Magazine Basket

Finale Serie A: rispettata la legge del Pianella, 2-1!

Creato il 16 giugno 2011 da Basketcaffe @basketcaffe

cantu-siena1L’inizio gara faceva presagire ad una galoppata senese. Al 5-0 Montepaschi però la Bennet non si è scomposta, e neanche sul 14-7, quando capitan Mazzarino per la prima volta ha fatto intuire che sarebbe stata una partita ben diversa rispetto alle prime due della serie. Il primo quarto è chiuso però da un break firmato Hairston che rilancia i suoi sul 19-14. Trinchieri estrae dal cilindro la difesa a zona: Siena perde fluidità e non riescie più a trovare il fondo della retina, mentre dall’altra parte Micov e Mazzarino segnano con continuità trascinando Cantù sul +6 a metà gara. Al rientro dagli spogliatoi la Bennet cerca il colpo del k.o., ma un incredibile Bo McCalebb tiene a galla Siena che si ritrova solo sotto di 5 punti all’ultima pausa. Il piccolo play ex Partizan apre l’ultima frazione con 4 punti in fila, Lavrinovic trova il pareggio a quota 57, ma contestualmente alla tensione, sale anche l’intesità difensiva dei brianzoli. Markoishvili risponde agli assalti senesi da grande campione, ridando fiducia offensiva ai suoi: arrivano anche i canestri di Micov e una tripla di Mike Green, che chiude definitivamente i conti: Cantù riapre così la serie portandosi sul 2-1! Domani gara-4 ancora al Pianella, campo non certo facile.

Bennet Cantù - Montepaschi Siena 80-71 (Green 16, Mazzarino 15; Lavrinovic 22, McCalebb 16)
Serie: 2 a 1 Siena

Felice, ma non certo appagato, Andrea Trinchieri:

Abbiamo couagulato le energie e gestito le forze partendo piano e finendo forte. E’ una serata che ricorderemo, anche se di trofei non ne vedo, perchè siamo riusciti, dopo qualche anno, a sconfiggere Siena e qualche squadra l’ha battuta in finale. L’abbiamo fatto di squadra, spalmando le iniziative. La cosa che più mi fa sperare è che abbiamo vinto pur perdendo 22 palloni, palle perse provocate dalla nostra foga. Però perdono i miei giocatori perchè era la partita dell’anno e quindi qualche volta la lucidità ha lasciato spazio alla voglia. Adesso proveremo a recuperare le nostre energie fisiche e specialmente mentali perchè tra 48 ore si torna in campo“.

E’ conscio di avere di fronte un’avversaria pericolosa invece Simone Pianigiani:

E’ stata una gara equilibrata. Siamo partiti bene, in equilibrio, cosa che volevamo fare fuori casa. Poi nel secondo quarto abbiamo perso il ritmo contro la zona, mentre contemporamente lo prendeva Cantù. Anche se la fiammata della Bennet ci stava, avremmo voluto essere all’intervallo più o meno pari invece che sotto di 6 punti. Nel secondo tempo invece, quando la partita era in equilibrio ed eravamo arrivati dove volevamo essere, le giocate importanti le ha fatte Cantù. Noi abbiamo commesso qualche errore difensivo che non ti puoi permettere se vuoi venire a vincere qui, come, per esempio, il canestro sulla rimessa quando eravamo in parità, e abbiamo lasciato alla Bennet dei tiri aperti. Bravi loro a segnarli, ma è due anni che dimostrano che sono in grado di realizzarli e quindi in quel frangente dovevamo essere più attenti“.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :