Magazine Società

Fate i nomi. Ogni ora.

Creato il 02 dicembre 2013 da Gianlucaweast @gianlucaweast

Fate i nomi. Ogni ora.

© 2013 weast productions


Sulla pagina FB di SpazioReale stiamo pubblicando le foto del 2013 proposte dalle diverse testate internazionali. Scatti di grandi fotografi. Del 2013 mi resta questa istantanea, per quanto mi sforzi di trovarne un'altra. Per quanto mi sforzi di mostrare una realtà divertente. Non voglio però dimenticarla, questa immagine. E non desidero suscitare sensi di colpa: sia chiaro questo. Mostro soltanto quello che è rimasto dentro. Di me. E forse di voi. Un cimitero improvvisato di bambini. Località: Siria. Saranno presto ossa questi corpi minuscoli, posti sopra altre ossa che sono entrate nella storia perché i libri ne parlano, chiamandoli, come è giusto, massacri (quanti…). La Siria è, oggi, un parcheggio sotterraneo con più piani. Piano primo, piano secondo, piano terzo. Soltanto che è un cimitero: a più livelli. Dove la storia classifica le ossa come sa fare lei: con metodo e con tanto di data. Queste percepibili ossa, di questa immagine, sono le più recenti. Rifiuto la categorizzazione religiosa delle vittime in Siria: forse soltanto così riusciremo a sentire quelle vittime uguali a noi. Quando lo sono per religione. E quando non lo sono. Mi piacerebbe - vi invito a cogliere questo desiderio nel senso più umano possibile, senza retorica, soprattutto senza retorica - che si interrompessero le trasmissioni radio e che si desse spazio (anche nelle brevi, sui giornali) o che si aprisse o terminasse ogni telegiornale del mondo per dire quanti esseri umani della dimensione delle tombe mostrate da questa immagine sono morti oggi e ogni giorno. In Siria. Dove affondano le nostre radici orientali occidentali cristiane. O, per farla semplice e volendo, umane. Radici umane. E invece - invece - ci danno le notizie sul traffico ogni dieci minuti, mentre quelle sul meteo, se non conto male, si mangiano le notizie dal mondo. E se uno (o una) scende con gli sci e ce la fa, lascia stare, è festa grande, festa in piazza e da prima pagina. Perché se uno dice quello che ho appena detto fa la figura del fesso illuso? O peggio? Perché? Che cosa ci hanno fatto? Che cosa ci hanno iniettato? Che lo facciano apposta? Voglio dire: per distrarci? Non chiedo chissà che cosa. Il nome di un bambino morto in Siria, ciascun giorno. Un nome soltanto. E il nome vero. Pronunciato ogni ora, e poi alle otto di sera, prima di ogni informazione sul traffico o sul meteo oppure scritto sulla prima pagina (in piccolo, non chiedo altro, accetterei il carattere minuscolo) di ogni quotidiano. Ali, Youssef, Marc, George… Musulmani, cristiani. A centinaia. Lo scrivo e lo chiedo perché li ho dentro. Ma è un'altra storia. E non conta. Sono sicuro che li avete dentro anche voi. Ma non vi ascoltano: quelli che i nomi potrebbero e dovrebbero farli.  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Fate l’amore, non la guerra!

    Fate l’amore, guerra!

    Questo era uno dei motti che più si urlava nel Sessantotto, quando gli hippie gridavano di interrompere la guerra in Vietnam, invitando invece a copulare... Leggere il seguito

    Da  Ilbocconianoliberale
    ECONOMIA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Hassan Nasrallah: Non fate esplodere il Libano

    Hassan Nasrallah: fate esplodere Libano

    mcc43 …… Google+ E’ un discorso sagace che unisce alle tematiche islamiche l’ironia. Soprattutto è un discorso di ammonimento e di richiamo al dialogo interno,... Leggere il seguito

    Da  Mcc43
    MEDIA E COMUNICAZIONE, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Quindi fate uno sciopero fiscale, no?

    Quindi fate sciopero fiscale,

    Ritorna il tema delle unioni civili, sempre ai posti di partenza nella rosa di diritti da rivendicare. E noi andiamo al succo delle due tesi, astraendo dalla... Leggere il seguito

    Da  Ilbocconianoliberale
    ECONOMIA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • fate la pace, fate i bambini

    Ci sono bambini che hanno visioni talmente surreali che poi ci pensi e tutto sommato sono solo loro che, anziché portare problemi, propongono soluzioni. Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Auguri ad ogni donna

    Auguri ogni donna

    «Le donne – diceva Oscar Wilde – sono fatte per essere amate, non per essere capite». Massima stima per Wilde, ma questa volta ha preso un granchio grande come... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • fate ciao alla mia amica Neneh Cherry

    Se giochiamo a persone famose con cui abbiamo raggiunto il minore grado di separazione, il che significa la conoscenza più o meno dal vivo, una delle mie carte... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • Per favore fate pasqua senza di me

    favore fate pasqua senza

    Si resta incantati davanti alla sua innocenza, alla sua serenità, a questo accenno di sorriso, non diverso da quello di un bambino, forse anche più speciale... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine