Magazine Cucina

Filetto di cinta rosato e fichi glassati

Da Marella
Nel fine settimana del 17-18 settembre sono stata a Prato con la mia amica Cristina (ne scriverò domani o domenica), una città davvero deliziosa e a misura d'uomo dove mi sono trovata benissimo. Cristina è molto amante dell'arte e, benché specializzata sulla città di Milano, mi ha fatto gustare le opere che abbiamo visto: dalle splendide chiese (San Francesco ha una sala capitolare che è un gioiellino) alle opere d'arte ivi racchiuse, mi ha spiegato per filo e per segno le differenze tra i vari stili e la decorazione tipica del gotico pisano, così anche se sono ignorante come una capra, la prima volta che mi capita di andare in Toscana butterò lì con nonchalance : "Guarda quella chiesa in stile romanico, con decorazione in stile gotico pisano!" e farò la mia porca figura, tutto grazie a lei (minimo sforzo per un massimo risultato: il mio motto!!! ^_^).
Vorrei poter dire che ho approfittato della visita in Toscana per fare il pieno di prodotti toscani, ma complice uno sciopero ferroviario che ci ha bloccate a Prato visto che non volevamo spostare la macchina (e chi la parcheggiava più, in centro, di sabato sera?), ci siamo limitate al mercatino locale, che però proponeva solo sapori europei e anzi, in prevalenza mitteleuropei.Abbiamo così gustato dell'ottimo stinco di maiale arrosto marinato nella birra scura, acquistato sidro e aceto di sidro di Normandia, biscotti alla cannella dall'Olanda, senapi dagli aromi più strani e tante altre cosucce particolari, ma di prodotti locali non c'era neppure l'ombra.
Fortunatamente l'autore della ricetta che ho scelto per l'ultima puntata delle (st)Renne coi fichi* ci concede graziosamente di utilizzare anche il filetto di un maiale semplice, in mancanza della più pregiata cinta; posso solo immaginare quanto sia buona quest'ultima, ma vi garantisco che pure col filetto di maiale comune questa preparazione, facile e veloce, è deliziosa.
* E' l'ultima puntata per noi (st)Renne, ma voi avete tempo fino all'8 ottobre per postare ricette gluten-free con i fichi e mettere il link da Stefania, vincendo la possibilità di diventare (st)renna per un mese partecipando ai nostri backstage e la possibilità di concorrere al premio finale, un week-end per 2 persone presso l'Agriturismo Baglio Costa di Mandorla di Paceco (TP); e adesso che sappiamo che lì vicino, a Petrosino, fanno un ottimo aceto balsamico, direi che il premio si fa ancora più allettante!!! :-D
FILETTO DI CINTA ROSATO E FICHI GLASSATIDa La Carne – Food Editore

FILETTO DI CINTA ROSATO E FICHI GLASSATIPer 4 persone:500 g filetto di cinta senese (o di maiale)4 cucchiai olio extravergine di oliva2 spicchi d'aglio in camicia (=non sbucciati)2 foglie d'alloropepe di Zhichuansale6 fichi rossi1 bicchiere di Amarone della Valpolicella1 noce burro1 cucchiaino zucchero di cannasaleFILETTO DI CINTA ROSATO E FICHI GLASSATIPreparare i fichi glassati: lavare i fichi, privarli del picciolo e dividerli in 4 spicchi.Scaldare in una padella il burro con lo zucchero di canna, unirvi i fichi e irrorare con l'Amarone. Salare leggermente e far cuocere lentamente mescolando con delicatezza i fichi, fino a farli glassare bene. Tenere in caldo.Cuocere la carne: Pestare in un mortaio 4 manciatine di pepe di Zhichuan insieme a poco sale e farvi rotolare il filetto di carne, in modo da formare una crosta.Scaldare una padella di rame con l'olio, l'aglio e l'alloro e rosolarvi la carne a fiamma viva per 6-8 minuti, facendo colorire bene l'esterno e lasciando il cuore rosato. Tagliare a fette e servire la carne con i fichi glassati e con la loro salsa.FILETTO DI CINTA ROSATO E FICHI GLASSATI


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :