin dal tempo dei greci, è oggi disponibile in molte varianti di forma, colore e sapore... ma come se ne prepara un buon piatto?

Proviamoci! Per 2 adulti e 1 bambino abbiamo bisogno di:

Una pentola di medie dimensioni;

1,5 L di acqua;

6 gr. di sale grosso;

e ovviamente 230 gr. ( porzioni medio - abbondanti ) di...  beh il tipo sceglietelo voi, qui abbiamo usato i tortiglioni. Abbiate solo un'accortezza particolare se scegliete gli spaghetti, dato che necessiterete di una pentola più alta, per evitare che piegandosi, si brucino con il calore della fiamma.

Dopo aver versato il sale nell'acqua, occorre portare la stessa a bollore. Attenzione però, deve bollire in maniera decisa, le bolle devono essere grandi e piuttosto "violente", se versate la pasta prima rischiate di ottenere una cottura non ottimale.


Facciamo la pasta!

A questo punto siete pronti per versare i tortiglioni ( o ciò che avete scelto) nella pentola. Ogni tipo di pasta cuoce in maniera diversa, le indicazioni le trovate sulla confezione.

A me piace scolare il tutto un paio di minuti prima di quanto indicato, per farla rimanere un po' più al dente e di conseguenza più digeribile; in ogni caso è buona norma assaggiare prima di scolare, per verificare il grado di cottura.

Tenete sempre presente che dal momento in cui spegnete il fuoco al momento in cui iniziate a mangiare, la vostra pastasciutta continua, (anche se più lentamente) la cottura, attraverso il calore e il vapore da essa stessa generata, quindi non è mai una buona idea toglierla dal fuoco troppo tardi.


Facciamo la pasta!
In questa ricetta abbiamo scelto un condimento semplice,  come un sugo di pomodoro giá pronto (3 cucchiai a porzione),  da versare in un pentolino piccolo e da far riscaldare lentamente e a fuoco basso, per evitare che si asciughi. Il condimento sará pronto per essere unito al piatto non appena vedrete formarsi le prime piccole bollicine; in linea di massima occorre iniziare a scaldare quando si versa la pasta nella pentola.

Ecco, la base è questa, una volta imparata bene potremo dedicarci a dei condimenti più elaborati.

Alla prossima, e non dimenticate di lasciare il vostro +1 :-) 

 
Facciamo la pasta!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines